Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e quadri
di Luigi del'Olio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 11 dicembre 2017

Il 2018 si annuncia un anno favorevole per le retribuzioni dei dirigenti e quadri, attese a un'accelerazione dopo un 2017 già di per sé positivo. Con i bancari che continueranno a essere tra i più pagati in assoluto, nonostante le pesanti ristrutturazioni che stanno interessando gli organici del settore. È la previsione di Willis Towers Watson, che ha poco completato la 21esima edizione del suo studio annuale, che Affari & Finanza pubblica in esclusiva. A livello complessivo, quest'anno le retribuzioni sono cresciute mediamente del 2,5%: considerato che l'inflazione acquisita fino a novembre è dell'1,2%, significa che il potere d'acquisto è cresciuto dell'1,3%. Un dato indubbiamente positivo, anche se va considerato che le aziende coinvolte nell'indagine - 500 per un totale di 200mila lavoratori – sono quelle che effettuano politiche retributive, per cui tendenzialmente sono messe meglio della media di mercato. La crescita dei compensi del nostro Paese è sostanzialmente in linea con gli altri Paesi europei. Il progresso maggiore ha riguardato i lavoratori tedeschi, che hanno visto crescere le retribuzioni in media del 2,9% e la cosa non sorprende considerato che la Germania è la locomotiva economica del Vecchio Continente e che nel Paese si sfiora ormai la piena occupazione, una situazione che inevitabilmente crea una pressione sui compensi. In Norvegia l'incremento medio del 2017 si attesta al 2,8%, mentre buona parte degli altri Paesi considerati – dall'Austria alla Danimarca, dall'Irlanda alla Svezia – ha registrato un progresso del 2,5%. In coda si posizionano Portogallo e Spagna, con una crescita limitata al 2%, che può essere spiegata con il piano di risanamento in atto nei due Paesi iberici e dagli elevati tassi di disoccupazione che limitano le pressioni per gli aumenti retributivi.
Un discorso a parte andrebbe poi fatto per i compensi netti: in Italia il cuneo fiscale pesa per il 49% sulle retribuzioni lorde, in linea con quello tedesco, mentre la Francia si ferma al 48% e gli altri Paesi si collocano più in basso, fino al 43,5% della Finlandia e al 42,5% della Svezia. Tornando alla ricerca di Willis Towers Watson, quanto al prossimo anno viene stimato un incremento complessivo delle retribuzioni del 2,7%, con i direttori (categoria che comprende i top manager, esclusi amministratori delegati e direttori generali, che hanno formule retributive personalizzate e quindi non si prestano a classificazioni per categorie) attesi a un incremento del 2,8%. Le retribuzioni dei dirigenti, quadri e impiegati dovrebbero crescere del 2,7% medio, mentre quelle degli operai del 2,6%. «Un trend che conferma la ripresa dell'economia in corso», commenta Rodolfo Monni, responsabile indagine retributive di Willis Towers Watson. «Se verrà confermato l'attuale ritmo dell'inflazione, il prossimo anno dovrebbe consentire un miglioramento del potere contrattuale». Quanto ai profili più elevati, la retribuzione media dei direttori quest'anno si attesta a quota 138mila euro lordi di ral (retribuzione annua lorda) con il settore financial services che spicca rispetto a tutti gli alti arrivando a 150mila euro. Il che sorprende, considerato che tutte le banche italiane o quasi sono alle prese con una pesante cura dimagrante sul fronte dei costi, che coinvolge in primo luogo gli organici, con una serie di prepensionamenti e la revisione del contratto collettivo di settore al ribasso rispetto al passato. Seguono da vicino i top manager del settore farmaceutico, con una media di 149mila euro e quelli dei media con 139mila, mentre gli altri sono sotto la media, con i direttori delle aziende che si occupano di energy che mediamente portano a casa 135mila euro, quelli del retail che si fermano a 125mila euro, con l'hi-tech in coda a 120mila. «I direttori del settore finanziario beneficiano della struttura retributiva, che negli ultimi anni può aver subito dei limiti per quel che concerne la componente fissa, ma hanno una componente variabile legata ai risultati che può portare anche a raddoppiare lo stipendio base», spiega Monni. «Con la conseguenza che i top manager di banche e assicurazioni guadagnano il 20% in più rispetto alla media del mercato». E la distanza si accentua ulteriormente, raggiungendo il 30%, quando si passa a esaminare la retribuzione totale, che è la somma tra ral e bonus effettivamente pagato: i direttori dei financial service si attestano a una media di 198mila euro lordi annui, con la posizione d'onore occupata da quelli dei media (184mila euro). In coda ci sono i direttori del comparto retail, che in media nel 2017 hanno incassato 125mila euro, il 25% in meno della media degli omologhi. Un risultato che trova spiegazione nei margini ristretti che caratterizzano da sempre il settore e che si riflettono di conseguenza sui livelli retributivi. Anche tra i dirigenti i più pagati sono quelli che lavorano negli istituti di credito e nelle compagnie di assicurazione, con una "ral" media di 110mila euro e una retribuzione totale lorda di 139mila. Seguono i dirigenti del settore media con 101mila euro di retribuzione annua lorda e 123mila euro di retribuzione totale.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi presentare la tua business idea?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Bancarotta, estesa la non punibilità
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Pagamento in contanti: quando si rischia
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
Le incognite che vede la Bce
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)