Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.692
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

I gioiellieri contro le banche. Scoppia la guerra dei diamanti
di Marco Frojo
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 30 gennaio 2017

La guerra fra gioiellieri e banche per la vendita di diamanti si fa sempre più accesa. Gli istituti di credito sono accusati di vendere le pietre preziose a prezzi gonfiati rispetto alla loro reale quotazione e su questo ha aperto un'indagine anche la Consob. Nonostante questa polemica, però, non accenna a diminuire l'interesse dei risparmiatori italiani per questo investimento, il cui principale vantaggio è quello di essere un asset reale e non di «carta», come spesso vengono definite obbligazioni e azioni. Le vendite di diamanti sono in costante crescita, aiutate dalla fame di investimenti alternativi e da importanti campagne pubblicitarie. L'associazione di categoria Federpreziosi ha più volte denunciato il fatto che chi acquista un diamante in banca rischia di pagare più del doppio del valore di mercato, senza contare che alcune delle garanzie promesse allo sportello in realtà non sono tali. In particolar modo i gioiellieri contestano la promessa che viene fatta da diverse banche all'acquirente di poter rivendere la pietra preziosa alla stessa società da cui l'ha comprato. Va infatti ricordato che gli istituti di credito non vendono direttamente i diamanti ma hanno stretto accordi commerciali con società specializzate in questo settore, da cui ricevono commissioni per ogni operazioni conclusa. Al fianco di Federpreziosi si è di recente schierata anche l'associazione Altroconsumo che, senza tanti giri di parole, ha definito l'acquisto di diamanti presso una banca un «cattivo investimento». «Allo sportello viene proposto come investimento sicuro, redditizio ed esentasse, ma a lungo termine - scrive Altroconsumo -. Peccato che vendere la pietra quando si ha bisogno di liquidità non è semplice come viene prospettato: il prezzo a cui viene venduta al cliente è almeno il doppio dei valori di mercato e le commissioni di uscita sono piuttosto salate. Il sistema funziona finché la banca trova un altro cliente a cui rivendere il diamante a quel prezzo gonfiato; quindi nel circuito chiuso che si viene a creare». «Ma chi ci dà la certezza che questo sarà possibile tra 10-20 anni, cioè al termine del tempo consigliato dalla banca e dalle società per l'investimento?», si chiede Altroconsumo che ha anche pronta la risposta: «Nessuno. La bolla potrebbe scoppiare e le perdite potrebbero essere consistenti». Per giungere a questa conclusione (e per capire meglio i meccanismi di vendita) Adelia Piva di Altroconsumo si è presentata allo sportello di quattro grandi banche per constatare una serie di fatti. «I consulenti ci mostrano sempre un grafico in cui si vede la curva delle quotazioni dei diamanti in crescita costante: sono però le quotazioni preparate dalla società stessa che vende i diamanti tramite la banca, pubblicate su Il Sole24Ore ogni tre mesi in uno spazio pubblicitario. Dando un'occhiata alle vere quotazioni internazionali (per esempio, il listino Rapaport), si può capire che il valore ha un andamento ben più volatile e che ci sono anche discese e picchi». Il Rapaport è un servizio a pagamento settimanale (l'uscita è il giovedì pomeriggio) che dal 1978 raccoglie i prezzi a cui vengono scambiate le pietre preziose presso le tre principali Borse, Anversa, Tel Aviv e New York. Il Rapaport codifica le valutazioni delle circa 16.000 qualità brevettate dalla De Beers, un'impresa ciclopica che ha tenuto alla larga eventuali concorrenti. Ancora oggi la «lista» - come viene chiamata in gergo - ideata da Martin Rapaport è il punto di riferimento del settore, anche molti operatori continuano a tenerla segreta, con grave danno per i clienti finali. Sulla vendita dei diamanti allo sportello ha aperto un'indagine anche la Consob che, al termine delle verifiche, deciderà se intervenire o meno. «La necessità di fare assoluta chiarezza è diventata improrogabile; informazioni e messaggi pubblicitari equivoci, diffusi da banche e altri attori abilitati alla vendita dei diamanti, rischiano di danneggiare seriamente il mercato ed inesperti acquirenti attratti dal canto delle sirene - spiega Giuseppe Aquilino, presidente di Federpreziosi-Confcommercio -. Siamo in presenza, e ormai la percezione è ampiamente diffusa, di un mercato opaco, non vigilato, per il quale sono auspicabili norme come quelle per l'oro da investimento. Basti solo considerare che i prezzi indicati e riportati sui giornali economici come ufficiali nelle diverse comunicazioni commerciali sono in effetti prodotti dagli stessi intermediari». Secondo Aquilino la trasparenza «non deve essere solo riferita alla qualità della pietra ma deve valere anche per le commissioni praticate dalle banche e dalle diverse società per le modalità di determinazione del prezzo di acquisto e di vendita, per quelle di ricollocazione. Il silenzio degli organismi preposti al controllo incomincia a essere inquietante». Per i risparmiatori intenzionati a investire in diamanti la situazione non è però così nera così si potrebbe pensare. Sul Web sono nate diverse piattaforme per la compravendita di diamanti che applicano i prezzi del listino Rapaport e guadagnano con le commissioni che sono calcolate a parte. Alcuni di questi operatori sono diventati dei veri e propri giganti quotati in Borsa: il numero uno è l'Investment Diamond Exchange di Singapore. Lo svantaggio di questi servizi è che la consulenza è carente e mai di persona (alcuni offrono il canale telefonico, negli altri casi ci si limita al Web); scegliere la pietra più adatta alle proprie esigenze risulta dunque essere più complicato. Ma in molti casi il vantaggio sul fronte dei prezzi compesa ampiamente queste difficoltà.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi presentare la tua business idea?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Professioni, l'equo compenso agli avvocati scatena...
Quando, e perché, gli esseri umani iniziarono a usare il...
Money transfer, banche e giganti web a caccia di un...
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
Npl, la riscossa di Unicredit: ora ha il portafoglio crediti più...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Al via la formazione obbligatoria per i revisori legali
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Italia, ottime idee ma poche risorse. Così i brevetti non...
«Noi, commercialisti specializzati come i medici»
L'Italia torna ad attrarre gli investimenti esteri, balzo del...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Popolari e casse non quotate arriva il nuovo borsino per...
Assicurazioni, il direttore finanziario diventa strategico
La Penisola tra i Paesi meno virtuosi, ma affiorano segnali...
Le matricole di Piazza Affari crescono e battono gli indici
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
Credito, 225 milioni per i confidi
E gli istituti prenotano 50 miliardi di euro, è ossigeno che...
Banche e imprese, un rapporto in salita
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
Proteggere il risparmio dovere della democrazia
Egon Zehnder: «Ai manager italiani manca la capacità di...
Private equity, la ritirata degli speculatori
Tribunali, affari e cronache rosa: ecco cosa resta dei...
Filosofi, filologi e antropologi le aziende ora cercano umanisti
Poste, il risparmio tradito da quattro fondi immobiliari
Intesa Sanpaolo guadagna 500 milioni con i fondi della...
I professional italiani più deboli di quelli europei
E' giusto che lo Stato salvi Mps
Stipendi dei manager: quelli degli executive crescono più...
Le disuguaglianze frenano la crescita, ridurle rilancia il Pil
Un limite alla responsabilità dell'avvocato
Il Cerved scova 10 mila pmi innovative
I nodi irrisolti che pesano sulle banche a Piazza Affari
L'Uomo dei numeri anche nelle Pmi
Sofferenze bancarie, quali sono le colpe dei manager allo...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)