Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

I nodi irrisolti che pesano sulle banche a Piazza Affari
di Morya Longo
Il Sole 24 Ore
Giovedì 24 novembre 2016

Direbbe Nanni Moretti: «Facciamoci del male da soli». Perché una buona parte della bufera borsistica che continua a colpire le banche italiane è un misto di masochismo, di perseveranza negli errori e di incapacità collettiva di risolvere i problemi. Se l'indice di Piazza Affari del settore bancario perde il 6,88% dal giorno delle elezioni americane (mentre quasi tutti gli altri indici bancari da quella data sono saliti), il 13,91% dal giorno di Brexit (in controtendenza con il resto d'Europa), e quasi il 50% da inizio anno, è anche per questo: i problemi delle banche italiane continuano a ristagnare. E le soluzioni adottate spesso sono inadeguate. O, addirittura, controproducenti.
Il problema principale, che riguarda tutte, è quello dei crediti in sofferenza: quella montagna da 199 miliardi di euro lordi, attualmente svalutati nei bilanci - secondo Bankitalia - a 85 miliardi netti. Questo significa che i crediti andati a male sono oggi iscritti nei bilanci delle banche al 42,7% del loro valore originario. Se si guarda alla probabilità di recupero di questi crediti, si scopre che questo valore di bilancio è statisticamente corretto: negli ultimi 4 anni il recupero medio dei crediti in sofferenza è stato infatti intorno al 41%. Non dovrebbero dunque essere necessarie ulteriori svalutazioni, che comporterebbero perdite nei bilanci delle banche. Eppure è da un anno - da quando Banca Marche, CariFerrara, CariChieti e Popolare Etruria sono state costrette a svalutare le sofferenze al 20% - che a Piazza Affari c'è la sensazione che le Autorità di vigilanza vogliano applicare a tutte le banche la stessa cura da cavallo: cioè spingerle a svalutare ulteriormente i crediti andati a male.
Sebbene queste impressioni siano sempre state smentite ufficialmente, nella realtà dei fatti non c'è occasione in cui non vengano confermate. È indiscrezione di questi giorni (l'ha lanciata il Sole 24 Ore senza avere smentite) che UniCredit intenda svalutare i propri crediti in sofferenza fino al 25%, dall'attuale 38,1%: questo comporterebbe accantonamenti per 7-8 miliardi. L'operazione di cessione di sofferenze di Mps avviene al 33% del valore lordo dei crediti, ma (considerando la struttura dell'operazione), nella realtà il prezzo che il mercato paga è intorno al 27%. La sensazione di tutti, insomma, è che la Vigilanza stia premendo per favorire ulteriori svalutazioni e per portare gli accantonamenti sempre più vicini ai livelli dei quattro istituti salvati un anno fa. Ecco perché la Borsa si preoccupa: perché in tal caso le perdite per le banche italiane sarebbero ancora ingenti. E, forse, anche eccessive. In realtà di proposte tecniche per aggirare questo circolo vizioso ce ne sarebbero molte. Lo stesso Governo ha varato molte riforme che - seppur parzialmente - cercano di favorire lo smaltimento dei rifiuti bancari. Ma, sotto il vaglio severo di un'Europa più attenta ad evitare anche indiretti aiuti di Stato che a permettere la risoluzione del problema, tutto questo non basta. Nessuno riesce a prendere il toro per le corna, e a risolvere il problema senza terrorizzare il mercato.
A pesare sulle banche in Borsa ci sono poi i singoli casi concreti, ormai sempre più agli onori delle cronache. La vicenda Mps, le cui fortune sono anche appese agli umori degli investitori post-referendum, rappresenta un elemento di enorme incertezza sull'intero settore in Borsa: per andare in porto il piano di ristrutturazione è necessario che un numero sufficiente di investitori accetti la conversione dei bond subordinarti, che si trovi un «anchor investor» che sottoscriva una parte cospicua dell'aumento di capitale e che la cessione di 27 miliardi di Npl vada in porto. Tre condizioni tutte impegnative. A pesare sul mercato ci sono poi gli aumenti di capitale di UniCredit (si ipotizza fino a 13 miliardi), probabilmente di Veneto Banca e Popolare di Vicenza (ieri il numero uno di Atlante Alessandro Penati l'ha definito un passaggio «ovvio»), forse di Carige (non è nell'aria ma non è nemmeno da escludere) ed eventualmente di Ubi (se dovesse andare in porto l'acquisto delle good bank).
C'è poi la questione dei titoli di Stato italiani, che ammontano nei bilanci delle banche a 394 miliardi (dato Bankitalia di settembre): ora che i rendimenti salgono e i prezzi scendono, le banche rischiano di incassare perdite. L'impatto sui loro bilanci dipende da dove i titoli sono contabilizzati, ma ugualmente un po' di perdite sui titoli di Stato potrebbero farsi sentire presto. Tutto questo con un mercato sempre più in tensione per via del referendum costituzionale del 4 dicembre. Ma preoccupano - in prospettiva - anche i nuovi adempimenti regolamentari in arrivo, che potrebbero imporre ulteriori necessità di aumenti di capitale: solo la riforma di Basilea 4, secondo i calcoli dell'Abi, potrebbe in Europa provocare necessità di rafforzamenti patrimoniali pari a 5-600 miliardi. E anche il pacchetto legislativo approvato ieri dalla Commissione europea, pur nei suoi intenti positivi, potrebbe portare ad un ulteriore inasprimento delle richieste di capitale per le banche. Come se non bastasse la carne già sul fuoco. Se la Borsa picchia duro il credito italiano, insomma, i motivi ci sono. Probabilmente la speculazione esagera, ma non inventa nulla.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Più tempo per la formazione
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Il factoring corre più veloce della ripresa
Vigilanza, non scordiamoci della Consob
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Robo-advisory per small e mid cap
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
Il big bang, dieci anni dopo. Che cosa è cambiato a Wall...
Terzo settore, riforma in 42 passi
Il risparmio gestito corre ma non basta
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Aziende, la crisi dei giovani manager
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)