Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.692
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Imprese a caccia di manager dei dati
di Stefania Pescarmona
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 19 settembre 2016

Sarà il Chief data officer (Cdo) l'executive più richiesto in Italia nei prossimi anni. Secondo un'analisi realizzata da The Boston Consulting Group (Bcg), attualmente in Italia ci sono appena circa 200 Cdo, ma il numero di questi professionisti è destinato a crescere enormemente. «Stimiamo che si arrivi a superare quota mille nel 2018, per poi oltrepassare la soglia dei 10mila nel 2020», ha anticipato ad Affari & FInanza Davide Consiglio, principal di The Boston Consulting Group, che ha parlato di una figura in forte evoluzione e di un gap elevato tra Europa (e Italia in particolare) e Stati Uniti. «Tre sono gli stadi evolutivi del chief data officer – ha illustrato Consiglio -. All'inizio si è sviluppata una figura sostanzialmente It, che entrava in campo dopo il verificarsi di un problema (recovery), poi ci si è spostati verso una figura attenta alla manutenzione e alla cura della qualità dei dati (maintenance), specializzata nell'anticipare i problemi prima del loro manifestarsi. In ultima analisi, si sta affermando – al momento prevalentemente negli Stati Uniti - una terza figura di traino e innovazione del business, che non solo risolve i problemi, ma che porta al business nuove soluzioni data-driven». Introdotto circa quindici anni fa negli Stati Uniti, in particolare nelle tech company e nelle società finanziarie specializzate in carte di credito, il Cdo è arrivato in Italia (anche per la minore presenza dei settori trainanti) solo da 3-4 anni. E questo è avvenuto soprattutto in banche, assicurazioni, nelle telecomunicazioni e media e nelle società di industrial goods. «La prima richiesta di questo tipo di figura sul mercato italiano è arrivata nel 2013 da una realtà in area financial services», ha confermato Pietro Novelli, manager del mercato italiano di Oliver James Associates, società di executive search, che poi ha aggiunto che «in un contesto in forte evoluzione, dove la strategia data è stata inizialmente vista più come una scommessa che come un investimento ad alto valore aggiunto, molte aziende italiane hanno preferito promuovere percorsi di crescita interna, anche su ruoli di Cdo, attingendo a talenti dalle aree It, finance e organization». A titolo di esempio, in ambito financial services, Novelli ha ricordato che il Cdo di Unicredit, Roberto Monachino, ha una provenienza dall'area finance, mentre in Intesa Sanpaolo, Valerio Cencig, ha un background It; e ancora, Elena Rasa, Cdo di Generali ha una provenienza attuariale, mentre Alessandro Bulfone di Mediobanca arriva dall'area financial control. Anche in Italia, però, attualmente si sta assistendo a un numero crescente di ricerche esterne per figure di Cdo con provenienza specifica dall'area analytics. In ogni caso, il Cdo (inquadramento dirigenziale, con una retribuzione annua fissa di circa 120-150 mila euro) è una professionalità complessa, esperta di information technology, ma anche di business, legal e Hr, che gestisce un portafoglio di competenze formato da data scientist, data architect, data engineering, legal e It. Ne sa qualcosa Axa Italia, che ha cominciato a strutturare un team dedicato full time al big data analytics nel 2014. «Oggi il nostro Cdo riporta al Coo (chief operating officer, ndr) e coordina un team di 5 persone (data scientist e data developer) con un'età media di poco superiore ai 30 anni», ha dichiarato Maurizio Di Fonzo, direttore risorse umane, organizzazione e change management di Axa Italia, che poi ha proseguito dicendo che il team ha la missione di contribuire alla definizione della strategia e delle politiche di data management e di assicurarne la corretta realizzazione, lavorando a stretto contatto sia con il business (marketing, sales, sviluppo offerta, claims e underwriting) sia con le funzioni It e digital. Vista la complessità della professione, non è facile però reperire sul mercato professionalità simili. «Per colmare il data maturity gap , la leva principale è l'investimento in formazione: il mercato non offre ancora competenze già "pronte"; le Università si stanno organizzando e quindi è strategico costituire un "vivaio" di risorse interne da fare crescere in un contesto di crescita accelerata», ha dichiarato Valerio Cencig, data officer di Intesa Sanpaolo. Mentre Roberto Nard, chief data officer Emea di Aig - ha concluso dicendo: «Credo che si sia formato un grosso gap tra aziende più evolute da un punto di vista tecnologico e da un punto di vista culturale rispetto alla gestione dei dati e aziende che hanno una vasta quantità di dati, ma non sanno bene come gestirli. La figura del Cdo diventa quindi fondamentale per queste ultime nel creare la struttura necessaria per la loro gestione, ma anche per cambiare la cultura e far comprendere che le funzioni di business devono investire tempo e risorse nella gestione e nella governance dei dati stessi».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Equo compenso per gli avvocati
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
L'Italia torna ad attrarre gli investimenti esteri, balzo del...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
Banche e imprese, un rapporto in salita
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Banche alla prova del Tltro. Il grande rischio: perché i...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Il ragno della finanza
I capitali all'estero verso il rientro. Sanzioni ridotte, ma le...
Ogni giorno nascono 4 start up tech
La Borsa "alternativa" snobbata in autunno ma ora l'Aim...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Proteggere il risparmio dovere della democrazia
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Papa: «Npl, ogni anno si svalutano del 10%»
Private equity, la ritirata degli speculatori
Il pasticcio della riforma delle Popolari e la stretta via per...
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
Manager, tre anni di magra le retribuzioni restano al palo
Credito, resta forte la dipendenza dalle banche
Intesa Sanpaolo guadagna 500 milioni con i fondi della...
Nuove regole per le banche, aiuto per le Pmi
I nodi irrisolti che pesano sulle banche a Piazza Affari
Formazione, via al rush finale
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)