Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Internet delle cose, prime regole
di Alessandro Longo
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 16 maggio 2016

L'Italia si mette in cammino per dare al mercato dell'internet delle cose un impianto di regole a livello nazionale, per gli interessi del sistema Paese e dei consumatori. Un primo passo arriva dall'Autorità garante delle comunicazioni (Agcom), che ha pubblicato il 9 maggio una delibera sulle sim che danno una connessione internet agli oggetti (come automobili, contatori o termostati). È l'avvio di un iter che l'Autorità vuole concludere entro novanta giorni. «Valutiamo se modificare le regole nazionali per consentire agli operatori di fornire servizi internet delle cose tramite sim straniere», spiega il commissario Agcom Antonio Nicita. Gli operatori telefonici italiani lo stanno chiedendo da tempo. Solo così possono gestire al meglio, per esempio, i servizi internet in un'automobile prodotta all'estero e già dotata dalla fabbrica di una sim estera. È un caso piuttosto comune. Senza queste modifiche, gli operatori nazionali sono limitati nell'offerta. Quelli virtuali peggio ancora: per via dei vincoli contrattuali che li legano agli operatori normali, non possono affatto dare questi servizi (Poste Mobile ha infatti richiesto con forza le nuove regole). È solo l'inizio. Come già evidenziato da uno studio Agcom sull'internet delle cose nel 2015, c'è bisogno di regole ad ampio raggio. Per un doppio scopo. Il primo è consentire agli attori nazionali, come gli operatori telefonici, di competere ad armi pari con i propri concorrenti europei e con i colossi americani over the top (come Google, Apple). Questo tema è in parte affrontato dalla nuova delibera. Secondo, favorire un mercato aperto a tutela degli interessi degli utenti, contro rischi oligopolistici. Si vuole garantire, per esempio, che ci siano regole e standard tecnologici tali per cui il nostro futuro frigorifero intelligente parli con la lavastoviglie smart, anche se di marca diversa. Idem per l'automobile connessa a internet e il condizionatore e i vari altri oggetti che sempre più spesso in futuro saranno dotati di chip e connessione. Al momento non ci sono standard affermati e quindi c'è il rischio che il mercato sia preda di ecosistemi chiusi. Un po' come se, all'alba di internet, non fossero nati standard per la posta elettronica: saremmo stati costretti a dotarci tutti di software di una stessa sola azienda per scambiarci messaggi. Google e Samsung hanno già sviluppato sistemi operativi ad hoc (simili ad Android per filosofia) per gestire gli oggetti connessi. Apple spinge sul proprio ecosistema che controlla strettamente. Gli operatori telefonici mondiali adesso puntano molto invece sulla tecnologia "narrow band" (a banda stretta), di cui usciranno i primi dispositivi a fine anno. Per svilupparla, Huawei, Vodafone e Tim hanno stretto accordi nelle ultime settimane. Il tutto per un mercato che cresce molto (del 30 per cento nel 2015, a 2 miliardi di euro, secondo gli Osservatori del Politecnico di Milano), sebbene - appunto - senza la guida di regole di sistema.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Stampa il piano di ammortamento mutuo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Piccole imprese: come tirarsi fuori dai debiti con 6 consigli...
Fari puntati sulla responsabilità
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Anche Unionfidi Piemonte in liquidazione, ecco perché...
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Pagamento in contanti: quando si rischia
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
È pignorabile una polizza?
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
Dagli avvocati ai farmacisti: così la nuova legge sulla...
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Le incognite che vede la Bce
Confidi, si rischiano altre sofferenze. Le mosse di governo...
La valenza politica della risorsa risparmio, in cerca di...
Intelligenza artificiale e Big Data. Così i robot cambiano...
«Noi, commercialisti specializzati come i medici»
Il bazooka e l'illusione dell'effetto-leva
La fattura si sconta sul web. Al galoppo le aziende fintech
Come riconoscere la solidità di una banca
Banche venete, scontro sugli indennizzi
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Nuove regole europee sulla privacy: servono 45mila esperti
«Con noi le imprese hanno credito. Abbiamo un ruolo...
Attenti a quei cinque Unicorni, startup che voleranno a...
Banche, la via crucis del credito: la rete di errori da Mps...
Vacchi: «Il distretto alla bolognese un modello di filiera...
Cuneo fiscale, chi guadagna con il taglio
Credito, 225 milioni per i confidi
Banche e imprese, un rapporto in salita
Digitale: ecco perché l'impresa non è ancora 2.0
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Ogni giorno nascono 4 start up tech
Tagliare con intelligenza. I nuovi manager che fanno...
La volatilità delle Borse e i dubbi delle matricole
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Così Mani pulite ha trasformato il diritto penale...
I dirigenti senza lavoro sono 10 mila e le Pmi continuano...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)