Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.628
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Lavoro, chi ha paura delle nuove tecnologie
di Moisés Naím
La Repubblica
Lunedì 6 giugno 2016

Cominciamo con un test. Il brano che segue è stato pubblicato: A) nel 1961; B) nel 1987; C) la settimana scorsa? «Il numero di posti di lavoro persi a causa di macchine più efficienti è solo una parte del problema. Il maggior timore degli esperti è che l'automazione possa impedire all'economia di produrre nuovi posti di lavoro in quantità sufficienti. In passato, i nuovi settori assumevano molte più persone di quelle che perdevano il lavoro nelle imprese costrette a chiudere perché non riuscivano a competere con le nuove tecnologie. Oggi non è più così sicuro. I nuovi settori offrono, comparativamente, meno posti per lavoratori non qualificati o sottoqualificati, proprio quella categoria di lavoratori più penalizzata dall'automazione».
La risposta corretta è la A). La citazione è tratta da un articolo della rivista Time del febbraio di quell'anno. Ma avrebbe potuto essere pubblicato anche la settimana scorsa: o nel 1970, nel 1987, nel 1993, in qualunque momento degli ultimi cinquant'anni. La preoccupazione per le tecnologie che distruggono posti di lavoro è diventata cronica. E - finora - infondata. Le nuove tecnologie hanno consentito la comparsa di nuovi settori che hanno creato più impieghi di quelli distrutti dalla tecnologia, e hanno accresciuto tanto la produttività quanto i redditi dei lavoratori. Lo aveva pronosticato già nel 1942 l'economista Joseph Schumpeter, che definì questo fenomeno «distruzione creativa». Secondo lui, «nell'economia avviene un processo di mutazione industriale che rivoluziona incessantemente la struttura economica dall'interno, distruggendola e creandone una nuova».
E così è stato. Finora. Alcuni sono convinti che "stavolta è diverso" e che la distruzione di posti di lavoro prodotta dai rivoluzionari cambiamenti tecnologici non abbia precedenti per dimensioni e rapidità. La loro opinione è che i nuovi settori e i nuovi lavori che sicuramente emergeranno non arriveranno in tempo e non saranno sufficienti per garantire un impiego e un salario dignitoso ai milioni di lavoratori soppiantati dalle nuove tecnologie. Nelle ultime settimane ho avuto l'occasione di visitare diversi centri di innovazione e di conversare con alcuni degli esponenti più in vista a livello mondiale nel campo delle tecnologie informatiche e della robotica. Come sempre, in questo ambiente si respira un ottimismo contagioso. Però ho trovato anche molta preoccupazione per l'impatto che avranno le nuove tecnologie e molti dubbi sulla capacità della società, dell'economia e della politica di adattarsi a esse.
Il capo di una famosa azienda tecnologica, che mi ha chiesto di non divulgare il suo nome, mi ha detto: «Presto lanceremo sul mercato un robot in grado di svolgere molti dei compiti che ora vengono assegnati a persone con un livello di istruzione da scuola secondaria o inferiore. Solo il robot costerà 20.000 dollari. E non siamo gli unici: i nostri concorrenti, in varie parti del mondo, stanno lavorando su cose simili. Quando questi robot economici, affidabili ed efficienti si diffonderanno, non so proprio quali lavori si potrebbero offrire a chi non possiede abilità e competenze superiori a quelle che si imparano al liceo. Però penso anche che questa rivoluzione tecnologica sia inarrestabile. Non so quale sia la soluzione».
Per fare un altro esempio, Uber ha annunciato di aver avviato la sperimentazione di automobili senza conducente. E non soltanto Uber. Google, la Mercedes-Benz, la General Motors, la Toyota e la Tesla sono solo alcune delle decine di imprese che stanno investendo in questa tecnologia. Le auto senza guidatore sono inevitabili come il robot da 20.000 dollari.
A questo proposito, Andy Stern, ex presidente del sindacato americano Seiu, ha detto che la diffusione dei veicoli senza conducente distruggerebbe milioni di posti di lavoro. «Negli Stati Uniti ci sono tre milioni e mezzo di camionisti, c'è il rischio che avvenga il più grande sconvolgimento occupazionale nella storia dell'umanità», dichiara Stern.
Marc Andreessen, uno dei più rispettati investitori della Silicon Valley e fondatore di varie imprese, fra cui Netscape, ha un'opinione drasticamente diversa e molto più ottimistica. Secondo lui, «i robot non produrranno disoccupazione, al contrario libereranno la nostra creatività. Sostenere che un'enorme quantità di persone non avrà lavoro perché non avremo niente da offrire loro significa scommettere contro la creatività dell'essere umano. E a me, quando ho scommesso sulla creatività dell'essere umano, è sempre andata bene».
Andreessen ha ragione. Ma c'è urgente bisogno di applicare tutta la nostra creatività per rendere meno traumatica questa transizione. Come fare per garantire un certo livello di reddito a tutti coloro che subiscono le conseguenze negative di questa rivoluzione deve diventare un elemento costante in tutte le discussioni sulle meravigliose potenzialità delle nuove tecnologie.

Traduzione di Fabio Galimberti.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Banche venete, scontro sugli indennizzi
Belpaese, solo il 37% "comprende" la finanza
L'Italia del credito si ritira da Sud e Isole, dopo la crisi...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Le matricole di Piazza Affari crescono e battono gli indici
Npl, ora la battaglia si sposta sulle sofferenze con ipoteca
Banche, la via crucis del credito: la rete di errori da Mps...
La crisi delle banche italiane spiegata (con parole semplici)...
Credito, 225 milioni per i confidi
I revisori legali lanciano il micro credito per start up e...
Deflazione non è il contrario di inflazione
I capitali all'estero verso il rientro. Sanzioni ridotte, ma le...
La Borsa "alternativa" snobbata in autunno ma ora l'Aim...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
Commercialisti, un "service" per liberarsi dal fisco
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Whistleblowing, il valore di una "soffiata" purché non...
Conti banche, il peso degli Npl immobiliari: «Il 90% delle...
«Che stamo a fa'...» e fu storia
Filosofi, filologi e antropologi le aziende ora cercano umanisti
Banche: nel 2016 bruciati risparmi per 15,6 miliardi di...
Il riciclaggio adesso diversifica
Risk management, le aziende si attrezzano
I professional italiani più deboli di quelli europei
Banche, da Antonveneta a Etruria: una valanga costata...
Stipendi dei manager: quelli degli executive crescono più...
Le disuguaglianze frenano la crescita, ridurle rilancia il Pil
«Quando i cittadini sanno gestire i soldi ne trae beneficio...
Finanza, ancora questa sconosciuta. Gli italiani i meno...
Formazione, via al rush finale
I manager impuniti nelle grandi frodi delle corporation
Pmi in salute minacciate dalle crisi internazionali
Manager, un altro calo: meno 4.400 nel 2015
«La priorità delle banche? Tutelare il risparmio degli italiani»
I destini delle aziende nelle mani del manager It e il Cio si...
Quante sofferenze si nascondono negli «incagli»?
Sanzioni più severe per i revisori contabili
Revisione legale, la chance del controllo di qualità
Minibond e quotazione in Borsa, società a caccia di capitali...
Revisori legali: l'esame integrativo è norma europea e va...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)