Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
di Andrea Frollà
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 20 novembre 2017

L'evoluzione demografica, lo sviluppo della globalizzazione e la trasformazione digitale sono i tre fattori che impatteranno maggiormente sulle strategie delle piccole e medie imprese familiari di tutto il mondo. Ci sono alcuni elementi come la necessità di inserire competenze qualificate e l'aumento della competizione, legata in particolare all'ingresso di nuovi attori sui mercati, che in Italia sono percepiti come dei possibili ostacoli alla crescita. Ma alle nostre aziende non mancano fiducia e ambizione. E il tandem formato dalla crescita per linee esterne e dall'aumento dell'efficienza delle filiere sarà la leva decisiva per sostenere ricavi e produttività. A fotografare questo scenario è il Growth Barometer Italy di EY, presentato durante la cerimonia dell'edizione 2017 del "Premio EY - L'Imprenditore dell'Anno", realizzato con il supporto di Hsbc e Spencer Stuart, che ha visto primeggiare il presidente e ad di Moncler, Remo Ruffini, nella categoria nazionale e nove manager dell'imprenditoria italiana nelle altre categorie. L'analisi rientra in un più ampio rapporto globale, da cui emergono alcuni fattori considerati a impatto immediato nei prossimi 12 mesi. Spiccano su tutti i mutamenti demografici, indicati da oltre un terzo del campione, e la trasformazione tecnologica (24%). Sentito è anche il tema dei talenti, con la difficoltà nel reperire le competenze necessarie che pesa più dell'insufficiente flusso di cassa, che è invece uno degli elementi più sfidanti per le imprese non familiari. In questo contesto globale si inquadra il clima di fiducia segnalato dalle Pmi italiane, decise a sostenere la ripresa del nostro motore economico e più ambiziose delle aziende degli altri Paesi.
Oltre la metà punta infatti a una crescita compresa tra il 6% e il 10% nel corso del 2018 (lo stesso indice si ferma al 34% nel resto del mondo). In linea con le altre aree del pianeta è invece il 30% che prevede una crescita massima di 5 punti percentuali, mentre leggermente maggiore è la percentuale di coloro che prevedono una contrazione (7% in Italia, 5% a livello mondiale). Come centrare questi obiettivi più o meno sfidanti? La principale leva di crescita per il middle market italiano è individuata nel consolidamento tramite M&A, che supera il 20% delle preferenze. Le aziende, spiegano gli analisti di EY, cederanno le attività per tre motivi: focalizzarsi sul core business, accedere a nuovi mercati geografici e aumentare le quote mercato. Un altro importante punto di svolta riguarda l'accelerazione digitale. Ed è interessante notare in particolare l'attenzione all'automazione robotica dei processi, già adottata dall'11% delle aziende (contro il 5% a livello globale) e nei piani futuri di un ulteriore 15%. «Le imprese che sono riuscite a restare competitive e ad espandere il proprio business, anche nella fase più acuta della difficile congiuntura che abbiamo attraversato negli ultimi anni, sono quelle che si sono internazionalizzate e che hanno affrontato un processo pervasivo di trasformazione digitale, ripensando i propri processi e dotandosi delle giuste competenze», sottolinea Donato Iacovone, amministratore delegato di EY in Italia e managing partner dell'area Mediterranea, che batte con forza sul ferro della formazione: «È un tema cruciale per il successo delle nostre aziende. Se in Italia è ancora difficile trovare persone con skill digitali e tecnologiche adeguate, l'open innovation può diventare una leva efficace per dotarsi delle competenze necessarie. Le imprese italiane ne sono consapevoli e vediamo crescere con successo le iniziative di cooperazione con realtà innovative e centri di ricerca».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Stampa il piano di ammortamento mutuo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Procedure d'allerta con incognita i «parametri finanziari»
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Bancarotta, estesa la non punibilità
Commercialisti, la svolta
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Ma il gig worker guadagna spiccioli
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Banche italiane più sicure: la classifica
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Come nascondere i soldi in banca
Terzo settore, riforma in 42 passi
Le incognite che vede la Bce
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Come avere successo nella vita: cinque strategie mentali...
La santa alleanza per industria 4.0, più competitività meno...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)