Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.692
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Internet delle cose, prime regole
di Alessandro Longo
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 16 maggio 2016

L'Italia si mette in cammino per dare al mercato dell'internet delle cose un impianto di regole a livello nazionale, per gli interessi del sistema Paese e dei consumatori. Un primo passo arriva dall'Autorità garante delle comunicazioni (Agcom), che ha pubblicato il 9 maggio una delibera sulle sim che danno una connessione internet agli oggetti (come automobili, contatori o termostati). È l'avvio di un iter che l'Autorità vuole concludere entro novanta giorni. «Valutiamo se modificare le regole nazionali per consentire agli operatori di fornire servizi internet delle cose tramite sim straniere», spiega il commissario Agcom Antonio Nicita. Gli operatori telefonici italiani lo stanno chiedendo da tempo. Solo così possono gestire al meglio, per esempio, i servizi internet in un'automobile prodotta all'estero e già dotata dalla fabbrica di una sim estera. È un caso piuttosto comune. Senza queste modifiche, gli operatori nazionali sono limitati nell'offerta. Quelli virtuali peggio ancora: per via dei vincoli contrattuali che li legano agli operatori normali, non possono affatto dare questi servizi (Poste Mobile ha infatti richiesto con forza le nuove regole). È solo l'inizio. Come già evidenziato da uno studio Agcom sull'internet delle cose nel 2015, c'è bisogno di regole ad ampio raggio. Per un doppio scopo. Il primo è consentire agli attori nazionali, come gli operatori telefonici, di competere ad armi pari con i propri concorrenti europei e con i colossi americani over the top (come Google, Apple). Questo tema è in parte affrontato dalla nuova delibera. Secondo, favorire un mercato aperto a tutela degli interessi degli utenti, contro rischi oligopolistici. Si vuole garantire, per esempio, che ci siano regole e standard tecnologici tali per cui il nostro futuro frigorifero intelligente parli con la lavastoviglie smart, anche se di marca diversa. Idem per l'automobile connessa a internet e il condizionatore e i vari altri oggetti che sempre più spesso in futuro saranno dotati di chip e connessione. Al momento non ci sono standard affermati e quindi c'è il rischio che il mercato sia preda di ecosistemi chiusi. Un po' come se, all'alba di internet, non fossero nati standard per la posta elettronica: saremmo stati costretti a dotarci tutti di software di una stessa sola azienda per scambiarci messaggi. Google e Samsung hanno già sviluppato sistemi operativi ad hoc (simili ad Android per filosofia) per gestire gli oggetti connessi. Apple spinge sul proprio ecosistema che controlla strettamente. Gli operatori telefonici mondiali adesso puntano molto invece sulla tecnologia "narrow band" (a banda stretta), di cui usciranno i primi dispositivi a fine anno. Per svilupparla, Huawei, Vodafone e Tim hanno stretto accordi nelle ultime settimane. Il tutto per un mercato che cresce molto (del 30 per cento nel 2015, a 2 miliardi di euro, secondo gli Osservatori del Politecnico di Milano), sebbene - appunto - senza la guida di regole di sistema.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere garanzie ai confidi?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Equo compenso per gli avvocati
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
L'Italia torna ad attrarre gli investimenti esteri, balzo del...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
Banche e imprese, un rapporto in salita
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Banche alla prova del Tltro. Il grande rischio: perché i...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Il ragno della finanza
I capitali all'estero verso il rientro. Sanzioni ridotte, ma le...
Ogni giorno nascono 4 start up tech
La Borsa "alternativa" snobbata in autunno ma ora l'Aim...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Proteggere il risparmio dovere della democrazia
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Papa: «Npl, ogni anno si svalutano del 10%»
Private equity, la ritirata degli speculatori
Il pasticcio della riforma delle Popolari e la stretta via per...
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
Manager, tre anni di magra le retribuzioni restano al palo
Credito, resta forte la dipendenza dalle banche
Intesa Sanpaolo guadagna 500 milioni con i fondi della...
Nuove regole per le banche, aiuto per le Pmi
I nodi irrisolti che pesano sulle banche a Piazza Affari
Formazione, via al rush finale
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)