Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
di Stefania Aoi
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 17 luglio 2017

Oggi vende tè speciali come quello verde alla lavanda. Organizza degustazioni, e soprattutto si va via via espandendo grazie ai negozi in franchising. Fabiola Ruggiero, una passione smisurata per questa bevanda, ha aperto nel 2007 il suo Cose di Tè, a Jesi. Lei è una dei 1.355 startupper, che hanno ottenuto un prestito d'onore dalla regione Marche. Piccole imprese, quasi nessuna legata al mondo dell'Ict ma soprattutto al settore del commercio, che hanno avuto un bassissimo tasso di mortalità (solo 3 su dieci non ce l'hanno fatta) e hanno creato dal 2006 a oggi 3.300 posti di lavoro. Sono i numeri a parlare del successo di questa forma di finanziamento, una sorta di microcredito alle aziende, erogato grazie ai fondi elargiti tra il 2006 e il 2015, dall'Unione Europea. In tutto 7,9 milioni di euro che sono serviti in parte a costituire un fondo di garanzia, che permettesse a cittadini che altrimenti non avrebbero ottenuto un prestito dalle banche, di averlo. Così gli istituti di credito hanno potuto erogare ai novelli imprenditori circa 31 milioni di euro. Dai 25mila ai 50 mila euro a progetto. Si tratta di una storia iniziata molto prima dell'entrata in vigore della legge sul microcredito, anticipandone le dinamiche. I soldi non sono elargiti a fondo perduto ma devono essere restituiti in sei anni. «Affinché i beneficiari riescano a restituirli e dunque a creare aziende in grado di durare nel tempo - spiega Antonio Secchi, responsabile del Prestito d'Onore per la Regione Marche - vengono affiancati da dei tutor di alto profilo in campo economico, finanziario, esperti di business plan». Il risultato è stato che 7 piccole imprese su dieci (finanziate con questo modello) è ancora attivo, contro le tre su dieci, finanziate con risorse a fondo perduto. «Un dato – afferma Secchi – che deve far riflettere e che ci mostra come sia fondamentale responsabilizzare l'imprenditore».
I risultati. Partendo da quel 30% che non ce l'ha fatta. La maggior parte operava nel commercio. Del resto la metà delle domande di finanziamento hanno riguardato questo comparto. Soprattutto si chiedevano soldi per l'apertura di ristorantini o attività legate alla somministrazione di cibo. «Le aziende che hanno reso meglio sono invece quelle dei servizi alle persone e alle imprese, che costituivano il 31%del totale», prosegue il responsabile del prestito d'onore. Tante, per esempio, le realtà focalizzate sull'assistenza all'infanzia e agli anziani. Infine, appena il 18%delle startup che hanno utilizzato i finanziamenti offerti dalla Regione avevano per obiettivo di produrre beni. Inoltre, due terzi dei richiedenti finanziamento sono state donne. Mentre la metà aveva un'età inferiore ai 35 anni. Ecco, se a volte si guarda all'Europa come a un'entità distante o, peggio, una matrigna cattiva che ci sanziona quando commettiamo un errore, non è questo il caso. Gli oltre 3mila posti di lavoro creati nelle Marche sono anche merito dei finanziamenti erogati da Bruxelles. La Ue sa bene che la lotta alla disoccupazione passa dalla creazione di nuove piccole e medie imprese. «Queste rappresentano circa il 98% delle imprese europee – afferma Beatrice Covassi, capo della rappresentanza in Italia della Commissione europea - e producono l'85% dei nuovi posti di lavoro. Tre le priorità delle politiche Ue sulle pmi: intendiamo ridurre gli oneri amministrativi, favorire l'internazionalizzazione e migliorare l'accesso al credito per i nuovi imprenditori». Con il prestito d'onore, almeno nelle Marche, quest'ultimo obiettivo sembra essere stato raggiunto.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere garanzie ai confidi?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Procedure d'allerta con incognita i «parametri finanziari»
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Bancarotta, estesa la non punibilità
Commercialisti, la svolta
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Ma il gig worker guadagna spiccioli
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Banche italiane più sicure: la classifica
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Come nascondere i soldi in banca
Terzo settore, riforma in 42 passi
Le incognite che vede la Bce
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Come avere successo nella vita: cinque strategie mentali...
La santa alleanza per industria 4.0, più competitività meno...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)