Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.872
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis, Vivendi & Co.
di Adriano Bonafede
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 23 ottobre 2017

Quando Lactalis, il 17 marzo 2011, entrò con l'11,4 per cento nel capitale di Parmalat, fu un fulmine a ciel sereno ma nessuno in quel momento poteva conoscere le reali intenzioni del gruppo francese, né quest'ultimo le dichiarò. Di lì a qualche mese avrebbe lanciato l'Opa. Se la prima acquisizione fosse avvenuta oggi, Lactalis avrebbe dovuto dichiarare subito le sue intenzioni, grazie ai nuovi obblighi di comunicazione previsti dal decreto legge emanato nei giorni scorsi dal governo in materia finanziaria. Non soltanto, ma Lactalis avrebbe dovuto dichiarare come avrebbe finanziato la scalata, e in quell'occasione avrebbe dovuto dire che una parte cospicua del finanziamento, pari a 1,4 miliardi, l'avrebbe trovato proprio dentro le casse della "preda". Sempre guardando al passato, la spagnola Telefonica, acquistando il 46,18 di Telco, si ritrovò con il 22,45 per cento di Telecom. In quel preciso momento, avendo superato la soglia del 20 per cento nella controllata (e quotata) Telecom, avrebbe dovuto comunicare – applicando le norme di oggi - alla Consob e alla stessa Telecom cosa avrebbe fatto. In tempi più recenti, Vivendi ha acquisito a partire dall'autunno 2015 e fino alla primavera del 2016 quote di Telecom fino ad arrivare al 25 per cento. Allo stesso modo, Vivendi ha cominciato a partire dalla fine del 2016 a comprare azioni di Mediaset arrivando alla fine a una soglia poco sotto il 30%. In entrambi i casi, il gruppo francese, se fossero già state in vigore le nuove norme, avrebbe dovuto dichiarare le intenzioni fin dalle prime tranche di acquisti.
Da notare che di recente Warren Buffett ha comprato il 9 per cento di Cattolica. Dovesse superare il 10, scatterebbe l'obbligo di comunicazione. Insomma, il mondo sembra cambiato ora che sono in vigore le nuove soglie per la comunicazione del 10, 20 e 25% previste dal decreto legge. Di fatto, chi supera già il 10% di una quotata non può avere più segreti, almeno di fronte alla stessa "preda" e alla Consob, cui sono indirizzate le comunicazioni. «Gli obblighi di dichiarazione - spiega Valerio Lemma, professore ordinario di diritto dell'economia a Roma – al momento non riguardano il pubblico ma soltanto l'autorità di vigilanza e la stessa società oggetto degli acquisti. Com'è previsto nel decreto legge, sarà poi la Consob con un proprio regolamento a stabilire quando e come il pubblico dovrà essere informato». Comunque, se non altro, abbiamo di fatto copiato la legislazione francese (ma c'è qualcosa del genere anche negli Stati Uniti, dove la soglia di comunicazione è più bassa, il 5 per cento, ma dove non esiste l'obbligo di Opa come in Europa). Quella d'Oltralpe è considerata una delle legislazioni più protezionistiche del continente. E sembra che, almeno in un punto, la nostra sia più restrittiva: «Sembra infatti previsto - spiega Lemma - che la società acquirente, dopo aver reso una dichiarazione a una certa soglia, possa cambiare idea nei sei mesi successivi solo se intervengono "cambiamenti delle intenzioni sulla base di circostanze oggettive sopravvenute", e non dunque in conseguenza di un mero mutamento di opinione». Ma in Francia «se si cambia idea - dice Amélie Champsaur, partner di Cleary Gottlieb - basta effettuare una nuova dichiarazione». C'è però un punto oscuro nella normativa italiana: che succede se il "predatore" acquista partecipazioni sul mercato nei dieci giorni precedenti la dichiarazione a Consob sulle proprie intenzioni? «La disciplina sugli abusi di mercato - spiega Lemma - dice che le informazioni sulle proprie intenzioni di acquisto di quote in società quotate non sono di per sé informazioni privilegiate, anche se la Cassazione, di recente, in certe circostanze sembra prendere strade diverse». Si dovrebbe quindi pensare che non ci sia alcuna violazione di legge ma bisognerà vedere il regolamento della Consob. Quale sarà l'effetto della nuova norma? «Probabilmente - dice Lemma - visto che l'informativa sulle intenzioni deve essere precoce, il mercato reagirà facendo le sue valutazioni e quindi incidendo sulle quotazioni del titolo sotto attacco». Ciò probabilmente renderà più costoso per la società predatrice il costo finale dopo la prima comunicazione del superamento del 10%. Tuttavia è possibile anche pensare che «chi vuole assumere il controllo di una società quotata possa utilizzare i 10 giorni che possono passare tra il superamento della prima quota del 10 per cento e la sua comunicazione alla Consob e alla "società target" per contrattualizzare anticipatamente, mediante opzioni d'acquisto, i termini dell'acquisto delle quote successive, bloccandone il prezzo, come avviene negli Stati Uniti in cui c'è una normativa simile», commenta Lemma. Nell'arco dei dieci giorni, restano in ogni caso fermi gli obblighi di comunicazione delle partecipazioni rilevanti entro quattro giorni di mercato aperto successivi all'acquisto, così come da anni previsto nella regolamentazione vigente. La legge è fatta, ma rimangono come si vede ancora numerosi aspetti da chiarire.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Se in Italia tanto risparmio viene sprecato la colpa è anche...
Indice di allerta nelle crisi di impresa: esiste, funziona...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
La correzione degli errori di bilancio
Privacy, rischi da valutare subito
Fatturazione elettronica obbligatoria, l'allarme dei...
Perché i commercialisti non ci saranno più
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Più tempo per la formazione
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Imprese familiari fatturato in crescita, ma visione "a breve"
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Regole e capitale, così il credito si allontana dalle Pmi...
Ai tempi del robot aumenta il valore del capitale umano
I giovani bocciano la formazione scolastica
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Imprese, manca lo spirito di squadra e così l'open...
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
La ripresa c'è ma non si vede: «Vanno sostenuti i sogni...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Società 50-50: come superare il problema
Piccole imprese: come tirarsi fuori dai debiti con 6 consigli...
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Crediti deteriorati: cosa sono i Non Performing Loans (Npl)?
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Il big bang, dieci anni dopo. Che cosa è cambiato a Wall...
Le incognite che vede la Bce
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)