Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

«Il credito non riparte». Le aziende riaccendono il duello con le banche
di Walter Galbiati
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 2 marzo 2015

«Difficile l'accesso al credito», dicono le imprese, «fondi a disposizione non ancora sfruttati», dicono le banche, con in mezzo le autorità europee e nazionali interessate a spingere gli uni verso gli altri nel tentativo di rilanciare la ripresa economica. L'ultima lamentela degli imprenditori arriva dalla Confapi. «Nonostante i tanto sbandierati segnali di ripresa, le piccole e medie imprese soffrono ancora, soprattutto a causa del perdurante congelamento dei canali di accesso al credito. Oltre il 30% delle aziende associate a Confapi Industria, che si sono rivolte al consorzio fidi, non potranno essere aiutate poiché sono a rischio collasso, alle prese, ad esempio, con insolvenze o concordati preventivi di importanti clienti. Di contro si registra un 20% di Pmi che si sono viste negare un aiuto da parte della banca, quando invece vi erano tutte le premesse per ottenere un finanziamento, che avrebbe potuto rigenerare l'impresa e darle nuovo slancio», ha attaccato Paolo Galassi, presidente di Confapi Industria. Prima di loro era stata la volta dell'Alleanza delle cooperative che nell'ultima rilevazione congiunturale, relativa al quarto trimestre 2014, ha sottolineato che il 25,2% degli associati si è visto richiedere garanzie ulteriori di carattere personale, mentre il 30% delle imprese che si sono rivolte alle banche non ha ottenuto alcun finanziamento o si è vista concedere importi inferiori. E le previsione per l'anno in corso sono dello stesso tipo. Eppure l'associazione dei banchieri non fa altro che ripetere che il credito c'è, basta solo chiederlo. Secondo i dati dell'Abi, comunicati in occasione del primo bilancio dell'iniziativa "Progetti investimenti Italia" per la domanda di credito delle Pmi sono ancora disponibili 4,6 miliardi di euro dei 10 miliardi disponibili per le piccole e medie aziende che puntano a fare investimenti in beni materiali e immateriali strumentali all'attività d'impresa. In particolare, al 31 dicembre 2014 sono state accolte 17.998 domande di finanziamento per un controvalore erogato di 5,4 miliardi di euro su un plafond complessivo di 10 miliardi. Secondo l'Abi, «l'utilizzo delle risorse messe a disposizione è un segnale importante nella prospettiva di ripresa della domanda di credito per investimenti e rilancio economico dell'Italia». L'iniziativa è in vigore da gennaio 2013 ed è stata prorogata al 31 marzo 2015 in base al nuovo "Accordo per il credito 2013" tra l'Abi e le altre associazioni di imprese. Per il 77% dei casi, le domande sono state relative a beni materiali, mentre per tipologia di impresa è emerso che il 42% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore Industria, seguito da Commercio alberghiero (29%), Artigianato (6,7%), Edilizia (4,7%), Agricoltura (3,8%). Il resto è stato appannaggio dei Servizi (13,8%). Il corto circuito tra imprese e banche si verifica quando a chiedere il credito sono aziende in difficoltà, i cui rating sono giudicati troppo bassi per offrire quelle garanzie necessarie a rendere plausibile la restituzione del prestito. «Quell'attenzione all'uomo imprenditore tanto auspicata quanto necessaria è sempre più affievolita - ha spiegato Galassi - nascosta dal rating e da parametri di rischio troppo stringenti. Riceviamo purtroppo sempre più "no" che si trasformano in una condanna a morte per aziende che magari hanno alle spalle mezzo secolo di attività, spesso in difficoltà solo e semplicemente perché aspettano da anni di essere pagate». Il pessimismo che circola tra i piccoli imprenditori è confermato da un sondaggio di Unimpresa tra i suoi 122mila associati che non solo non vedono una ripresa imminente, come si augura la classe politica italiana, ma che identificano nella carenza di credito uno dei problemi fondamentali per le loro attività. «Per il 62% delle micro, piccole e medie imprese italiane, il 2015 non rappresenterà la svolta per il rilancio dell'economia. Non ci saranno - spiega il report - salti di qualità sul versante della produzione e nemmeno sul fronte dell'occupazione: i dodici mesi appena iniziati si preannunciano critici ed estremamente incerti con l'uscita dal tunnel della recessione ancora lontana. Più di tre Pmi su cinque ritengono la ripresa un vero e proprio miraggio». I motivi? «Problemi con le banche per la concessione di credito, difficoltà nel rispettare scadenze e adempimenti fiscali, ritardi dei pagamenti della pubblica amministrazione, mancati incassi da clienti privati, impossibilità di pianificare investimenti, scarsa flessibilità nel gestire l'occupazione nonostante la riforma contenuta nel cosiddetto Jobs Act». Là dove non è arrivato il governo italiano potrebbe però arrivare l'Europa. La scorsa settimana il vicepresidente della Commissione Ue ha presentato un "Libro verde", una consultazione rivolta a tutte le parti interessate per avviare un mercato unico dei capitali. «C'è bisogno di aprirci a nuovi capitali, oggi l'80% dei finanziamenti alle Pmi viene dalle banche e il 20% dal mercato dei capitali, in Usa è il contrario», ha detto Katainen. L'obiettivo è rimuovere le barriere agli investimenti transnazionali e abbassare i costi del credito nella Ue. Come dire che se non si riesce ad avere un rapporto con le banche è meglio aggirare lo scoglio.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Più tempo per la formazione
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Il factoring corre più veloce della ripresa
Vigilanza, non scordiamoci della Consob
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Robo-advisory per small e mid cap
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
Il big bang, dieci anni dopo. Che cosa è cambiato a Wall...
Terzo settore, riforma in 42 passi
Il risparmio gestito corre ma non basta
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Aziende, la crisi dei giovani manager
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)