Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.692
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Manager, tre anni di magra le retribuzioni restano al palo
di Luigi Dall'Olio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 16 gennaio 2017

Un triennio di stipendi sostanzialmente fermi. È l'amaro bilancio per i manager delle aziende operanti in Italia, secondo quanto emerge dall'ultimo Osservatorio Mercer sul costo del lavoro 2016, che Affari & Finanza pubblica in anteprima. Tra il 2013 e il 2016 gli stipendi sono infatti saliti di un trascurabile 0,2% contro il +2,2% registrato dalla totalità dei lavoratori. Peraltro, il confronto è penalizzante anche con i manager dei Paesi vicini, dato che nello stesso arco di tempo il progresso è stato del 2% netto in Francia, del 3% in Gran Bretagna, del 4,1% in Spagna e del 5,9% in Germania. Numeri che «riflettono la maggiore difficoltà del nostro Paese a intercettare la strada della ripresa economica», sottolinea Elena Oriani, Information Solutions Leader di Mercer Italia, e pongono una zavorra sulla capacità di intercettare i migliori talenti presenti su un mercato che si muove sempre più su scala internazionale. Per altro va considerato che l'indagine è stata condotta esclusivamente sulle multinazionali (377 quelle esaminate in Italia), che tendono ad avere politiche retributive più omogenee tra i vari Paesi, per cui probabilmente il differenziale sarebbe anche maggiore a considerare le imprese operanti esclusivamente nella Penisola. Se però si guarda alle retribuzioni totali, l'Italia non è messa così male, con una media 2016 (a considerare solo la quota fissa) di 109.088 euro annui. La Germania e la Gran Bretagna offrono retribuzioni più generose (rispettivamente 121.304 e 120.389 euro), mentre la Spagna e la Francia sono poco dietro (108.426 e 103.163). «A livelli assoluti non siamo messi molto peggio di altri Paesi, ma il trend più recenti evidenzia una divaricazione in corso», aggiunge Oriani. In tutti i casi si tratta di cifre al lordo, che poi vanno tarate in base alle aliquote fiscali presenti per ciascun Paese. In Italia questi livelli retributivi (come tutti i redditi superiori ai 75mila euro) sono soggetti a un prelievo del 43% (anche se poi andrebbero aggiunte le addizionali), in Germania del 42%, in Francia del 41% e in Gran Bretagna del 40%, con la sola Spagna a superarci con il 47%. La lenta ripresa dell'economia nazionale impatta anche sulle retribuzioni variabili. «Nell'ultimo anno i compensi legati ai risultati sono stati inferiori ai target preventivati pagando dazio a performance di bilancio spesso deludenti», aggiunge l'esperta. Che sottolinea come sia in corso un cambiamento di prospettiva: «Sempre più accordi spostano la quota variabile dagli obiettivi di breve a quelli di lungo termine per consentire la valorizzazione dell'attività svolta dal manager al di là di un periodo temporale ristretto». L'indagine di Mercer si sofferma anche sulle retribuzioni degli operai e in questo caso i risultati sono migliori per il nostro Paese. Nell'ultimo triennio le retribuzioni sono cresciute nell'ordine del 2,7%, poco sotto la Germania (+3,1%) e la Svizzera (+3,2%), mentre in Gran Bretagna sono balzate del 5,8%. In controtendenza la Francia, che ha registrato un calo dello 0,4%, mentre la Svizzera ha limitato il progresso allo 0,9%. Anche in questo caso la prospettiva cambia se però si passano a considerare i compensi in valore assoluto. In Italia un operaio guadagna mediamente 29,512 euro lordi annui, contro i 30.754 di un britannico, i 28.740 euro di un francese e i 26.377 di uno spagnolo. Gli operai più "ricchi" sono quelli tedeschi, che portano a casa mediamente 39.875 euro, un risultato che Oriani spiega «con il tradizionale approccio socialdemocratico della Germania in ambito occupazionale, che tende a limitare le differenze retributive legate ai differenti ruoli». Un altro fattore che premia gli operai tedeschi è l'ampia presenza di aziende di grandi dimensioni e di realtà attive nell'industria e nella chimica, che tradizionalmente pagano meglio della media. Il terzo capitolo della ricerca curata da Mercer riguarda gli andamenti retributivi riguardanti i diversi settori merceologici, a considerare la totalità degli assunti senza distinzioni di ruolo. Detto che in Italia la crescita media è stata del 2,2% tra 2013 e 2016, tra i settori cresciuti maggiormente vi sono l'information technology (+2,6%) e le life science (+2,4%), «il primo per l'elevato tasso di crescita delle aziende operanti nel comparto, il secondo perché tradizionalmente meno legato al ciclo economico», spiega l'esperta. Mentre performance inferiori alla media sono state registrate dal comparto energetico (il calo del prezzo del petrolio ha inciso sui bilanci delle imprese di settore) e dei consumer goods (penalizzato da consumi sostanzialmente stazionari). In entrambi i casi il progresso è stato limitato al 2%. «Anche se a livello percentuale le differenze sono di pochi decimali, assumono grande rilievo sul costo del lavoro per aziende che hanno decine o centinaia di dipendenti», conclude Oriani.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Equo compenso per gli avvocati
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
L'Italia torna ad attrarre gli investimenti esteri, balzo del...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
Banche e imprese, un rapporto in salita
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Banche alla prova del Tltro. Il grande rischio: perché i...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Il ragno della finanza
I capitali all'estero verso il rientro. Sanzioni ridotte, ma le...
Ogni giorno nascono 4 start up tech
La Borsa "alternativa" snobbata in autunno ma ora l'Aim...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Proteggere il risparmio dovere della democrazia
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Papa: «Npl, ogni anno si svalutano del 10%»
Private equity, la ritirata degli speculatori
Il pasticcio della riforma delle Popolari e la stretta via per...
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
Manager, tre anni di magra le retribuzioni restano al palo
Credito, resta forte la dipendenza dalle banche
Intesa Sanpaolo guadagna 500 milioni con i fondi della...
Nuove regole per le banche, aiuto per le Pmi
I nodi irrisolti che pesano sulle banche a Piazza Affari
Formazione, via al rush finale
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)