Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Nessun muro tra regole e tasse
di Donato Masciandaro
Il Sole 24 Ore
Martedì 22 febbraio 2011

In Italia, Europa e Stati Uniti i politici continuano a occuparsi del sistema finanziario e delle banche, sapendo quanto i loro elettori siano sensibili sull'argomento. Il tema è centrale nell'incontro del G-20 a Parigi, almeno su due tavoli diversi: la regolamentazione e la tassazione. Nuove regole sono all'orizzonte, con Basilea 3; ma anche l'argomento della tassazione delle attività finanziarie è sistematicamente presente nell'agenda delle riforme. Regole e tassazione possono essere entrambi utili strumenti, purché maneggiati nel modo giusto; ci sono degli errori da evitare.
Partiamo dal fatto che dopo la crisi finanziaria tutti i politici hanno solennemente promesso che si sarebbero impegnati a evitare di ripetere l'errore di trascurare i danni che l'instabilità sistemica, nata dal cattivo funzionamento del settore bancario e finanziario, può causare ai cittadini nel loro complesso, che sono poi chiamati a pagarne i costi, in termini di incertezza e maggiori tasse.
Per affrontare le esternalità che il rischio d'instabilità che l'attività bancaria o finanziaria può causare alla comunità ci sono due strade. L'attività può essere limitata ovvero addirittura vietata, usando la regolamentazione. Ovvero si può tassare, disegnando la tassazione in modo da penalizzare chi si impegna nelle attività potenzialmente più tossiche.
In linea di principio, tassazione e regolamentazione possono essere egualmente efficaci per ridurre i rischi d'inquinamento da instabilità finanziaria. Nella realtà la maggiore difficoltà è misurare il grado di tossicità sistemica che uno strumento finanziario piuttosto che una specifica attività possono causare. Un qualunque contratto finanziario - può essere un mutuo o un derivato - può essere più o meno tossico a seconda degli operatori, del mercato, e della situazione contingente in cui viene usato.
La difficoltà di misurare la potenziale rischiosità sistemica di un certo contratto finanziario - che non deve comunque essere considerato un problema di cui smettere di cercare la risposta - ha rappresentato però un comodo alibi per commettere un grande errore: considerare separatamente il tema della tassazione da quello della regolamentazione delle attività finanziarie.
Infatti, nel dibattito corrente l'impostazione più frequente è quella di considerare regolamentazione e tassazione due strumenti separati per affrontare due problemi diversi: la regolamentazione deve occuparsi di prevenire l'insorgere di crisi sistemiche; la tassazione deve preoccuparsi di gestire i costi che le crisi, una volta avvenute, producono sulla comunità.
La regolamentazione finanziaria è divenuta l'intervento preferito dalla politica per affrontare la questione di come disincentivare i comportamenti potenzialmente tossici. La regolazione può imporre divieti e limiti in via diretta; pensiamo a interventi dello Stato tipo la cosiddetta Volcker Rule, che limitano strutturalmente la possibilità degli intermediari di impegnarsi in determinate attività.
Oppure il disegno delle regole può cercare di ridurre ex ante il rischio d'instabilità sistemica in via indiretta, attraverso politiche tipo Basilea 3 che stabiliscono in via prudenziale rapporti costanti tra le scelte imprenditoriali delle banche e la loro struttura d'indebitamento.
Per quel che riguarda la tassazione, invece, si è rinunciato a provare a disegnarla in modo coerente con la rischiosità sistemica delle diverse attività finanziarie. Si è preferito assegnarle una funzione distributiva: occorre trovare un criterio per raccogliere risorse, che possano essere utilizzate per coprire i costi sistemici che le crisi provocano.
Per cui gli intermediari devono essere tassati a seconda della loro dimensione, ovvero dei loro profitti. Peccato che proprio l'ultima crisi finanziaria ha evidenziato come non esista correlazione tra dimensione, ovvero redditività, e rischiosità in termini sistemici di un intermediario.
La scelta della politica ha una duplice spiegazione molto semplice, come mostra una ricerca in corso presso il Centro Paolo Baffi della Bocconi. In primo luogo, nei sistemi democratici, tra un intervento dello Stato che colpisce poco ma tutti - una tassazione - e una regolamentazione che invece colpisce selettivamente qualcuno, le banche, gli elettori preferiscono la seconda.
E la distorsione aumenta se la tassazione colpisce selettivamente un settore già regolamentato, come è il caso del settore bancario, con rischi di effetti a catena su tutti i portatori di interessi, a partire dalle imprese.
Occorre ripensare completamente il rapporto tra regolamentazione, tassazione e rischio sistemico. Perché la crisi finanziaria non sia avvenuta invano.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
Borse, è la festa più lunga. Gli Usa macinano record e...
Whistleblowing, tutte le incognite per chi denuncia un...
L'allerta salva azienda chiede competenze forti
Bancarotta, estesa la non punibilità
La punta di diamante dell'inganno bancario
Ai tempi del robot aumenta il valore del capitale umano
«Ridurre scadenze e adempimenti così si semplifica la...
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
I revisori chiedono un giusto compenso alla Pa
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Le banche centrali spiazzate di fronte all'enigma Bitcoin
Bollette più leggere, arriva l'energy manager
La ripresa c'è ma non si vede: «Vanno sostenuti i sogni...
Franchising e nuovi negozi, il commercio tradizionale...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Società 50-50: come superare il problema
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Crowdfunding per tutti i gusti, la nuova frontiera è l'equity
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
L'ape regina in ufficio: è vero che le donne sono più...
Il big bang, dieci anni dopo. Che cosa è cambiato a Wall...
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
2021, la carica dei "mini ingegneri". Così i periti industriali...
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
«Lo Stato ci dà troppi oneri», la rivolta dei commercialisti
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)