Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

«Lo Stato ci dà troppi oneri», la rivolta dei commercialisti
di Patrizia Capua
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 19 giugno 2017

Dipendenti dello Stato ma senza stipendio. La definizione basta a spiegare il diffuso malessere e l'esasperazione che attanaglia migliaia di commercialisti italiani che si sono visti piombare sulle spalle una lunga serie di adempimenti e di oneri aggiuntivi con aggravio di lavoro per gli studi, nella maggior parte piccoli, e di costi vivi. Dallo spesometro trimestrale agli aggiornamenti automatici non tempestivi, dai moduli di controllo inutilmente complessi alle problematiche legate alla varie versioni di Java. Nel mare delle comunicazioni Iva, una volta annuali e ora trimestrali, delle dichiarazioni, dell'aggiornamento software si rischia di annegare. All'assemblea dei 18 mila commercialisti italiani scritti all'albo che si è tenuta a Roma l'8 giugno, il primo a farsi sentire sulla "sagra della complicazione fiscale tutta concentrata sui titolari di partita Iva" è stato proprio il numero uno della categoria, Massimo Miani, disegnando "un quadro insostenibile" di un guazzabuglio di norme, duplicazioni, trasmissione di dati che richiedono tempi supplementari nello svolgimento del lavoro quotidiano dei professionisti e dei loro malcapitati collaboratori. «È impensabile – ha segnalato Miani - che all'esito di un anno di confronto ai tavoli tecnici sugli adempimenti fiscali con la prospettiva di una dozzina di semplificazioni micro-settoriali ci si ritrovi, direttamente in Consiglio dei ministri, dinanzi a decreti che quadruplicano gli adempimenti con novità di cui non si è mai fatto nemmeno lontanamente cenno». Miani ha parlato di un contesto di crescente e preoccupante burocratizzazione del sistema: «Se diventa sistematico, come lo è stato alla fine del 2016 e in queste settimane, il mancato aumento di imposte accompagnato però dall'aumento esponenziale degli adempimenti e dei vincoli, allora non vi è reale contenimento della pressione fiscale, ma pura e semplice concentrazione degli aumenti tutti in capo a chi lavora e produce». Categoria sull'orlo di una crisi di nervi dalle Alpi a Lampedusa, con diversificazioni inevitabili a seconda del territorio. Da Bari Elbano De Nuccio, presidente dell'ordine che riunisce 4 mila iscritti, denuncia: «Nel Sud c'è la situazione peggiore: circa l'80 per cento degli studi professionali è di piccole dimensioni, lavora su base contabile e in questo modo si vede ridotto a mero esecutore di adempimenti fiscali. Il legislatore ha ribaltato sui professionisti una serie di criticità che non riesce a gestire al suo interno. È sempre più difficile fare i consulenti aziendali; passiamo invece la maggior parte del tempo a trasferire ai terminali dello Stato una mole di dati e di informazioni, a ottemperare a vincoli e disposizioni. Diverse multinazionali sono scappate dal nostro territorio per l'incertezza della normativa fiscale. Bisogna avere coraggio di affrontare una riforma organica». La lamentela è comune. C'è il problema dei costi che la normativa impone: «Fisco e servizi contabili sono il nostro core business – premette Maurizio Masini, presidente dell'ordine di Pisa con 810 iscritti -. Ma il 70 per cento dei nostri ricavi viene assorbito da maggiori oneri perché il proliferare di obblighi rende difficile la gestione e determina un aggravio di spese difficilmente sostenibile per gli studi». Gli esempi non mancano: «Ad ogni nuovo adempimento dobbiamo adeguare il software per gestirlo e istruire il personale. Ciò comporta costi ulteriori che però non riusciamo a ripartire con il cliente che non lo percepisce come un servizio che migliora la sua attività. Ne risentiamo noi e anche il personale che è continuamente sotto stress. Ne consegue che è sempre più difficile trovare dipendenti validi per i nostri studi perché preferiscono un'altra occupazione. In prospettiva – aggiunge Masini – calano anche i tirocinanti, scoraggiati dai ritmi per rispettare le scadenze imposte. Abbiamo la sensazione che chi fa le norme non comprenda bene l'impatto che avranno dal punto di vista operativo. Il costo sociale della norma è superiore al beneficio che dà, quindi è un assurdo». Problemi sentiti anche dalle aziende per la necessità di adeguare il software che l'anno successivo andrà rottamato perché l'adempimento cambia. Altro punto dolente è l'autonomia impositiva riconosciuta agli enti locali. Si chiama "imposta unica", ma dicono i commercialisti, di unico ha poco. Non meno inquieta la questione degli avvisi bonari: vengono inviati ai clienti a luglio, nel momento di massimo impegno sulle scadenze per le dichiarazioni. Se fossero inviati a settembre, potrebbero essere gestiti con più tranquillità. Una categoria sempre sotto scadenza: così si sentono i commercialisti. A dirlo è Sandro Litigio, di Como, a capo di un ordine con 900 iscritti. «Operando quasi sempre in emergenza non si lavora bene. La nostra zona ha un tessuto industriale di aziende medio piccole, il peso degli adempimenti grava su di esse in misura importante anche perché non essendo molto strutturate nell'area amministrativa, ricorrono a professionisti. Con gli adempimenti fiscali molto concentrati sul calendario e soprattutto con la catena di trasmissione per gli adempimenti che deriva dalle istruzioni ministeriali, noi siamo l'ultimo anello su cui questa catena si scarica». Ma l'Italia non è sempre stata il paese delle proroghe? «Noi – ribatte Litigio – pur volendo evitarle siamo costretti a chiederle».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Stampa il piano di ammortamento mutuo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Fari puntati sulla responsabilità
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
Robo-advisory per small e mid cap
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Sinai: «Attenti agli eccessi del liberismo»
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Banche italiane più sicure: la classifica
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Startup: gli incubatori non sono investitori, ma formatori...
Atlante riapre la raccolta per salvare le tre Casse
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Crediti deteriorati: cosa sono i Non Performing Loans (Npl)?
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
Professioni, l'equo compenso agli avvocati scatena...
Le incognite che vede la Bce
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Reddito e ruolo sociale la crisi degli avvocati
Aziende, la crisi dei giovani manager
I padroni stranieri del debito pubblico: 800 miliardi di euro...
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
Fondi pensione, patrimonio triplicato in 10 anni di riforma
«Un impiego part time in banca, per i consulenti una...
Banche e assicurazioni hanno ancora dei vantaggi sui...
Dal Mise precisazioni ai revisori legali sulle cooperative
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
Attenti a quei cinque Unicorni, startup che voleranno a...
Banche, la via crucis del credito: la rete di errori da Mps...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
E gli istituti prenotano 50 miliardi di euro, è ossigeno che...
Co-Ceo, quando a comandare sono in due
Tagliare con intelligenza. I nuovi manager che fanno...
Unicorni, le start-up che valgono 647 miliardi
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)