Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

La fattura si sconta sul web. Al galoppo le aziende fintech
di Marco Frojo
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 29 maggio 2017

In un contesto ancora difficile per i finanziamenti alle aziende la tecnologia sta fornendo un insperato aiuto a chi ha bisogno di capitali per poter crescere. Un chiaro esempio viene dai sistemi di factoring alternativo che, non a caso, stanno riscuotendo un grande successo. In tutta Europa sono nate piattaforme che favoriscono l'incontro fra aziende che hanno delle fatture da scontare ed investitori specializzati nei crediti commerciali oppure fondi che vogliono diversificare il proprio profilo di rischio. Fra questi player il numero uno indiscusso a livello europeo è la britannica Marketinvoice che dalla sua fondazione nel 2011 vanta un volume transato superiore al miliardo di sterline; in Italia il leader di mercato è Workinvoice che viaggia a un ritmo settimanale di 2 milioni di euro di transato. Le piattaforme per il trading delle fatture stanno nascendo in tutta Europa e anche in Paesi dove uno non se lo aspetterebbe; è questo il caso della Germania dove i tempi di pagamento delle fatture sono brevi (la media è di 18 giorni contro i 90 dell'Italia). Per questa tipologia di aziende fintech e per il factoring in generale le prospettive sono molto rosee visto che il sistema bancario, gravato com'è da una montagna di sofferenze, fa ancora molta fatica a finanziare le aziende. «Le società italiane sono oggi chiuse in una morsa — spiega Matteo Tarroni, amministratore delegato di Workinvoice —. Da una parte c'è il sistema bancario che dall'inizio della crisi ha ridotto di circa 70-80 miliardi i finanziamenti, dall'altra si registra l'allungamento dei tempi di pagamento. In Italia il credit crunch è stato più severo che in altri Paesi europei e questo spiega il successo del Peer2peer lending e dell'alternative factoring». A favorire lo sviluppo del settore non ci sono però solo le esigenze delle aziende con delle fatture da scontare ma anche il forte interesse degli investitori. I crediti commerciali sono entrati ormai da tempo nei radar dei fondi: «C'è indubbiamente una forte richiesta da parte di diversi soggetti; possiamo individuare tre principali categorie, i fondi alternativi specializzati in questa asset class che comprano solo crediti commerciali e solo su piattaforme come la nostra, i fondi tradizionali che utilizzano questa asset class per il cash management e i veicoli di cartolarizzazione che trasformano i crediti commerciali in obbligazioni per poi venderle». Ed è proprio per la presenza e l'interesse dei grandi investitori istituzionali che è lecito prevedere che si andrà verso un'integrazione delle piattaforme a livello europeo. Per le aziende che hanno delle fatture da scontare il principale vantaggio di servizi come quello di Workinvoice è la flessibilità. Possono decidere di vendere anche solo una fattura, contrariamente a quanto avviene con il factoring classico dove esiste la "canalizzazione", ovvero un accordo in base al quale tutte le fatture vengono scontate. Inoltre per attivarsi su Workinvoice è sufficiente una settimana per per aprire un tradizionale rapporto di factoring ci vogliono due mesi. «Il nostro servizio può essere paragonato a uno sconto per cassa, solo che avviene a un costo medio dell'1% contro il 3-4% che si concede di solito al cliente in cambio di un pagamento immediato — prosegue Tarroni —. Noi più che una finanza alternativa siamo una finanza complementare, che si affianca agli strumenti tradizionali già utilizzati dalle imprese». E a conferma di ciò c'è l'ottimo andamento del factoring tradizionale che continua a crescere a ritmi molto sostenuti. Secondo i dati raccolti dall'associazione Assifact in tutto il 2016 il turnover cumulativo è cresciuto quasi del 10% a 202 miliardi di euro e l'inizio del 2017 è stato ancora più brillante con una crescita nell'ordine del 20%. D'altra parte le cose non potrebbero stare diversamente: secondo uno studio Cribis, in Italia solo il 35% delle fatture viene pagato entro la scadenza, contro l'82% che si registra in Germania. Una buona notizia però c'è: nel 2016 i pagamenti con un ritardo di oltre un mese rispetto alla scadenza sono diminuiti del 13%.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi presentare la tua business idea?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Fari puntati sulla responsabilità
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
Robo-advisory per small e mid cap
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Sinai: «Attenti agli eccessi del liberismo»
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Banche italiane più sicure: la classifica
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Startup: gli incubatori non sono investitori, ma formatori...
Atlante riapre la raccolta per salvare le tre Casse
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Crediti deteriorati: cosa sono i Non Performing Loans (Npl)?
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
Professioni, l'equo compenso agli avvocati scatena...
Le incognite che vede la Bce
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Reddito e ruolo sociale la crisi degli avvocati
Aziende, la crisi dei giovani manager
I padroni stranieri del debito pubblico: 800 miliardi di euro...
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
Fondi pensione, patrimonio triplicato in 10 anni di riforma
«Un impiego part time in banca, per i consulenti una...
Banche e assicurazioni hanno ancora dei vantaggi sui...
Dal Mise precisazioni ai revisori legali sulle cooperative
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
Attenti a quei cinque Unicorni, startup che voleranno a...
Banche, la via crucis del credito: la rete di errori da Mps...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
E gli istituti prenotano 50 miliardi di euro, è ossigeno che...
Co-Ceo, quando a comandare sono in due
Tagliare con intelligenza. I nuovi manager che fanno...
Unicorni, le start-up che valgono 647 miliardi
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)