Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.872
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

L'impresa familiare brilla più dei rivali
di Marco Frojo
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 18 dicembre 2017

Più crescita, più occupazione e maggiore redditività. Le aziende familiari, che costituiscono l'ossatura dell'economia italiana, non temono per nulla il confronto con le realtà che hanno un altro tipo di proprietà e, nella maggior parte dei casi, anche dimensioni molto più grandi. È questo quanto emerge dalla nona edizione dell'Osservatorio Aub sulle aziende familiari italiane, a cura di Guido Corbetta, Fabio Quarato e Alessandro Minichilli dell'Università Bocconi. Nel decennio che va dal 2007 al 2016 i ricavi delle imprese familiari sono cresciuti del 47,2% contro il +37,8% fatto registrare da tutte le altre, con una differenza di quasi dieci punti percentuali. All'interno del gruppo delle società non familiari l'aumento del giro d'affari va dal +29,2% di quelle pubbliche al 49,1% di cooperative e consorzi, passando per il +32% fatto segnare dalle filiali delle imprese estere e il +44,5% delle società controllate da fondi d'investimento. Le cose non cambiano se si va ad analizzare la redditività nette che per le imprese familiari si è attestata all'11,4% nel 2016, a fronte dell'8,9% di tutte le altre. Va inoltre rilevato che in ogni singolo anno del periodo in esame (2007-2017) la redditività delle prime è stata superiore a quella delle seconde. Fra queste spicca l'efficienza delle filiali di imprese estere (10,5%) e il valore particolarmente basso di consorzi e cooperative (2,9%), che lavorano però con altre logiche di mercato. Lo studio della Bocconi rileva inoltre che l'occupazione nelle aziende familiari è cresciuta del 20,1% negli ultimi sei anni, riuscendo così a battere cooperative e consorzi (+14,4%) e le filiali di imprese estere (+5,7%).
Le aziende familiari vantano infine anche un minor indebitamento: considerando il rapporto fra il totale degli attivi e il patrimonio netto, si attestano al 5% contro il 6% delle altre tipologie di proprietà. Le imprese familiari hanno infine una maggior capacità di ripagare il debito, intesa come rapporto fra la posizione finanziaria netta e il margine operativo lordo. Nel 2016 questo indicatore era pari al 5,3% contro 4,9% del resto dell'universo delle aziende. In questo campo le società non familiari sono riuscite a fare meglio almeno in un anno, il 2007; questo era però prima dello scoppio della crisi e da ciò si può facilmente dedurre come la gestione familiare sia molto più oculata, soprattutto quando le cose iniziano ad andare male. Gli esperti dell'università milanese sono poi andati ad analizzare le performance di due sottoinsiemi di aziende familiari d'eccellenza, quelle quotate e quelle che superano i 500 milioni di fatturato (le Over 500). Le prime sono più grandi della media (il 45% ha un fatturato superiore ai 250 mln di euro, contro il 7% delle non quotate), più longeve (il 28% ha più di 50 anni), sono cresciute del 20% in più rispetto altre negli ultimi dieci anni e sono più propense ad acquisizioni (76,9%), investimenti diretti esteri (88%) e ad esportare. Secondo quanto emerge dallo studio, le aziende familiari stanno infine affrontando molto seriamente i problemi connaturati con questa tipologia di proprietà, il principale dei quali è dato dal fatto che le generazioni successive a quella del fondatore sono sempre meno capaci di tenere le redini dell'azienda. La soluzione del problema è quella di rivolgersi a manager esterni ed è proprio questo che un numero crescente di aziende sta facendo. Negli ultimi due anni su 253 casi di successione di una impresa familiare italiana con un fatturato compreso tra i 20 e i 50 milioni di euro si è passati da un leader familiare a un leader non familiare. «Si tratta di numeri già significativi e di un fenomeno che segue di qualche anno il processo già avviato dalle imprese più grandi e che ha dimostrato di pagare in termini economici e finanziari — spiega Guido Corbetta, che illustra i vantaggi di questa scelta —. L'apertura ai non familiari risulta correlata ad aspetti positivi come la crescita dimensionale e la capacità di esportare. E se resta vero che le imprese familiari di terza generazione soffrono in termini di reddittività, questa relazione è più debole quando le imprese sono di dimensioni maggiori e quando si registra la presenza di consiglieri esterni».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Se in Italia tanto risparmio viene sprecato la colpa è anche...
Indice di allerta nelle crisi di impresa: esiste, funziona...
Società in crisi, scissione e bad company
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Tasso variabile, finita l'età dell'oro: dietro l'angolo la...
Il factoring corre più veloce della ripresa
Ai tempi del robot aumenta il valore del capitale umano
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Pir, non solo bonus ma anche costi; costruire una rendita...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Bollette più leggere, arriva l'energy manager
L'ufficio è più bello se gli impiegati aiutano i designer
La riforma congelata delle banche popolari. Amber attacca...
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Robo-advisory per small e mid cap
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Professioni, l'equo compenso agli avvocati scatena...
Riforma dei confidi in salita
2021, la carica dei "mini ingegneri". Così i periti industriali...
Money transfer, banche e giganti web a caccia di un...
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)