Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

La santa alleanza per industria 4.0, più competitività meno costi per tutti
di Andrea Frollà
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 5 giugno 2017

Chi crede di poter vincere la sfida dell'industria 4.0 da solo, senza compagni di squadra, rischia di ritrovarsi fra qualche anno alla premiazione dei campioni digitali. Non sul palco, con la medaglia al collo e una best practice da raccontare. Ma in platea, da spettatore e con tanti rimpianti. Dalla presa di coscienza di questo rischio dipenderà in buona parte la spinta tecnologica alla crescita dell'economia italiana. Esaurito il tempo degli elogi al piano Calenda, i riflettori della quarta rivoluzione industriale all'italiana si sono spostati sulle aziende, a cui tocca accendere quanto prima il detonatore preparato dal governo. È vero che in tema di innovazione digitale l'Italia è sempre stata fra le lumache d'Europa e quindi non c'è tempo da perdere. Ma bisogna ricordare che la strategia italiana è stata sviluppata per stimolare un'evoluzione hi-tech di tutto il sistema Paese. Specialmente in un contesto come quello dell'economia digitale, della fabbrica smart e delle filiere interconnesse, la convinzione di poter fare tutto da soli appare dunque rischiosa, se non insensata. Ecco perché i teorici e i sostenitori dell'industry 4.0 vanno ripetendo come un mantra una sola parola: ecosistema. Un termine che richiama una logica di collaborazione fra grandi imprese, Pmi, startup, istituzioni, associazioni di categoria, centri di ricerca e chiunque altro possa spingere un'innovazione di sistema basata sulle nuove tecnologie di Internet of Things e machine-to-machine. Non solo all'interno del singolo stabilimento produttivo ma in tutti i passaggi della catena industriale, dalle fasi di ricerca e sviluppo fino all'arrivo sul mercato. Questo concetto è stato l'ossessione 4.0 del ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, fin dalla stesura delle prime bozze di un piano che suona come un'ultima chiamata. E ha fatto da filo conduttore alla politica digitale partorita dal Mise che tra sgravi fiscali, sviluppo delle competenze e altri iniziative promette alle imprese numerosi vantaggi (abbattimento dei costi, riduzione del time to market, aumento della produttività, migliore formazione e innalzamento della competitività, anche sui mercati internazionali). Il pallino dell'ecosistema non ha faticato a far breccia nella sensibilità delle grandi aziende hi-tech che operano in Italia, rapide nel realizzare il proprio ruolo di chioccia nei confronti di Pmi, università e altri enti, istituzionali e non, in questa delicata e urgente fase attuativa della strategia italiana. Una di queste è Cisco, colosso americano che da un anno e mezzo sta portando avanti il piano Digitaliani, frutto di un impegno preso in tandem con l'esecutivo italiano che punta su sviluppo delle competenze, open innovation e digitalizzazione dei settori chiave del Made in Italy, delle infrastrutture strategiche e della Pubblica Amministrazione. Sforzi incrociati che hanno già permesso a Cisco di portare a termine con successo progetti di digital transformation con diverse aziende italiane, come il gruppo Marcegaglia, Inpeco, La Marzocco e Fluid-o-Tech. «Studiamo con le aziende un percorso ad hoc, una roadmap digitale che, partendo dalla mappatura dello stato attuale, definisce le priorità di business, gli investimenti da pianificare e i singoli passi di questo percorso per un'adozione graduale delle tecnologie abilitanti – spiega Agostino Santoni, amministratore delegato di Cisco Italia -. L'industria 4.0 disegna uno scenario in cui l'interconnessione di persone, processi, dati e oggetti che già oggi conosciamo raggiungerà livelli senza precedenti». Grazie al digitale, aggiunge Santoni, le aziende italiane «hanno l'opportunità di proiettare la loro eccellenza su mercati più ampi, inclusa quella artigianale che può recuperare spazi importanti in un mondo in cui la produzione su piccola scala e la personalizzazione sono ulteriormente facilitate dalla tecnologia». Eppure non tutti hanno percepito questi vantaggi. Un rapporto elaborato da Digital360 segnala infatti che il 54% delle medie e grandi imprese non ha avviato alcun progetto di trasformazione digitale 4.0. L'aspetto interessante è che il portafoglio non c'entra nulla: solo il 5% delle aziende inattive dichiara come motivazione principale l'assenza di budget. I problemi sono invece altri: il 52% si dichiara non ancora pronto o sostiene che non sia il momento, mentre un altro 27% ammette di non aver capito se il paradigma della fabbrica connessa sia rilevante per il proprio business. A mitigare questo panorama di incertezza, scarsa consapevolezza e dannosa assenza di urgenza, ci sono invece le aziende di medie e grandi dimensioni che si sono già mosse e che rappresentano l'altro 46% del totale. La fotografia delle imprese attive scattata da Digital360 segnala una positiva collaborazione tra le diverse funzioni aziendali, in particolare fra l'area IT e le operations, e un proficuo rapporto con fornitori di tecnologie Ict e di sistemi per l'automazione e la robotica, consulenti esterni, università e altre società dei gruppi. L'impresa italiana 4.0 sta insomma viaggiando sui binari di una visione consortile e questa è senza dubbio una buona notizia.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Stampa il piano di ammortamento mutuo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Terzo settore, riforma in 42 passi
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Npl, la riscossa di Unicredit: ora ha il portafoglio crediti più...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
Fondi pensione, patrimonio triplicato in 10 anni di riforma
La fattura si sconta sul web. Al galoppo le aziende fintech
Come riconoscere la solidità di una banca
Belpaese, solo il 37% "comprende" la finanza
«Troppo poche le cartolarizzazioni così le banche bruciano...
Pir, ci vogliono più Pmi di qualità
Nuove regole europee sulla privacy: servono 45mila esperti
Assicurazioni, il direttore finanziario diventa strategico
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Attenti a quei cinque Unicorni, startup che voleranno a...
Reati penali societari in forte aumento e lo studio legale...
Export e innovazione, la ricetta vincente delle magnifiche...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Tagliare con intelligenza. I nuovi manager che fanno...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
La volatilità delle Borse e i dubbi delle matricole
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
I manager che piacciono al private equity
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)