Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.872
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

JP Morgan e Citigroup la competizione per
Basilea 3

di Federico Rampini
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 22 luglio 2013

Quest'anno JP Morgan Chase, la maggiore delle banche americane, farà un utile netto di almeno 25 miliardi di dollari. Cioè, solo di profitto, più del Pil di molte nazioni medio-piccole. Se ripartito sul "common equity" cioè le azioni ordinarie che hanno diritto a dividendo, questo profitto equivale a una redditività del 17%. Si tratta di un livello stratosferico, che la JP Morgan aveva raggiunto nel 2007, l'ultimo anno di bolla speculativa prima della crisi. Ma la redditività del 2013 non è paragonabile perché si situa in un contesto normativo ben diverso. Guardiamo a un altro colosso di Wall Street, la Citigroup. Se la JP Morgan Chase sotto la guida di Jamie Dimon è stata considerata come la più solida delle grandi banche americane, quella che perfino nel 2008/09 se la cavò con danni minori di altre, per la Citigroup vale il discorso inverso: fu tra le più fragili e senza un robusto aiuto pubblico forse sarebbe fallita. Il suo contestatissimo chief executive Vikram Pandit ha dovuto lasciare il posto nell'ottobre scorso. Ebbene, Citigroup ha chiuso il secondo trimestre 2013 con un formidabile utile netto di 4,2 miliardi. Le sue azioni si sono rivalutate del 90% negli ultimi 12 mesi. C'è un aspetto interessante della rinascita di Citigroup. Proprio questo che a lungo era stato un colosso dai piedi di argilla, oggi è il primo istituto di credito ad avere oltrepassato la soglia di capitalizzazione misurata secondo le regole di Basilea 3. Il capitale azionario di Citigroup ha infatti raggiunto il 10% rispetto ai suoi impieghi. Il rapporto tra capitale azionario e attivi, che è l'inverso del "leverage" o tasso di indebitamento, è la misura più importante della solidità di una banca. Il capitale azionario infatti rappresenta ciò che la banca ha di mezzi propri, a copertura del rischio legato ai suoi impieghi. Citigroup è la terza maggiore banca americana. Il suo risanamento è stato realizzato anche attraverso delle operazioni piuttosto drastiche e traumatiche: in particolare lo scorporo di molte attività in perdita dentro una "bad bank", la Citi Holdings. Tuttavia anche quest'ultima sta migliorando e le sue perdite si sono ridotte, da 788 milioni a 600 milioni fra il primo e il secondo trimestre. Sia i profitti di JP Morgan Chase che quelli di Citi non sono dei casi isolati, s'inseriscono in una stagione felice per l'intero sistema del credito americano. Ma quel che più sorprende - spiazza l'ideologia dominante di Wall Street - è proprio la coincidenza fra questo boom di utili e i progressi nella solidità del capitale misurati in base ai parametri di Basilea 3. In effetti le banche aumentano la loro redditività non in una fase di deregulation, ma al contrario in un contesto di regole più severe ed esigenti. Le authority Usa hanno fatto un pressing efficace negli ultimi quattro anni, per ottenere che le banche abbiano mezzi propri più elevati rispetto ai loro attivi. E cioè hanno ottenuto che i banchieri siano più prudenti, garantendo una base di capitale proprio adeguata a fronte dei rischi. Non altrettanto è accaduto in Europa, finora. Il bello è che la lobby di Wall Street ha passato questi anni accanendosi in una battaglia contro le nuove regole. I banchieri non hanno mai smesso di lamentarsi, e sempre con lo stesso argomento: troppe regole, troppi controlli, soffocano lo spirito imprenditoriale, uccidono il dinamismo delle aziende. E' accaduto l'esatto contrario. Regole più severe hanno ricostruito la fiducia dei mercati verso le banche, incoraggiando gli azionisti a investire e a rafforzare il capitale proprio degli istituti. Le banche hanno ricominciato a fornire finanziamenti all'economia reale. E i profitti salgono. L'ideologia della deregulation si è mostrata ancora una volta fallace.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Il differimento dei termini per l'approvazione del bilancio...
Bancarotta fraudolenta distrattiva per il pagamento del...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Più tempo per la formazione
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
Troppi lacci frenano il credito in Europa
L'allerta salva azienda chiede competenze forti
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Tasso variabile, finita l'età dell'oro: dietro l'angolo la...
OK ai commercialisti specialisti
Commercialisti, la svolta
Dopo 10 mesi di terremoto le banche di San Marino...
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Le banche centrali spiazzate di fronte all'enigma Bitcoin
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
L'ufficio è più bello se gli impiegati aiutano i designer
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Fari puntati sulla responsabilità
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Anche Unionfidi Piemonte in liquidazione, ecco perché...
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Atlante riapre la raccolta per salvare le tre Casse
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)