Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Le cause della crisi? Chiedete ai regolatori
di Antonio Foglia
Corriere della Sera - Corriere Economia
Lunedì 19 marzo 2012

Un economista, Kraus, ed un politologo, Friedman hanno pubblicato un libro (Engineering the Financial Crisis) per dimostrare che la crisi è stata la conseguenza inevitabile di errori, altrettanto inevitabili, commessi dai regolatori. Questa tesi ha conseguenze profonde per la nostra visione dell'economia e di come governarla. Se l'economia è un sistema dinamico complesso, come molti che esistono in natura, è difficilissimo prevederne l'evoluzione, se non a breve termine. Ma è altrettanto difficile analizzarne la storia cercando nessi di causalità la cui significatività diminuisce rapidamente risalendo nel tempo. E' il noto «effetto farfalla» il cui battito d'ali potrebbe, dopo una lunga catena di eventi, scatenare un uragano, ma avrebbe poco senso far ricadere sulla farfalla la responsabilità dell'uragano perfino se fosse possibile ricostruire la catena degli eventi. Inoltre gli agenti economici, inclusi banchieri e regolatori, non possono che avere conoscenze e comprensione limitate della realtà in cui operano e sono anche propensi a commettere errori. Una visione del sistema in fondo più allineata alle incertezze della scienza del ventesimo secolo che alla sicumera di quella del diciannovesimo a cui molta della modellistica economica ancora si ispira. La crisi è quindi riconducibile a problemi cognitivi. Dick Fuld, il capo di Lehman, ha perso un miliardo di dollari nel fallimento della sua banca. Nessun altro manager di Wall Street aveva i propri interessi altrettanto allineati a quelli dei propri azionisti. Ma gestiva un intermediario finanziario troppo complesso per potersi rendere veramente conto dei rischi che correva. E' improbabile che gli attuali vertici delle banche abbiano una visione più chiara di quel che fanno. Certo non l'aveva Jon Corzine che, dopo aver diretto per anni Goldman Sachs, ha portato al fallimento la sua MF Global lo scorso autunno. E, come Lehman, anche MF Global aveva appena pubblicato bilanci trimestrali in cui dimostrava di avere mezzi propri in eccesso rispetto ai requisiti minimi prudenziali imposti dai regolatori. Ecco quindi il problema: complessità nel sistema, negli intermediari e nell'apparato normativo, con l'impossibilità per tutti, compresi i regolatori, di avere una comprensione d'insieme affidabile. Friedman e Kraus mostrano ad esempio che, nel dare importanza alle agenzie di rating, i regolatori di Basilea non si sono resi conto che queste entità dai giudizi tardivi avevano ormai perso credibilità presso gli operatori dopo essere state protette per un ventennio da un oligopolio che la Sec, l'autorità di controllo Usa, aveva concesso loro. E se i regolatori non riescono nemmeno a prevedere l'effetto dell'interazione delle norme che essi stessi emanano, figuriamoci se possono prevederne l'effetto sul mercato. La soluzione, per Friedman e Kraus, sta nel ridare spazio ai progetti eterogenei di imprenditori in concorrenza tra loro e responsabili della loro sorte. Le idee fioriscono, i progetti si selezionano, chi sbaglia paga e quindi impara. Non molto diversamente da quanto avviene nel processo di selezione biologica. Mercati più liberi dalle interferenze dei regolatori apparirebbero forse più volatili nel breve periodo. Ma questa volatilità educherebbe ai rischi, invece di nasconderli nelle code di distribuzioni di rendimenti manipolate dalle autorità come avviene ora. La difficoltà sta nel conciliare questa maggiore volatilità apparente col desiderio di politici e regolatori di vedersi rinnovato l'incarico. Perché ormai, grazie agli economisti, hanno la capacità di influenzare nel breve periodo l'economia, ma, stiamo forse imparando, solo al costo di disastri ben più gravi, anche se meno frequenti. Un esempio, non citato nel libro, sono gli hedge fund. Contrariamente a quanto politici e regolatori si attendevano, questi intermediari non regolamentati, liberi di assumersi i rischi che volevano, si sono rivelati molto più prudenti delle banche, operando, a parità di rischi corsi, con circa tre volte più capitale. E hanno attraversato la crisi con danni contenuti, qualche scomparsa, e certo senza creare problemi sistemici. Le banche invece sono ancora quasi tutte lì, in piedi solo grazie al sostegno dei contribuenti mediato dalle banche centrali. La cui ultima trovata è quella di stampare soldi da dare alle banche perché, aumentando ulteriormente una leva già folle, comprino titoli di Stato e si ricapitalizzino intascandosi lo spread. Per ora funziona. Ma è esattamente lo stesso che faceva Jon Corzine: ci andrà meglio?

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Più tempo per la formazione
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Il factoring corre più veloce della ripresa
Vigilanza, non scordiamoci della Consob
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Robo-advisory per small e mid cap
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
Il big bang, dieci anni dopo. Che cosa è cambiato a Wall...
Terzo settore, riforma in 42 passi
Il risparmio gestito corre ma non basta
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Aziende, la crisi dei giovani manager
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)