Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

«Non abbiate paura di sbagliare il coraggio premia gli investimenti»
di A. Fr.
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 25 settembre 2017

«La tecnologia informatica era molto costosa 20 anni fa, mentre oggi non lo è più e offre risultati impensabili. Bisogna avere il coraggio di rischiare e sbagliare, partendo con dei progetti pilota e ragionando sul day-by-day». In un Paese dove l'innovazione digitale fatica a mettere piede in fabbrica, parole come queste rappresentano forse uno dei migliori spot per l'industria 4.0 sfornati finora. Non tanto e solo per i messaggi veicolati, quanto e soprattutto per la provenienza. A pronunciarle non è infatti uno dei tanti funzionari del Mise che da gennaio sta provando a svegliare le imprese dal sonno digitale a colpi di piano Calenda, ma qualcuno che sta dall'altro lato della barricata. Si tratta di Cesare Battaglia, amministratore delegato della Silc (Società italiana lavorazione cellulosa), un'azienda che di fabbrica 4.0 è oggi pioniera e la cui storia insegna davvero molto. Nata nel 1972 come produttore di ausili assorbenti monouso, principalmente con il ruolo di produttore per conto delle più importanti aziende sia a livello italiano sia a livello europeo, a metà degli anni '90 decide di strutturarsi dal punto di vista commerciale per affrontare autonomamente il mercato. E dal 2003 inizia ad ampliare il portafoglio prodotti in ambito cosmetico, dalle salviettine alle creme passando per i detergenti, in coerenza con i quattro target originari: anziani, donne, bambini e animali da compagnia. Sono questi gli anni in cui l'azienda avvia un processo di trasformazione digitale, che fra il 2014 e il 2015 conosce una decisa accelerazione.
«L'interconnessione di macchine e sistemi informatici è una nostra priorità dai primi anni Duemila. Avevamo già allora la necessità di collegarli per migliorare la guida dell'intero business e abbiamo iniziato a investire — racconta l'a.d. Battaglia —. Circa 3 anni fa ci siamo poi dovuti focalizzare sul monitoraggio dei consumi energetici, che hanno un peso importante sulla voce dei costi aziendali, perché ci siamo resi conto che c'erano dei buchi neri: gli impianti a regime ridotto consumavano solamente poco meno rispetto al regime pieno». La prospettiva di aumento della produzione e il problema consumi spingono così l'impresa ad affrontare subito e di petto la situazione. Dall'installazione di sensori di misurazione e dall'analisi dei dati nasce un modello di predittivo talmente utile che presto Silc decide di estenderlo prima ai crediti («Lavoriamo con le farmacie, per fare affidamento devi saper stimare») e poi alla produzione, anticipando l'avvento dei nuovi paradigmi 4.0. Si dota così di un sistema di monitoraggio che, fra dati sulle manutenzioni ordinarie e non, sui fermi macchina e sulla produttività, funge oggi da strumento di business intelligence. E su questa nuova logica basa nel frattempo l'introduzione dei nuovi macchinari, scelti secondo la migliore integrazione possibile con il sistema messo in piedi nel corso degli anni. «Avendo a disposizione una panoramica completa sul ciclo produttivo, siamo in grado di prendere decisioni più mirate e opportune. Ora ci stiamo concentrando sulle soluzioni di analytics, perché consentono di potenziare il processo di sviluppo di modelli innovativi e, di conseguenza, anche di avere dei business plan al passo con le sfide del futuro. La grande novità dell'industria 4.0 — sottolinea l'Ad — è la predittività, che consente di essere sempre in partita. Naturalmente è importante lavorare bene nella fase iniziale, per dotarsi dei prerequisiti essenziali di networking, sicurezza e potenza». Oggi un'intera linea delle 25 che abitano nello storico stabilimento di Trescore Cremasco, nel cuore della Lombardia, è monitorata da un sistema che tiene d'occhio tutto il ciclo di controllo, tutti i materiali che entrano e altri processi. L'obiettivo di Silc, che conta oggi circa 250 dipendenti e più di 4.500 clienti, è connettere tutto il sito produttivo entro 4-5 anni e ottenere modelli predittivi a 360 gradi. Dare così una spinta ai piani di crescita, beneficiando degli investimenti stanziati negli ultimi anni e focalizzati sullo sviluppo digitale, e consolidare in particolare la forza della divisione Trade, che propone sia i marchi Silc che le private label e vale il 46% del business aziendale (circa 39 milioni sugli 83 fatturati nel 2016), e della divisione Farmacia, che copre invece il 20% dei ricavi. Il passaggio da terzisti puri a pionieri dell'industry 4.0 non è stato comunque solo frutto di investimenti e istinto innovativo. Un peso importante, ricorda Battaglia, lo hanno avuto i partner tecnologici, come Ibm e altri player, imprescindibili nella progettazione e nello sviluppo della fabbrica connessa: «Oggi la tecnologia costa poco e offre tanto. Il problema non è più trovarla, ma scegliere quella più in linea con le esigenze. Non si può però credere di sapere tutto: bisogna trovare il partner giusto, cioè affidarsi a chi ne sa sicuramente di più. Non un semplice fornitore di macchine — avverte Battaglia — ma un alleato che investe in ricerca e sviluppo ed è al passo con i tempi. È fondamentale, specialmente in una logica di lungo periodo, perché permette di ragionare su 10 anni, cioè di abbandonare quella logica del follower che limita la competizione esclusivamente al prezzo».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi presentare la tua business idea?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Procedure d'allerta con incognita i «parametri finanziari»
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Bancarotta, estesa la non punibilità
Commercialisti, la svolta
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Ma il gig worker guadagna spiccioli
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Banche italiane più sicure: la classifica
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Come nascondere i soldi in banca
Terzo settore, riforma in 42 passi
Le incognite che vede la Bce
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Come avere successo nella vita: cinque strategie mentali...
La santa alleanza per industria 4.0, più competitività meno...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)