Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

La benzina c'è ora ci vuole il motore delle riforme
di Marco Onado
Il Sole 24 Ore
Lunedì 16 giugno 2014

La giornata di ieri ha confermato la positiva reazione alle recenti decisioni della Bce. I mercati azionari sono ancora in rialzo, trascinati anche da buone notizie sull'occupazione americana, mentre gli spread in Europa sono ai minimi dall'inizio della crisi, con buona pace di coloro che si dichiarano delusi perché la Bce non ha annunciato da subito un programma di acquisti massicci di titoli pubblici analogo al Quantitative easing della Fed americana. In effetti, il pacchetto complessivo sembra in grado di intervenire sia sul problema della deflazione, ampliando l'immissione di liquidità e garantendo tassi bassi per un periodo di tempo ancora più lungo, sia - e soprattutto - su quello del credit crunch, che è non meno grave.
La nuova operazione di rifinanziamento (T-Ltro) fornirà alle banche fondi pari al 7 per cento del loro portafoglio prestiti (esclusi i mutui ipotecari per l'acquisto della casa), per un importo complessivo di 400 miliardi di euro. L'immissione netta di liquidità è ovviamente inferiore, perché bisogna tener conto del debito in essere delle banche per le precedenti operazioni di finanziamento a lungo termine, ma il calcolo micragnoso delle possibili voci negative scompare di fronte al chiaro messaggio che la Bce è oggi pronta a sperimentare strumenti di politica monetaria che mettano in presa diretta l'immissione di liquidità con il credito all'economia.
È in questa ottica che si spiega la decisione di escludere dallo schema di rifinanziamento i prestiti alle famiglie per l'acquisto di abitazioni.
Perché si tratta di operazioni già (ingiustificatamente) privilegiate dai coefficienti di Basilea e che non richiedono dunque un incentivo all'offerta ma anche perché queste operazioni, quando riguardano case non di nuova costruzione, finanziano semplicemente il trasferimento di una proprietà già esistente e hanno quindi un impatto pressoché nullo sulla produzione.
Non meno importante è l'accelerazione dei programmi che mirano a consentire alla Bce di acquistare titoli provenienti da operazioni di securitisation (purché semplici e trasparenti) anche a favore di piccole e medie imprese. Per l'area dell'euro, bancocentrica e con una dimensione media aziendale limitata (soprattutto in Italia) potrebbe trattarsi di una svolta decisiva, capace allo stesso tempo di risolvere il problema del credit crunch e di rendere il sistema finanziario più articolato ed efficiente. Vi sono ancora molti nodi tecnici da sciogliere, ma la strada appare ormai definitivamente tracciata.
Insomma, i mercati sono ottimisti perché avvertono una forte determinazione a rafforzare il legame fra l'azione della Bce e la ripresa produttiva, il che è coerente con la diagnosi da tempo formulata a Francoforte secondo cui si è inceppato qualcosa nei canali creditizi che trasmettono la politica monetaria ed è su questi che occorre intervenire direttamente. Ed è anche coerente con la storia delle banche centrali che fin dalle origini sostenevano - originariamente attraverso il risconto di cambiali - il legame fra la banca e l'industria.
Per l'Italia si apre una grande opportunità: solo per le nuove operazioni di rifinanziamento, le banche potranno attingere fino a 75 miliardi, più di qualsiasi altro Paese dell'Europa periferica (la Spagna si ferma a 54), con impatti sull'offerta di credito che possono essere immediati e consistenti.
Qualcuno ha paventato il rischio che anche questa volta la liquidità creata dalla Bce si traduca in ulteriori acquisti di titoli di Stato. Ma questa volta ci sono maggiori garanzie, perché se è vero che non esistono disincentivi espliciti (al massimo la banca deve restituire il finanziamento ottenuto) è anche vero che si perde l'incentivo agli ulteriori e consistenti finanziamenti che possono arrivare al triplo del flusso netto di nuovi prestiti nel 2015 e nel 2016. E soprattutto è ormai chiaro alle banche che il facile margine tra il tasso dei Btp e quello della Bce è puramente illusorio in un quadro in cui i prestiti diminuiscono, l'attività produttiva ristagna e le condizioni finanziarie delle imprese si aggravano. Le perdite su crediti finiscono sempre per prevalere e il conto economico chiude fatalmente in rosso, come è avvenuto per l'intero sistema negli ultimi due anni.
Il Governatore Visco ha detto pochi giorni fa che una vera ripresa stenta ad avviarsi: oggi la Bce si dichiara pronta a fornire il combustibile finanziario necessario per la ripresa produttiva e anche ad allungare l'elenco delle misure straordinarie, come promette la famosa frase di Draghi «Non abbiamo finito». Per i Paesi europei e l'Italia in particolare si apre una grande opportunità non solo per ridare ossigeno alla produzione corrente, ma anche per recuperare il ritardo di investimenti privati e di infrastrutture accumulato nella recessione più grave del dopoguerra.
Naturalmente, il combustibile deve trovare un motore adeguato, il che significa realizzare le riforme strutturali di cui da tempo si discute. Lo stesso Visco ha insistito molto sulla necessità di completare il processo e ha indicato nel riordino della pubblica amministrazione e nella lotta alla corruzione le due priorità fondamentali, clamorosamente confermate dalle vicende degli ultimi giorni. L'ottimismo dei mercati sull'Italia sembra riflettere un giudizio positivo sulla capacità del Paese di realizzare le riforme e di rispettare quelle priorità. Ma è chiaro che si tratta anche delle condizioni fondamentali per agganciarsi al treno della ripresa europea che potrebbe avviarsi con il nuovo corso della politica monetaria. Se possibile, le riforme da oggi sono ancora più urgenti.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Bancarotta, estesa la non punibilità
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Pagamento in contanti: quando si rischia
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
Le incognite che vede la Bce
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)