Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.606
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

I dirigenti senza lavoro sono 10 mila e le Pmi continuano a lasciarli a spasso
di Catia Barone
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 20 febbraio 2017

Gli ingredienti ci sono tutti, ma la ricetta non funziona. Il mercato del lavoro italiano continua a vivere una situazione paradossale: 10 mila dirigenti a spasso e Pmi che hanno bisogno di manager per non morire. Eppure l'ingranaggio si blocca puntualmente. La domanda e l'offerta di lavoro non trovano un punto di incontro, lasciando dietro di loro una voragine manageriale sempre più profonda. Com'è possibile tutto questo? Per Stefano Cuzzilla Presidente di Federmanager, la risposta è molto semplice: «Dipende dalla tipologia del nostro tessuto produttivo, troppo legato alle aziende familiari poco aperte a figure manageriali». In effetti, se guardiamo al mondo industriale, 3 milioni e 600 mila imprese hanno meno di 10 dipendenti «e questo è un problema vero – continua Cuzzilla - anche perché oggi parliamo di industria 4.0, ma ci dimentichiamo che le Pmi sono la parte vitale del nostro Paese che rischia di essere totalmente marginalizzata». L'incontro dei dirigenti con le Pmi non è mai facile: «In Italia lo è ancora meno, soprattutto per i manager - aggiunge Enrico Pedretti direttore marketing Manageritalia –; a pesare di più è l'aspetto culturale, che vede le nostre imprese familiari affidarsi troppo poco a manager esterni». E i dati lo confermano: imprese di questo tipo in Italia (80% del totale come nel resto d'Europa) sono per due terzi (67%) gestite solo dai parenti dell'imprenditore, contro il 35% della Spagna, il 28% della Germania, il 25 della Francia e il 10% dell'UK. «Dal 2008 ad oggi abbiamo visto che in Italia la fascia alta del mondo del lavoro si è ridotta del 15%, mentre all'estero (Francia, Germania e Inghilterra) è aumentata del 10%», spiega Mario Cardoni, direttore generale di Federmanager. «Il turnover annuale è pari al 10% della categoria, ed oggi ci sono più di 10 mila dirigenti nel limbo», sottolinea Cardoni. Per intenderci, stiamo parlando di manager che guadagnano dai 90 ai 120 mila lordi all'anno: direttori o responsabili di produzione, del marketing strategici, del settore amministrativo, della comunicazione e delle tecniche informatiche. «I manager e le pmi appaiono come una trasmissione su due frequenze diverse», dice Federico Sacchi, amministratore delegato di CdI Manager, società di selezione e ricerca manager. «La piccola o media impresa sa bene che deve prendere nuove competenze di alto livello perché le professionalità che finora hanno portato avanti la media impresa italiana non sono più adeguate – continua Sacchi –; allo stesso tempo l'imprenditore è un po' troppo preoccupato dell'impatto che un manager può avere sulla sua azienda. Il cambiamento spaventa, non è sempre ben voluto». Per Enrico Pedretti «pesa anche la scarsa capacità dell'impresa di individuare quali competenze e quale figura le servono realmente». «Non è vero che spesso cerchiamo ciò di cui abbiamo bisogno – aggiunge Federico Sacchi, amministratore delegato di CdI Manager - ma ciò di cui pensiamo di aver bisogno». La colpa è, comunque, sempre a metà: «Manager e Pmi necessitano di un update sinergico su quel che serve per lavorare al meglio insieme e competere con efficacia – conclude Pedretti –; oggi, ad esempio, avere una cultura, esperienza e mentalità digitale è un must nella ricerca di dirigenti da parte di tutte le aziende, soprattutto quelle multinazionali e grandi». Alessio Fiaschi oggi Strategic and business consultant presso The European House-Ambrosetti, per anni è stato un temporary manager, e conosce fin troppo bene tutte queste difficoltà: «Spesso l'azienda considera il temporary manager un finto dirigente a tempo determinato, a volte non dà neanche deleghe e obiettivi precisi. È chiaro che così non può funzionare». Mentre alcuni dirigenti affrontano il lavoro a tempo come se fosse un ripiego o una consulenza «ed è altrettanto sbagliato – sostiene Fiaschi - un temporary manager deve portare a temine un progetto e poi spostarsi su altro, tenendo ben presente che non è possibile avere i benefit di prima, l'auto aziendale, la poltrona di pelle. È un altro mestiere». Ancor più difficile è la fase di selezione dei manager. Quando le pmi non si rivolgono alle associazioni di categoria o ai cacciatori di teste (casi comunque poco frequenti), resta la rete delle conoscenze e il mondo on-line: «Se oggi vado su LinkedIn o su altre piattaforme, trovo qualsiasi tipologia di domanda e offerta di lavoro – chiosa Federico Sacchi - e in linea teorica per una azienda è molto facile cercare un manager e viceversa. Il problema è che non esistono dei filtri utili: sembrano tutti competenti e in grado di fare qualsiasi cosa». «LikedIn è una fantastica forma di network, ma solo di network non di recruiting – commenta Alberto Fiaschi -; sulla piattaforma non c'è scritto che cosa sei davvero in grado di fare e come affronti i problemi e le sfide. Il fai da te non può funzionare». Certo, le iniziative per facilitare l'incontro di manager e pmi non mancano e le associazioni di categoria puntano su formazione, incontri e diffusione di una cultura manageriale nelle piccole imprese, ma ci vuole molto di più: «Il piano governativo dell'industria 4.0 ha un progetto mirato alla formazione di tremila manager, ma non so quanto ci vorrà per portarlo a termine - dice Mario Cardoni, direttore generale di Federmanager -; in realtà, noi abbiamo già tremila manager pronti, che potrebbero assumere il ruolo di "contaminatori digitali" del mondo delle Pmi. Il rischio, però, è perdere troppo tempo e intanto vedere affondare le nostre imprese».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere credito alla banca?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Banche, la via crucis del credito: la rete di errori da Mps...
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Busta paga più ricca, il "mito" della laurea supera la prova...
Ogni giorno nascono 4 start up tech
La volatilità delle Borse e i dubbi delle matricole
Revisori legali, continua il braccio di ferro
Superstipendi dei manager: gli azionisti vogliono una stretta
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Cfo, la sfida tecnologica sui big data
Proteggere il risparmio dovere della democrazia
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
I dirigenti senza lavoro sono 10 mila e le Pmi continuano...
Egon Zehnder: «Ai manager italiani manca la capacità di...
Artigiani e partite Iva una poltrona per due e con i mini...
Tribunali, affari e cronache rosa: ecco cosa resta dei...
Troppi pregiudizi, resta difficile assumere dirigenti "diversi"
Poste, il risparmio tradito da quattro fondi immobiliari
La banca non risponde
Risk management, le aziende si attrezzano
Cessione degli Npl, nel 2016 una pipeline da record
Carige, dopo l'apertura della Bce si va verso la banca del...
I professional italiani più deboli di quelli europei
E' giusto che lo Stato salvi Mps
Droni, trattori senza pilota e software: l'agricoltura 4.0...
Finanza, ancora questa sconosciuta. Gli italiani i meno...
Banche europee, con Basilea 4 rischio di aumenti di...
Da Goldman a Morgan Stanley, tra affari e politica il...
Factoring al galoppo, il business si avvicina a quota 100...
«Quel club esclusivo ma spietato degli startupper di Silicon...
Addio ai vecchi studi di settore. Arrivano i voti ai...
«La priorità delle banche? Tutelare il risparmio degli italiani»
Banche contro «Basilea 4»: stop o taglio ai prestiti
Il sistema banche regge il colpo ma il piano di unione è...
I costi della pubblicità possono essere iscritti nel bilancio
Revisione legale, la chance del controllo di qualità
Imprese, l'arte di gestire il cambiamento
Sospendere il bail-in perché alimenta il rischio sistemico
Titoli spazzatura, non è finita la grande truffa del rating
Professionisti a rischio bancarotta
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)