Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Il nuovo stress test per le banche è la prima prova per le authority europee di vigilianza finanziaria
di Marco Onado
Il Sole 24 Ore
Venerdì 21 gennaio 2011

A grande richiesta, si annuncia un nuovo round di stress test per le banche europee, dopo quello controverso del luglio scorso. Un passo importante per cercare di dissolvere i timori e le incertezze che ancora avvolgono le istituzioni più esposte al rischio sovrano. Anche sulle banche spagnole si addensano oggi nubi preoccupanti, rese ancora più gravi dalla crisi delle casse di risparmio, che richiede subito un'iniezione di capitale pubblico di 3 miliardi di euro, e secondo le stime più pessimistiche riportate dal Wall Street Journal possono anche arrivare a 30. Quando il range delle previsioni è così ampio, occorre fare chiarezza e lo stress test è la migliore risposta.
Questa volta si tratterà di un doppio test: non solo delle banche, ma anche della reale efficacia della riforma della vigilanza europea entrata in vigore il 1° gennaio scorso, che prevede una nuova autorità (European systemic risk board) e rafforza i poteri dei comitati di coordinamento (rispettivamente per banche, mercati e assicurazioni) prima esistenti. In campo bancario, l'Eba (European banking authority) ha preso il posto del Cebs, che aveva condotto lo stress test di luglio. Secondo le migliori tradizioni di Bruxelles, la riforma è il frutto di numerosi compromessi, ma offre comunque molte opportunità. Una nota di ottimismo viene dal fatto che al vertice dell'Eba è stato chiamato, nel consenso generale, uno dei migliori dirigenti della Banca d'Italia, Andrea Enria.
Per essere efficace uno stress test deve essere prima di tutto trasparente e credibile. Va ricordato che ogni banca ha un obbligo preciso di condurre autonomamente esercizi di questo tipo ma spesso l'autoindulgenza prevale e certe autorità di vigilanza sono ancora più indulgenti dei soggetti vigilati. Ben vengano dunque test che consentano al mercato di avere informazioni migliori di quelle normalmente disponibili. Si badi che l'efficacia non dipende tanto dalla severità delle ipotesi, quanto dalla attendibilità e omogeneità dei dati delle singole banche. Uno stress, lo dice la parola stessa, non è l'Apocalisse e dunque non è necessario chiedersi cosa succede nel caso più catastrofico possibile.
Occorre invece conoscere l'esposizione ai rischi più significativi delle singole banche, in modo realmente comparabile. E' stata questa la debolezza dello stress test di luglio, non tanto il fatto pur importante, che l'evoluzione effettiva di alcuni paesi, in particolare l'Irlanda sia stata ben peggiore di quella ipotizzata. E' stato invece grave che per ben sette banche (sei tedesche e una greca) non venissero fornite informazioni sull'esposizione al rischio sovrano perché la vigilanza tedesca riteneva di non avere poteri al riguardo: naturalmente la reazione indignata del mercato ha subito indotto le banche in questione a fornire i dati "spontaneamente", ma il danno di credibilità era già fatto. E ancora più gravi sono state le voci secondo cui alcune banche avrebbero potuto nascondere sotto il tappeto una parte delle loro posizioni più delicate, ricorrendo a varie e fantasiose forme di cosmesi contabile, sotto l'occhio distratto, per non dire compiacente, delle autorità nazionali. Anche sotto questo profilo, è lecito oggi richiedere un atteggiamento diverso da parte dei regolatori nazionali, che sono alla fine i veri responsabili della qualità dei dati immessi, cioè della prima condizione di successo di esercizi di questo tipo.
L'Eba ha già dichiarato che il prossimo stress test riguarderà anche la liquidità, che è sicuramente oggi uno degli aspetti cruciali e soprattutto quello su cui è più difficile avere informazioni adeguate, realmente comparabili tra banche. L'ultima Financial Stability Review della Bce ci dice che le 77 banche dell'euro (sulle 91 dell'Unione europea) che erano state sottoposte allo stress test di luglio, facevano registrare alla fine del 2009 un "customer funding gap" (la differenza fra prestiti e depositi) di 3,5 trilioni di euro, pari al 12 per cento del totale attivo di bilancio. Per colmare questa voragine, le banche devono ricorrere al mercato obbligazionario (circa un trilione in scadenza nei prossimi due anni), al mercato a breve e ovviamente alle banche centrali. E' ovvio che questo sia un problema che preoccupa i mercati almeno quanto il rischio di credito, quindi la decisione di andare in questa direzione è da accogliere con grande favore.
Naturalmente, rimane aperto il problema di come far entrare il rischio di liquidità nell'esercizio, ma basterebbe cominciare ad avere informazioni attendibili e comparabili su come si collocano le singole banche rispetto ai nuovi coefficienti che saranno applicati nei prossimi anni da Basilea 3. Dato che, colpevolmente, il rischio di liquidità era stato trascurato finora dagli accordi internazionali, è ragionevole che l'applicazione delle nuove regole sia stato diluito nel tempo. Ma un'informazione organica su come si collocano le singole banche sarebbe molto utile: sempre la Bce ci dice che informazioni individuali sono oggi disponibili solo per 33 banche su 77.
Ad esempio, se venissero pubblicati i risultati di uno stress test sul cosiddetto liquidity coverage ratio (uno degli indicatori della nuova disciplina che riguarda appunto la capacità di resistere ad una situazione di difficoltà su un orizzonte di 30 giorni) si farebbe un'operazione di grande trasparenza.
Basta questo per capire che questa volta lo stress test può essere davvero un punto di svolta per il sistema finanziario europeo. Le nuove autorità europee hanno tutte le migliori intenzioni di partire con il piede giusto, ma la questione cruciale è sempre la solita: fino a che punto i supervisori dei principali paesi europei si sentiranno obbligati dai rispettivi governi ad anteporre gli interessi nazionali a quelli europei? Il test, alla fine, non riguarderà solo le nuove autorità, ma l'intera politica europea.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Più tempo per la formazione
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Il factoring corre più veloce della ripresa
Vigilanza, non scordiamoci della Consob
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Robo-advisory per small e mid cap
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
Il big bang, dieci anni dopo. Che cosa è cambiato a Wall...
Terzo settore, riforma in 42 passi
Il risparmio gestito corre ma non basta
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Aziende, la crisi dei giovani manager
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)