Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Il factoring corre più veloce della ripresa
di Luigi dell'Olio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 6 novembre 2017

Non più solo uno strumento di finanziamento, ma una vera e propria scelta strategica per la gestione del capitale circolante. È l'evoluzione che sta interessando il mercato del factoring, avviato verso un ulteriore balzo in avanti in Italia dopo il decollo coinciso con il periodo del credit crunch. Non che di colpo le banche abbiano ripreso a fare prestiti facilmente, ma i sette mesi consecutivi di erogazioni in crescita sopra l'1% (come sottolinea l'ultimo rapporto Abi, che si ferma al consuntivo di settembre) segnalano che il vento sta progressivamente cambiando. Eppure, la corsa dei contratti attraverso i quali l'azienda cliente cede a una società specializzata (il factor) i propri crediti esistenti o futuri (relativi per esempio a contratti ancora da stipulare) non si ferma. «I dati da inizio anno a fine agosto registrano un progresso nell'ordine del 13% rispetto a dodici mesi prima, arrivando a superare i 136,3 miliardi di euro di turnover (l'ammontare complessivo dei crediti ceduti in un arco temporale definito, ndr)» racconta Alessandro Carretta, segretario generale di Assifact, l'associazione che raggruppa gli operatori del settore. «Intanto, l'ammontare degli anticipi e dei corrispettivi erogati al 31 agosto 2017 segna una crescita pari al 6,74%». In questo senso, aggiunge l'esperto, «il factoring si trova sempre più ad assumere non solo il ruolo di alternativa al credito bancario, ma una scelta di business delle aziende che in questo modo gestiscono il circolante con le società di factoring, in modo da accelerare la crescita». La cessione dei crediti può avvenire in due forme: pro soluto, con il rischio di insolvenza del debitore che viene trasferito in capo alla società di factoring, o pro solvendo (cioè salvo buon fine), quando il soggetto che cede il credito rimane coinvolto in caso di mancato incasso da parte del factor. La prima è la forma più diffusa, tanto che nei primi otto mesi del 2017 ha superato quota 77,5 miliardi di euro, contro i 39,6 miliardi dell'alternativa, con 19,2 miliardi di residuo attribuibile ad altre forme che stanno emergendo nel mercato.
Così, dopo che nel 2016 è stata per la prima volta superata la soglia dei 200 miliardi di turnover, per l'anno in corso l'associazione di settore si attende un ulteriore balzo in avanti nell'ordine del 9,2%. Cresce intanto, anche se in misura minuta, l'outstanding, vale a dire l'ammontare dei crediti ceduti e non incassati a una certa data. A fine agosto il dato si è attestato a quota 51,5 miliardi di euro, di cui 20,4 miliardi riconducibii all'opzione pro soluto, 18,5 al pro solvendo e 12,6 di altre soluzioni. Quanto alla ripartizione territoriale per cedente, al primo posto c'è la Lombardia (28,3%), seguita dal Lazio (26,5%), con il Piemonte a chiudere il podio (12,2%), l'Emilia-Romagna quarta (6,0%) e il Veneto quinto (5,9%). Alla base della crescita che sta interessando il comparto ci sono principalmente due ragioni: le condizioni dei finanziamenti, evidentemente reputate convenienti da un numero crescente di aziende; la ridotta rischiosità rispetto ad altre forme di credito alle imprese, che spinge l'offerta. Il pagamento del servizio di factoring è basato su una commissione e, se è previsto un anticipo dei crediti, su interessi calcolati in base alle condizioni di mercato. Caratteristiche che consentono una forma di autofinanziamento del circolante. Il tasso applicato varia a seconda dei casi, in virtù della solidità aziendale e anche della qualità dei crediti: tendenzialmente si può dire che la fascia media si colloca tra il 4 e il 5%. Ma gli interessi possono essere anche della metà nel caso del reverse factoring, uno dei trend emergenti nel mercato. Questa soluzione si caratterizza per il fatto che la società specializzata stipula il contratto non con il creditore, bensì con il debitore, che è un'azienda capo-filiera di elevato standing e quindi dotata di un buon merito creditizio. Così può proporre ai propri fornitori (che vantano crediti nei suoi confronti) di diventare cedenti, consentendo a questi ultimi di accedere a un finanziamento a condizioni agevolate. Il risultato, oltre che in termini di stabilizzazione dei flussi di cassa per gli interessati dalla cessione, è anche una maggiore fidelizzazione tra l'azienda di grandi o medie dimensioni e la propria filiera produttiva. Un altro filone indicato in crescita riguarda l'ambito dei crediti fiscali, con il factoring pro-soluto che viene utilizzato anche da aziende che possono vantare un rating elevato per smobilizzare i crediti fiscali da imposte dirette o i crediti Iva, che di solito hanno una durata solitamente superiore ai consueti crediti commerciali. Guardando al futuro, dall'inizio del 2018 il settore dovrà fare i conti con il nuovo principio Ifrs 9, che sostituirà lo Ias 39 per la rilevazione e valutazione degli strumenti finanziari, imponendo di rilevare immediatamente tutte le perdite previste nel corso della vita di un credito. Secondo le attese del mercato, questa innovazione avrà effetti negativi soprattutto sul capitale delle banche, mentre per le società di factoring le complicazioni dovrebbero essere attenuate dalla minore rischiosità dello strumento. In quest'ultimo caso, infatti, le sofferenze si collocano mediamente intorno al 3,6%, mentre tra i crediti erogati dalle banche si arriva a sfiorare l'11% degli impieghi. I primi mesi di applicazione diranno se è effettivamente così.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi presentare la tua business idea?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Bancarotta, estesa la non punibilità
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Pagamento in contanti: quando si rischia
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
Le incognite che vede la Bce
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)