Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.628
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

La globalizzazione ha fatto dietrofront
di Antimo Verde (docente di Economia Internazionale, Università della Tuscia)
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 26 settembre 2016

Se si solleva il velo sui problemi strutturali dell'economia mondiale si scoprono due temi assai attuali: la stagnazione secolare e il ripiegamento della globalizzazione. Della prima si discute negli ambienti del policy making fin da quando ne ha parlato Larry Summers. Nessuno, invece, parla del secondo. Eppure un ripiegamento della globalizzazione c'è già stato nel 2015 e ancor prima nel 2012-13 e nel 2007-09. La domanda che tale rallentamento dovrebbe suscitare è: possiamo immaginare, non un rallentamento, ma un vero reversal o ritorno all'indietro della globalizzazione? La risposta è: assolutamente si, nonostante i continui progressi della tecnologia e della robotica in particolare. Peraltro, una fase di de-globalizzazione non sarebbe un fatto nuovo: si verificò già nel periodo tra le due guerre mondiali e durò una trentina di anni. E vero è che oggi esistono le pre-condizioni di un ritorno indietro della globalizzazione: a) nuovi shock strutturali; b) perdita economica significativa a carico delle classi sociali rilevanti provocata da tali shock; c) protezione politica di tali classi da parte di partiti politici, protesi alla caccia di voti. Quanto al punto a) le immigrazioni e il terrorismo sono shock epocali, soprattutto il primo, destinato a durare decenni. Nel 2050 la Nigeria avrà più abitanti dell'Europa; l'Africa avrà 2,5 miliardi di abitanti contro il miliardo di oggi. L'Europa per contro sarà abitata da 340 milioni di individui, contro i 500 milioni attuali! Non saranno certamente i muri che si potranno impedire un massiccio travaso di persone dal Continente Nero. Il terrorismo continuerà negli anni a venire anche se lo Stato Islamico verrà battuto. Certamente i perdenti della globalizzazione - siamo al punto b) - sono i ceti medio-bassi delle economie avanzate. Per la verità le perdite sono talvolta solo percepite e non reali, ma la differenza non rileva ai fini della reazione politica. Forse è bene chiarire che le perdite dipendono dal grado sostituibilità dei lavoratori immigrati rispetto ai nativi: se esso è elevato (cioè i lavoratori immigrati fanno gli stessi lavori dei nativi) allora le perdite sono elevate se invece i lavori dei primi e dei secondi sono complementari allora i lavoratori nazionali guadagneranno dalle immigrazioni. Così pure, il paese ospitante guadagnerà quando gli immigrati fanno lavori che i nativi non vogliono più fare. Ad ogni modo i ceti mediobassi sono guidati da un sentimento anti-immigrazioni e quindi anti-globalizzazione e non fanno certo distinzioni teoriche. Essi si muovono anche sulla base della percezione di perdite di posti di lavoro e di salari più bassi a causa della immigrazione. Non a caso secondo le principali indagini demoscopiche, le classi medie vedono l'immigrazione quale fenomeno-principe da combattere ad ogni costo. Al secondo posto troviamo il terrorismo, anche se in questo caso l'obiettivo è quello della sicurezza e in quanto tale è percepito dalle persone più anziane del ceto medio-basso. Gli appartenenti al ceto medio votano e per difendersi dagli immigrati che ruberebbero loro lavori e incrementi salariali hanno un mezzo solo: quello di orientare il voto verso i partiti in grado di tutelarli e cioè verso i partiti di destra. E ciò è accaduto in molti paesi Europei come Austria, Belgio, Francia, Olanda, Norvegia, Svizzera, Inghilterra. Oggi il sentimento anti-immigrazione del ceto medio è condiviso non solo dai partiti dell'estrema destra e dell'ala conservatrice, ma, come è accaduto in Danimarca Polonia, Ungheria, Cekia, Slovacchia, da partiti socialdemocratici preoccupati della emorragia di voti subita. E' probabile che questo scenario anti-immigrazione e anti-globalizzazione si consolidi e si estenda non solo in Europa ma anche negli Usa in caso di vittoria di Trump. Con il tempo è molto probabile che sul banco degli imputati salga lo scambio di merci. Negli Usa ad esempio le importazioni dalla Cina hanno provocato un calo di 3.2 milioni di posti di lavoro, tra il 2001 e il 2013 e le cose sono peggiorate negli successivi. Gli immigrati effettivi e potenziali sono un potenziale enorme di domanda di prodotti che, adeguatamente sfruttato, farebbe scattare all'insù consumi e investimenti e con essi la domanda di lavoro da parte delle imprese europee. A patto però che si investano in Africa e nel Medio Oriente risorse adeguate, si creino per le popolazioni indigene le condizioni per lavorare nel loro paese, si consenta alle stesse una vita dignitosa. E allora il pensiero corre a un nuovo Piano Marshall finanziato da Ue e Usa basato non sulla concessione di contributi monetari, che potrebbero finire nelle mani sbagliate o essere usati per emigrare ancora in Occidente, ma su una spesa reale in infrastrutture ed investimenti produttivi.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Generi cassa oppure bruci cassa?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Pir, ci vogliono più Pmi di qualità
Crowdfunding aperto anche alle Srl e sulle piattaforme...
Popolari e casse non quotate arriva il nuovo borsino per...
Banche in pericolo, così i piccoli e medi istituti rischiano...
La Penisola tra i Paesi meno virtuosi, ma affiorano segnali...
Npl, ora la battaglia si sposta sulle sofferenze con ipoteca
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
L'export frenato da formato bonsai delle ditte
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Professionisti, in calo le iscrizioni dei giovani
La lezione di Bob Kennedy. Al di là del Pil c'è la realtà
Busta paga più ricca, il "mito" della laurea supera la prova...
Dalle grida alla giungla elettronica il business corre al...
Capitali, strategie e liti in famiglia: l'anno zero della...
Unicorni, le start-up che valgono 647 miliardi
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Egon Zehnder: «Ai manager italiani manca la capacità di...
Stipendi in crescita, il 2016 premia tutti. Chi vende vince...
«Gli apocalittici hanno torto. Ecco perché»
Industria, il mondo in mano ai robot. Ma il lavoro resisterà...
Aiuto, si è ristretta Piazza Affari. La fuga dei big affossa...
La governance passa anche dagli stipendi. Stipendi dei...
Basilea 4, slittano le nuove regole sul capitale
Poste, il risparmio tradito da quattro fondi immobiliari
La banca non risponde
Il circolo vizioso dei pagamenti: così i ritardi soffocano le...
Droni, trattori senza pilota e software: l'agricoltura 4.0...
L'Uomo dei numeri anche nelle Pmi
La globalizzazione ha fatto dietrofront
Factoring al galoppo, il business si avvicina a quota 100...
Addio ai vecchi studi di settore. Arrivano i voti ai...
Il sistema banche regge il colpo ma il piano di unione è...
Quante sofferenze si nascondono negli «incagli»?
Revisori formati. E di qualità
Revisioni contabili, battaglia campale per le Big Four della...
I costi della pubblicità possono essere iscritti nel bilancio
Certificazione di qualità così cambiano i manager delle...
Credito parallelo, una chimera: mercato specializzato cercasi
Titoli di Stato e banche, duello nella Ue
Falso in bilancio anche per le stime
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)