Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.740
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Mps, cosa fare perché non si ripeta
di Rainer Masera
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 12 dicembre 2016

A partire dagli anni 80 e fino alla crisi del 2007-08 si è assistito negli Stati Uniti e in Europa a un processo di deregolazione delle banche, accompagnato dall'assioma che nel nuovo ambiente competitivo la banca doveva essere considerata fondamentalmente come un'impresa. La vigilanza doveva essere basata su principi generali e ancorata ai sempre più complessi e sofisticati modelli di Basilea sul capitale minimo collegato agli attivi ponderati per il rischio. La crisi ha imposto di riconsiderare questo approccio, ma permane l'impostazione della banca-impresa. In assenza di separatezze strutturali, si sono fatte sempre più cogenti e pervasive le regole sul capitale, sulla liquidità, sulla trasformazione delle scadenze. Anche i requisiti di corporate governance sono stati resi più stringenti per contenere i rischi e sollecitare la creazione di valore sostenibile per tutti gli stakeholders. Si è affermato il principio che i l taxpayer non deve essere l'ancora di salvezza per gli errori della banca-impresa. Si è contenuto l'azzardo morale costruendo un sistema rivolto a internalizzare le perdite (bail in).
Questi comuni indirizzi sono stati declinati in modo diverso in Europa e negli Stati Uniti. Al di là dell'Atlantico si è in primo luogo, già dal 2008, accompagnato il processo con un forte sostegno pubblico, e in particolare con garanzie alle cartolarizzazioni dei prestiti sia in bonis, sia non performing delle banche. Si è adottato un approccio proporzionale nell'applicazione delle nuove regole, anche per salvaguardare il nesso tra piccole-medie banche e il credito alle piccole-medie imprese. Si è adottato un mix più efficace tra la politica monetaria e quella fiscale. In sintesi, si è posta maggior attenzione per evitare che la calibrazione microprudenziale delle regole non avesse effetti indesiderati a livello macro (fallacia di composizione). L'Europa ha fatto passi importanti nell'alveo dell'Unione Bancaria, ma con ritardi, indecisioni e con politiche economiche non adeguate. In particolare il disegno del sistema del bail in mostra contraddizioni e crepe: l'Italia le sta sperimentando. L'esasperata enfasi sui vincoli di capitale (one-size-fits-all) in un'economia europea che stenta nell'uscire dalla deflazione e nel manifestare una solida ripresa ha implicato gravi costi per la crescita. Soprattutto non si è adeguatamente tenuto conto che, in condizioni di ristagno, continui aumenti di capitale (oltre a neutralizzare gli impulsi espansivi di politica monetaria) non rappresentano una condizione nè necessaria, né sufficiente, per la durevole solidità della banca-impresa.
Gli aumenti "forzosi" di capitale dilatano il divario fra il ritorno della banca e il costo del nuovo capitale, sospingono, in un circolo vizioso, ben sotto l'unità il rapporto prezzo-libro, ingenerando sfiducia e dubbi sullo stesso libro, che pure è il cardine degli standard di Basilea. Al di là dei necessari presidi di capitale di rischio, ciò che occorre è che la redditività sostenibile di medio periodo sia ricondotta su valori superiori al costo complessivo dell'indebitamento. È questa la vera condizione per creare valore. Altrimenti le immissioni di capitale fresco finiscono con il procrastinare e amplificare i problemi. Resta comunque vero che la responsabilità prima per il rilancio sostenibile della banca-impresa sta agli azionisti, all'assemblea e più direttamente al consiglio di amministrazione e al management (scelto dal CdA). Questa lunga premessa appare necessaria per inquadrare correttamente le problematiche che il Mps, le autorità e le banche italiane sono oggi chiamate ad affrontare. Cinque secoli di storia del Monte sono stati distrutti da errori e cattiva gestione; gli aumenti di capitale sono stati dissipati. Piani industriali irrealizzabili avevano accompagnato le iniezioni di mezzi freschi. Il valore Mps nonostante le continue trasfusioni di mezzi è dell'ordine di 700 milioni.
La Banca d'Italia ha formulato critiche serrate al meccanismo di bail in. Sottolineo due incongruenze delle norme europee, per non parlare delle opacità e della compatibilità con le regole sugli aiuti di stato. Un pilastro dell'esercizio dovrebbe essere il sistema comune di assicurazione dei depositi che invece non è stato definito. I depositi sono la componente principale della moneta: non deve venir meno la certezza sul loro valore nominale. Un secondo cruciale elemento sta nella definizione delle regole sul capitale (Mrel) per consentire alle banche di assorbire le perdite in caso di bail in. Solo nei giorni scorsi l'Eba ha fornito al riguardo indicazioni quantitative, in base alle quali occorre l'emissione di quasi 300 miliardi da parte delle banche europee. Entrambi questi elementi non sono ancora stati attuati, eppure da essi dipende il buon funzionamento del BRRD. In conclusione, l'applicazione troppo meccanicistica delle regole (comunque incomplete) di bail in ha sospinto verso l'alto il costo del funding delle banche e ingenerato effetti prociclici. Il caso Mps è emblematico: gli aumenti di capitale possono essere inutili o addirittura dannosi se non si assicura la condizione sopra ricordata: redditività sostenibile superiore al costo del debito.
Al momento di scrivere questa nota appare che l'attuale aumento di capitale possa avvenire a condizioni "di mercato", dopo che la Consob ha approvato la conversione dei bond subordinati in mano al pubblico retail. Di per sé si tratta di un passo positivo. Ma questo scenario non può indurre a procrastinare ancora un intervento pubblico, concordato con Bruxelles e Francoforte, che preveda l'attivazione di garanzie per eventuali inoptati degli aumenti di capitale di molte banche che soffrono nel rispettare gli aut aut della seconda torre di Francoforte. Occorre trovare forme idonee, anche con sostegno pubblico, per assorbire in parte le perdite dei piccoli obbligazionisti subordinati. Occorre che si crei un sostegno ai prezzi dei distressed assets, per evitare che le perdite da vendite forzate generino una spirale viziosa con l'esigenza di nuovi aumenti di capitali. Il modello evocato per far fronte a evidenti fallimenti di mercato non deve essere visto necessariamente come un nuovo onere per il contribuente. Anzi, come dimostra l'esperienza degli Stati Uniti, può generare utili, ma occorre trovare un management per le banche che facciano ricorso ai nuovi meccanismi qui auspicati capace e indipendente, non condizionato da retaggi superati. Molti giovani banchieri italiani che operano con successo, anche sulle piazze di Londra e di New York, rispondono a questi requisiti.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Anche Unionfidi Piemonte in liquidazione, ecco perché...
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Pagamento in contanti: quando si rischia
Banche italiane più sicure: la classifica
E se i lavoratori avessero il cartellino come i calciatori?
Come nascondere i soldi in banca
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
Quando, e perché, gli esseri umani iniziarono a usare il...
Dagli avvocati ai farmacisti: così la nuova legge sulla...
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Al via la formazione obbligatoria per i revisori legali
Italia, ottime idee ma poche risorse. Così i brevetti non...
Bini Smaghi: «In Europa serve una megabanca»
La santa alleanza per industria 4.0, più competitività meno...
Niroumand: «Con le startup del Fintech si dirà addio alle...
Fondi pensione, patrimonio triplicato in 10 anni di riforma
Intelligenza artificiale e Big Data. Così i robot cambiano...
«Noi, commercialisti specializzati come i medici»
Il bazooka e l'illusione dell'effetto-leva
Come riconoscere la solidità di una banca
Belpaese, solo il 37% "comprende" la finanza
Interconnessione e sensori, l'agricoltura sta al passo
Mercato sofferenze bancarie ai nastri di partenza, 60...
Banche in pericolo, così i piccoli e medi istituti rischiano...
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
La crisi delle banche italiane spiegata (con parole semplici)...
L'export frenato da formato bonsai delle ditte
Reati penali societari in forte aumento e lo studio legale...
Co-Ceo, quando a comandare sono in due
Busta paga più ricca, il "mito" della laurea supera la prova...
Commercialisti, un "service" per liberarsi dal fisco
Unicorni, le start-up che valgono 647 miliardi
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Un milione per il capo azienda. Il rebus delle politiche...
Industria, il mondo in mano ai robot. Ma il lavoro resisterà...
I gioiellieri contro le banche. Scoppia la guerra dei diamanti
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)