Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Moneta digitale, meno evasori e costi ma in Italia gira ancora troppo cash
di Andrea Frollà
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 16 ottobre 2017

Forse siamo semplicemente destinati a vivere in una marea di contante. Forse i pagamenti digitali non riusciranno mai a rompere il legame che unisce le banconote e gli italiani. E forse nemmeno la carica dei Millennials servirà a minare le fondamenta dell'ecosistema cash in Italia. Tutti questi dubbi, ampiamente leciti, vengono a chiunque osservi l'Italia dei pagamenti digitali e non. Fra trend negativi, come l'aumento del contante in circolazione, e numeri positivi (ma non abbastanza) sul fronte e-payment, parlare di cashless society in Italia può sembrare una follia. Ma quei forse lasciano qualche speranza a cui è bene aggrapparsi, visti i vantaggi che una vera trasformazione digitale garantirebbe. In Italia le transazioni digitali, rileva l'Osservatorio Mobile Payment & Commerce, sono in costante aumento (190 miliardi di euro nel 2016, +9% anno su anno) e valgono oggi un quarto dei consumi. La stragrande parte (160 miliardi) passa dai Pos tradizionali, la restante da pc, tablet, smartphone e terminali contactless. Una performance che si inquadra in un contesto europeo dove, secondo i numeri della Bce, i pagamenti no-cash sono aumentati dell'8,5% fra 2015 e 2016 con un'impennata dell'uso di carte.
Non siamo messi così male, verrebbe da pensare. Invece sì: per quanto positiva, la corsa digitale non basta a contrastare la diffusione del contante, che continua a godere di un'ottima salute. A certificare questo trend è anche l'ultimo aggiornamento dell'indice di sviluppo della cashless society elaborato dal Forum Ambrosetti, che vede l'Italia guadagnare una posizione nella classifica UE a 28 e piazzarsi al 24° posto. Superare Ungheria, Grecia, Bulgaria e Romania non è però un risultato da poter sbandierare con troppa fierezza. Non va meglio restringendo l'analisi alla cash-intensity, cioè al rapporto tra valore del contante in circolazione e Pil: il nostro Paese, con oltre 180 miliardi (dati Bankitalia), conquista la sconfortante 25esima posizione su 131 economie mappate e il 2° posto nell'Unione europea. La velocità di diffusione dei pagamenti elettronici migliora ma, avverte il report, non basta a colmare il divario con i Paesi più virtuosi come quelli del Nord-Europa. I benefici di una transizione verso la cashless society farebbero molto comodo alle nostre politiche economiche, sempre alle prese con cinghie strette e calcoli al centesimo. Si può citare il più evidente, ossia la possibilità di far emergere l'economia sommersa: un aumento del 10% annuo nelle transazioni elettroniche per almeno 4 anni consecutivi, stima il Forum Ambrosetti, ridurrebbe il sommerso di almeno del 5%. Cifre importanti se si considera che le stime del transato extra-radar in relazione al Pil spaziano dal 13% dell'Istat al 30% dell'Eurispes. Un altro vantaggio, difficile da percepire ma altrettanto rilevante dal punto di vista socio-economico, è la riduzione del costo di gestione del contante. Una voce che, secondo la Banca d'Italia, pesa sulle tasche della filiera per circa 10 miliardi di euro all'anno. Allineandoci alla media UE si potrebbero risparmiare 1,5 miliardi l'anno. Ci sono poi l'incremento del ciclo dei consumi, grazie allo stimolo digitale sulle attività economiche, l'aumento della sicurezza delle transazioni, favorito dai continui investimenti degli operatori del settore spinti in particolare dalla nuova direttiva Psd2, e più in generale, ma non meno importante, la spinta all'innovazione e alla digitalizzazione del Paese. Non a caso l'inserimento dell'e-payment fra i pilastri di una strategia digitale di lungo periodo è ciò che ha permesso negli ultimi 4 anni a Paesi come l'Irlanda, la Polonia, l'Australia e la Francia di imboccare la strada della cashless society. Anche se, spiegano gli esperti del Forum Ambrosetti, a questo passaggio di inclusione strategica è necessario accompagnare altro, a partire da una chiara governance della trasformazione digitale del settore dei pagamenti cui spetta il compito di trovare un equilibrio fra gli interessi dei vari stakeholder. Altrettanto importante è la declinazione concreta delle buone intenzioni, che deve includere il giusto mix di obblighi e incentivi, senza dimenticare l'importanza delle azioni di moral suasion e di repressione (quest'ultimo punto è uno dei più delicati, come dimostra il caso delle cosiddette "sanzioni Pos" che in Italia non riescono a vedere la luce). E un peso lo ha pure l'attività di ingaggio e sensibilizzazione di cittadini e imprese, traducibile nelle declinazioni più disparate e originali (vedi le lotterie degli scontrini). Sul fronte pubblico bisogna ammettere che l'Agid e il Team di Diego Piacentini si stanno impegnando. Ma, come accade quando c'è di mezzo il digitale, da soli possono ben poco. «È necessaria la collaborazione di tutti gli operatori del settore. Le competenze vanno messe a sistema. Il rischio di un digital gap è dietro l'angolo, anche e soprattutto per via degli Over-the-top che sono sinonimo di innovazione — sostiene Maurizio Pimpinella, presidente dell'Associazione italiana istituti di pagamento e di moneta elettronica —. Servono formazione ed informazione sui pagamenti elettronici. C'è bisogno di una campagna di informazione istituzionale che parta dalla Presidenza del Consiglio: noi come associazione siamo pronti a fare la nostra parte. Anche l'educazione finanziaria e la normativa a supporto del digitale sono basilari». In questo contesto, aggiunge Pimpinella, la PA può essere il vero driver: «Un pagamento su due in Italia è verso la Pubblica amministrazione. Quando tutti saranno nelle condizioni di pagare un tributo dalla poltrona di casa significherà non solo che le normative per l'innovazione sono state recepite, ma anche che ne è stato fatto un utilizzo consapevole e socialmente rilevante per gli italiani».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Personalizzazione del logo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Procedure d'allerta con incognita i «parametri finanziari»
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Bancarotta, estesa la non punibilità
Commercialisti, la svolta
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Ma il gig worker guadagna spiccioli
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Banche italiane più sicure: la classifica
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Come nascondere i soldi in banca
Terzo settore, riforma in 42 passi
Le incognite che vede la Bce
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Come avere successo nella vita: cinque strategie mentali...
La santa alleanza per industria 4.0, più competitività meno...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)