Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.872
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Il D.Lgs. 81/2008 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro" ha compiuto dieci anni
di Francesco Arzarello
Giugno 2018

* * *

La redazione del D.Lgs. 81/2008 in realtà non aveva l'obiettivo di stravolgere la legge precedente, ma di fare ordine, mediante un "Unico Testo Normativo" in sessanta anni di normative su igiene e sicurezza sul lavoro, nate con i lontani D.P.R. 547/1955 e D.P.R. 303/1956 e proseguite con i primi recepimenti italiani delle direttive europee sulla sicurezza all'interno dei vari capitoli del D.Lgs. 626/1994; nell'81/2008 trovarono infatti spazio anche le normative sui cantieri, sulla segnaletica, sul rumore e sull'amianto che avevano ciascuna una propria legislazione specifica.

Nella redazione della normativa scritta nel 2008 vennero perfezionati alcuni aspetti ormai "invecchiati" nella normativa del 1994, come ad esempio la definizione di "lavoratore" che teneva ora conto, a tutela della sicurezza, dell'allargamento e ammorbidimento delle forme contrattuali, o del sempre più frequente ricorso agli appalti esterni per attività che, una volta, venivano effettuate da personale interno all'azienda.

Se la normativa, consolidata dieci anni fa, non ha subito poi modifiche significative, cosa è cambiato, nel concreto, negli ultimi dieci anni, nel mondo della sicurezza sul lavoro? Due aspetti possono essere segnalati quali "cambiamenti significativi", intervenuti nell'ultimo decennio: si chiamano "attenzione al comportamento", più che agli aspetti tecnici e (di conseguenza) "formazione".

Gli aspetti tecnici hanno sempre governato l'approccio alla sicurezza; fin dal 1955 l'obbligatorietà di protezioni meccaniche ed elettriche, e la normativa sui macchinari (sfociata nel 1996 nel marchio CE, che costringe il costruttore di un macchinario ad occuparsi e a certificare la conformità ai requisiti di sicurezza) hanno concentrato l'attenzione sulla "tecnica", sulla specializzazione sempre più forte delle misure meccaniche ed elettroniche per rendere le attrezzature sempre più sicure e sempre meno violabili e manomettibili. Il risultato è che, nell'ultimo decennio, gli infortuni sono, nell'80% dei casi non più dovuti ad errori o mancanze tecniche, ma imputabili a mancanze, errori o violazioni comportamentali. L'infortunio non dipende più oggi dall'attrezzatura fornita, ma dal modo con cui è stato procedurizzato il suo utilizzo e da come l'attrezzatura viene usata.

E' esemplificativo, uscendo per un secondo dallo specifico, pensare alle pubblicità automobilistiche degli anni '90, che vantavano macchine sempre più tecnicamente sicure (barre laterali, airbag, lamiere a deformazione controllata ecc.); negli ultimi anni questo tipo di approccio è sparito (perché ormai consolidato e scontato), e l'automobile del 2018 si occupa del comportamento del guidatore: sensori di stanchezza, sensori di collisione, sensori di parcheggio, e nelle statistiche stradali la causa numero uno di incidente si chiama... cellulare. Nel 2018, la valutazione del rischio di un magazzino si concentra molto di più sugli aspetti "procedurali" (delimitazione delle zone di passaggio, utilizzo di personale abilitato) e "comportamentali" (rispetto delle velocità, delle aree di transito, distrazione) di quanto si occupi della validità tecnica di un carrello elevatore marcato CE e verificato, ogni tre mesi, da un'azienda abilitata di manutenzione.

Ne consegue, dunque, il secondo aspetto: che se il rischio è diventato non più e non solo un aspetto tecnico ma deve tenere conto degli aspetti comportamentali, la riduzione del rischio ed il suo mantenimento ad un livello residuale passano, giocoforza, dal costante richiamo alle procedure, alla conoscenza del rischio, alla sua non-sottovalutazione da parte dei più esperti; in una parola, dalla formazione.

Se un aspetto di cambiamento c'è stato, negli ultimi anni, negli obblighi delle aziende verso i lavoratori, è stato il pesante incremento degli obblighi di formazione a partire dal 2012: le aziende sono infatti obbligate ad effettuare una prima formazione iniziale, e aggiornamenti di formazione periodici, e lo devono fare a tutti i lavoratori, anche a quelli più anziani ed esperti; d'altra parte, se ad un ragazzo nuovo assunto è necessario "insegnare" l'esistenza di rischi che lui può non conoscere, e di cui può non avere sufficiente consapevolezza, è altrettanto importante, all'anziano, "ricordare" i rischi che, per sopra-valutazione delle sue competenze e della sua esperienza, può essere portato a dimenticare, adottando comportamenti spavaldi e temerari e di conseguenza estremamente rischiosi.

Sempre più quindi, a dieci anni dall'uscita dell'ultima grande modifica normativa, la cogenza della gestione del controllo dei rischi passerà non solo attraverso un'analisi iniziale tecnica dei rischi dell'azienda e della redazione del conseguente documento di valutazione dei rischi, in genere effettuata con la collaborazione del RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione), ma dovrà proseguire mediante una continua opera di procedurizzazione e di sorveglianza sul comportamento dei lavoratori, e sul costante aggiornamento (non solo come obbligo di legge, ma come strumento continuativo di gestione del rischio) della formazione.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Se in Italia tanto risparmio viene sprecato la colpa è anche...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
Approccio basato sul rischio anche per i sindaci-revisori
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Borsa e crowdfunding: così il credito è alternativo
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Bancarotta, estesa la non punibilità
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
7 cose da fare per rilanciare la tua carriera
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
Le banche centrali spiazzate di fronte all'enigma Bitcoin
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
Bollette più leggere, arriva l'energy manager
La ripresa c'è ma non si vede: «Vanno sostenuti i sogni...
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
Atlante riapre la raccolta per salvare le tre Casse
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
L'ape regina in ufficio: è vero che le donne sono più...
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)