Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.856
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone c'è»
di Marco Frojo
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 27 novembre 2017

«Quello che è uscito dal ddl Concorrenza — peraltro con un iter di approvazione lunghissimo, nonostante si tratti di una legge annuale — è lontano da una vera liberalizzazione dei mercati, dalla reale condizione dell'economia del Paese, dalle esigenze di sempre più ampie fasce di popolazione che vivono un disagio tangibile».
Non le manda a dire Francesco Pugliese, l'amministratore delegato di Conad, sull'ennesima "non decisione" del governo di liberalizzare la vendita dei farmaci di Fascia C. Ancora una volta infatti non è stato dato il via libera alla vendita nelle parafarmacie dei farmaci che necessitano di una prescrizione medica ma il cui costo è interamente a carico dei consumatori. Si tratta di un mercato di grandissimo interesse per le 18.549 farmacie che operano in Italia visto che il giro d'affari è nell'ordine dei 3 miliardi di euro. «Il divieto di vendita nelle parafarmacie di fatto antepone l'interesse delle lobby del farmaco a quello dei cittadini — rincara la dose Pugliese —. In un Paese che coltiva il pensiero liberista e che è rivolto all'Europa, è assurdo un ddl Concorrenza, quale l'attuale, che non fornisce un reale supporto all'economia, non crea nuova occupazione, non accompagna la nascita di nuova imprenditorialità, non dà risposte alle richieste dei cittadini». Più di una volta gli esecutivi che si sono succeduti negli ultimi anni sembravano essere sul punto di introdurre una vera concorrenza anche nei farmaci di fascia C ma alla fine la norma è sempre saltata, negando così ai cittadini la possibilità di veder scendere i prezzi, come accaduto nel caso dei farmaci che sono oggi venduti nelle parafarmacie presenti all'interno dei supermercati. E dire che, come avviene nel caso di Conad, i responsabili del punto vendita sono dei farmacisti, facendo dunque venir meno qualsiasi timore riguardante la salute di chi compra.
Il numero uno di Conad sottolinea poi come il settore delle farmacie, in prospettiva, sarà sempre più nelle mani delle società di capitale: «Circolano parecchi dossier che analizzano lo stato delle farmacie in Italia, ma è certo che la situazione che si è venuta a creare con il recente ddl Concorrenza, voluto dai politici, porterà a un significativo riassetto nella dispensazione dei farmaci in Italia». Dall'agosto scorso, infatti, è stata superata la norma in base alla quale la proprietà di una farmacia poteva essere intestata unicamente a persone fisiche, a società di persone o a società cooperative a responsabilità limitata e i proprietari dovevano inoltre essere necessariamente farmacisti; infine ciascun farmacista non poteva essere proprietario di più di una farmacia, limite che saliva a quattro per le società cooperative a responsabilità limitata. Oggi una società di capitali può essere proprietaria di un numero virtualmente illimitato di farmacie sul territorio nazionale, salvo il rispetto del limite, introdotto dalla nuova legge, di un massimo del 20% delle farmacie presenti nella stessa regione o provincia autonoma.
«Chi perde e chi guadagna, allora, con una dispensazione del farmaco che sempre più sarà nelle mani delle società di capitale e tende a cancellare l'esperienza delle parafarmacie? — si chiede Pugliese —. Lo scenario che il ddl prefigura è quello della formazione di un oligopolio nell'ambito della dispensazione dei medicinali; oligopolio che anche il nuovo gruppo dirigente di Federfarma vede negativo per i propri associati. Basti pensare che la nuova normativa fissa al 20% il limite per la quota di mercato regionale di un solo operatore, mentre nel commercio chi supera il 20% a livello provinciale viene considerato in posizione dominante. La disparità è evidente». Secondo Pugliese si tratta di «uno scenario favorito da esponenti politici che, al contempo, stanno cercando di cancellare l'esperienza delle parafarmacie, unico vero elemento di modernità e vivacità in un panorama dominato dalle spinte conservatrici di lobby di concezione medioevale».
Ma le cose potrebbero addirittura peggiorare nel caso in cui venisse recepito l'emendamento che prevede che non venga «più concesso il codice univoco di tracciabilità del farmaco da parte del ministero della Salute per la nuova apertura di esercizio. Se recepito, questo emendamento porterebbe di fatto alla chiusura di oltre 5 mila parafarmacie su tutto il territorio nazionale. Un colpo di spugna con rilevanti implicazioni in quanto le parafarmacie vedrebbero disconosciuto e cancellato il loro ruolo sociale e, una volta di più, non sarebbe data alcuna risposta a quei 4,5 milioni di persone che non possono spendere per i medicinali più di poche decine di euro all'anno». Il manager di Conad auspica quindi il delisting dei medicinali dalla fascia C a farmaci da banco (Sop o Otc), così come accade in molti Paesi europei. Un'altra soluzione suggerita da Pugliese è quella di "invitare" le farmacie a praticare quegli sconti che una legge dello Stato (la n. 214 del 22 dicembre 2011) consente loro e sostenere le organizzazioni, enti e associazioni umanitarie vicine ai più bisognosi anche attraverso la dispensazione di farmaci indispensabili per curarsi.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Una società di capitali può essere nominata...
Categorie al fotofinish sul Gdpr
Privacy, rischi da valutare subito
Fatturazione elettronica obbligatoria, l'allarme dei...
Perché i commercialisti non ci saranno più
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Whistleblowing, tutte le incognite per chi denuncia un...
La lenta marcia dei minibond ma con i Pir potrebbero...
OK ai commercialisti specialisti
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
«Ridurre scadenze e adempimenti così si semplifica la...
Vigilanza, non scordiamoci della Consob
7 cose da fare per rilanciare la tua carriera
Moneta digitale, meno evasori e costi ma in Italia gira...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Pir, non solo bonus ma anche costi; costruire una rendita...
Bollette più leggere, arriva l'energy manager
L'ufficio è più bello se gli impiegati aiutano i designer
Dai condoni dimenticati un tesoretto da 20 miliardi
Piccole imprese: come tirarsi fuori dai debiti con 6 consigli...
Fari puntati sulla responsabilità
Mifid II, mercati più trasparenti con la "governance" della...
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Consulenti finanziari autonomi al via
Il prelievo dal conto senza indicazione del beneficiario è...
È pignorabile una polizza?
Cet1 delle banche italiane: la classifica 2017
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Banche italiane più sicure: la classifica
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
Crediti deteriorati: cosa sono i Non Performing Loans (Npl)?
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
L'ape regina in ufficio: è vero che le donne sono più...
Terzo settore, riforma in 42 passi
Money transfer, banche e giganti web a caccia di un...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
La carica degli avvocati nei cda
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)