Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

La punta di diamante dell'inganno bancario
di Monica Mandico
Il Roma
Giovedì 2 novembre 2017

Arrivano le sanzioni comminate per Banca Monte dei Paschi, Unicredit e Banco Bpm. L'Antitust, dopo una serie di denunce e un'approfondita istruttoria, ha multato banche, broker e società private, per 15,35 milioni di euro (2 a Idb, 4 per Unicredit, 3,35 per Banco Bpm; 1 a Dpi, 3 per Banca Intesa, 2 a Mps) ritenendo "gravemente ingannevoli e omissive" le condotte delle imprese implicate nella vendita, in banca, per il tramite dello sportello, dei diamanti, come prodotti di sicuro investimento e di facile rivendibilità. Da anni, gli istituti di credito propinavano ai malcapitati risparmiatori, investimenti in diamanti, venduti da due società: Intermarket Diamond Business – IDB e Diamond Private Investment – DPI, attraverso gli istituti di credito con i quali rispettivamente operavano: Unicredit e Banco BPM (per IDB); Intesa Sanpaolo e Banca Monte dei Paschi di Siena (per DPI). Il diamante veniva, virtualmente messo nelle tasche degli italiani, dagli istituti di credito, che suggerivano l'investimento come bene rifugio, assicurando ampia credibilità alle informazioni contenute nel materiale promozionale delle due società, oggi incriminate, e inducendo, i vari consumatori all'acquisto, senza effettuare ulteriori accertamenti, sfruttando la fiducia del risparmiatore che nutriva verso lo stesso funzionario di banca; l'operazione proposta poi otteneva ancor maggiore credibilità agli occhi dei risparmiatori, perché il listino prezzi di questi diamanti, venivano pubblicati periodicamente come "quotazioni" sul Sole 24 Ore. Invero i diamanti venduti attraverso il circuito bancario da DPI e IDB avevano un prezzo raddoppiato rispetto a quello indicato dal Rapaport. Ma la cosa grave è che chi li aveva acquistati e voleva poi rivenderli sul mercato rischiava, di perdere il suo investimento. Non gli rimaneva quindi che un'opzione: rivendere il diamante attraverso la stessa società che glielo aveva venduto. Ma con commissioni per il disinvestimento, molto elevate: il 10 per cento più Iva con DPI e tra il 16 e il 7 per cento più Iva con IDB.
Nel 2016, la trasmissione Report della RAI, aveva trasmesso in TV l'inchiesta, ove emergeva la modalità in cui i funzionari di banca, convincevano i clienti ad investire nella pietra preziosa, perché a loro dire, il diamante avrebbe garantito un "rendimento sicuro nel tempo", ancor più dell'oro. Le società Intermarket Diamond Business (Idb) e la Diamond Private Investment (Dpi), fornivano dati non corretti e veritieri, relativi al prezzo di vendita dei diamanti e all'andamento del mercato, presentato come "stabile e in crescita". Difatti dalle indagini e dai documenti acquisiti dall'Autorità è emrso che le quotazioni di mercato "erano i prezzi di vendita liberamente determinati dai professionisti in misura ampiamente superiore al costo di acquisto della pietra". In sostanza gli intermediari prendevano a riferimento un determinato costo e lo innalzavano a loro discrezione, senza rifarsi agli indici internazionali. La liquidabilità, invece, era legata esclusivamente alla possibilità che "il professionista trovasse altri consumatori all'interno del proprio circuito". L'Antitrust, ha anche rilevato, da parte delle due imprese venditrici, la violazione dei diritti dei consumatori nei contratti, in merito al diritto di recesso.
L'Agcm, unitamente al Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza, si è attivata conducendo indagini investigative, acquisendo informazioni anche dalla Consob, l'Autorità dei mercati.
Dall'istruttoria è emerso che "i profili di scorrettezza riscontrati per entrambe le società hanno riguardato le informazioni ingannevoli e omissive diffuse attraverso il sito e il materiale promozionale dalle stesse predisposto in merito: a) al prezzo di vendita dei diamanti, presentato come quotazione di mercato, frutto di una rilevazione oggettiva pubblicata sui principali giornali economici; b) all'andamento del mercato dei diamanti, rappresentato in stabile e costante crescita; c) all'agevole liquidabilità e rivendibilità dei diamanti alle quotazioni indicate e con una tempistica certa; e d) alla qualifica dei professionisti come leader di mercato". L'Antitrust così sintetizza: "Le quotazioni di mercato erano i prezzi di vendita liberamente determinati dai professionisti in misura ampiamente superiore al costo di acquisto della pietra e ai benchmark internazionali di riferimento (Rapaport e IDEX); l'andamento delle quotazioni era l'andamento del prezzo di vendita delle imprese annualmente e progressivamente aumentato dai venditori; e le prospettive di liquidabilità e rivendibilità erano unicamente legate alla possibilità che il professionista trovasse altri consumatori all'interno del proprio circuito"; "L'Autorità", si legge nella nota, "ha accertato che gli istituti di credito, principale canale di vendita dei diamanti per entrambe le imprese, utilizzando il materiale informativo predisposto da IDB e DPI, proponevano l'investimento a una specifica fascia della propria clientela interessata all'acquisto dei diamanti come un bene rifugio e a diversificare i propri investimenti".
Le società coinvolte, hanno replicato asserendo di aver agito sempre nell'interesse dei clienti e del mercato dei diamanti, e di aver incaricato i loro legali di impugnare il provvedimento al Tar. Secondo l'azienda, infatti, la pronuncia dell'Autorità presenta "gravi errori sia nell'accertamento dei fatti, sia in linea di diritto".

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere garanzie ai confidi?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Bancarotta, estesa la non punibilità
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Pagamento in contanti: quando si rischia
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
Le incognite che vede la Bce
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)