Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
di Ferdinando Giugliano (*)
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 18 settembre 2017

Dopo sei anni turbolenti, a fine ottobre scadrà il mandato di Ignazio Visco come Governatore della Banca d'Italia. Il Presidente della Repubblica, su proposta del governo e sentito il Consiglio Superiore dell'istituto, dovrà decidere se rinnovarlo o scegliere una nuova figura che potrà venire dalla stessa Bankitalia o dall'esterno. Con le elezioni alle porte, il rischio che questa scelta sia inquinata da convenienze politiche è forte. Meglio sarebbe se fosse fatta sulla base delle tre caratteristiche che il prossimo Governatore dovrà mostrare: competenza, trasparenza e compatibilità con il contesto europeo in cui Via Nazionale deve muoversi.
Sul primo fronte, l'esperienza di Bankitalia in questi anni è stata a due facce. Dal lato della politica monetaria, Visco è stato tra i sostenitori più convinti delle misure che la Bce ha messo in campo per superare la crisi del debito sovrano prima e il rischio di deflazione poi. In questo si è dimostrato ben più attento alle necessità dell'economia dell'eurozona rispetto ad altri che siedono nel Consiglio Direttivo della Bce, come il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann. Nei prossimi anni, la Bce dovrebbe ridurre progressivamente lo stimolo monetario, per poi alzare gradualmente i tassi d'interesse. Il compito del prossimo Governatore sarà quello di ricordare costantemente alla politica italiana le conseguenze di questo processo di normalizzazione per il nostro debito pubblico - come Visco ha fatto all'interno delle sue Considerazioni Finali di maggio.
Sul fronte della vigilanza, invece, il giudizio è più complesso. La crisi bancaria che ha colpito l'Italia negli ultimi anni è avvenuta sotto gli occhi di Bankitalia. Non vi è dubbio che, come sostiene Via Nazionale, le montagne di crediti deteriorati che si sono accumulate sui bilanci degli istituti di credito siano la conseguenza della lunga recessione che ha colpito l'Italia. Ma negli ultimi mesi è venuta fuori una lunga lista di comportamenti opachi e potenzialmente criminali da parte di alcuni degli amministratori degli istituti che poi si sarebbero trovati in difficoltà. La vigilanza sarebbe dovuta essere più aggressiva sia nei confronti di questi manager, sia nel chiedere che le banche svalutassero prima i loro crediti andati a male e rafforzassero il loro capitale. Inoltre, insieme alla Consob, Bankitalia sarebbe dovuta essere più attenta nell'evitare che gli istituti in crisi provassero a salvarsi facendo sottoscrivere a investitori retail grandi quantità di azioni e obbligazioni subordinate, strumenti che si sarebbero poi dimostrati molto rischiosi.
La gestione della crisi ha creato un danno reputazionale per la Banca che si sarebbe potuto evitare con maggiore trasparenza. Visco ha preferito però difendere senza riserve l'operato di Via Nazionale, invece di aprire un confronto serio sui tanti dubbi che pian piano cominciavano a crescere tra i cittadini. Meglio sarebbe stato avviare una review interna alla Banca, con l'ausilio di figure terze, per appurare eventuali errori e migliorare i processi decisionali. Una scelta di questo tipo avrebbe permesso di isolare le reali responsabilità dell'istituto dalle accuse ingiuste che pure sono state levate in questi mesi.
L'ultima questione riguarda la capacità del prossimo Governatore di influenzare le decisioni europee, soprattutto per quanto riguarda i cambiamenti delle regole bancarie. Negli ultimi anni, Via Nazionale si è molto spesa per contestare l'applicazione delle regole sul "bail in", che pure il governo italiano ha inizialmente appoggiato in sede europea. Questo ostracismo ha generato però una situazione paradossale: la Banca d'Italia è oggi l'autorità italiana di gestione delle risoluzioni bancarie, ma è contraria a uno degli strumenti cardine per la gestione delle crisi. È una contraddizione pericolosa, che rischia di mettere Via Nazionale in costante rotta di collisione con le autorità europee, come ad esempio il Comitato Unico di Risoluzione. L'altro pericolo è che queste posizioni oltranziste rallentino il completamento dell'unione bancaria: è difficile pensare che Paesi come la Germania appoggino la creazione di una garanzia comune sui conti correnti se l'Italia continua a mostrarsi così riluttante ad applicare il "bail in".
Nei prossimi anni, il Governatore di Bankitalia dovrà dunque coniugare alla competenza in materia di politica monetaria mostrata da Visco un atteggiamento di maggiore apertura verso le critiche e verso i nuovi strumenti europei di gestione delle crisi bancarie. Qualunque sia la scelta da parte di Mattarella, comportarsi come se nulla fosse accaduto in questi anni sarebbe il più grave degli errori.

(*) = L'autore è editorialista di Bloomberg View.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere garanzie ai confidi?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Terzo settore, riforma in 42 passi
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Npl, la riscossa di Unicredit: ora ha il portafoglio crediti più...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
Fondi pensione, patrimonio triplicato in 10 anni di riforma
La fattura si sconta sul web. Al galoppo le aziende fintech
Come riconoscere la solidità di una banca
Belpaese, solo il 37% "comprende" la finanza
«Troppo poche le cartolarizzazioni così le banche bruciano...
Pir, ci vogliono più Pmi di qualità
Nuove regole europee sulla privacy: servono 45mila esperti
Assicurazioni, il direttore finanziario diventa strategico
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Attenti a quei cinque Unicorni, startup che voleranno a...
Reati penali societari in forte aumento e lo studio legale...
Export e innovazione, la ricetta vincente delle magnifiche...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Tagliare con intelligenza. I nuovi manager che fanno...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
La volatilità delle Borse e i dubbi delle matricole
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
I manager che piacciono al private equity
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)