Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
di Flavia Provenzani
Ottobre 2017

Pubblicato sul sito www.money.it in data 25 ottobre 2017.

* * *

Il termine cigno nero è precedente alla scoperta dell'Australia nei primi decenni del XVII secolo, quando tutti gli studiosi di ornitologia e il mondo intero erano convinti, come confermato da ogni evidenza empirica, che tutti i cigni fossero bianchi. Infatti, nessuno ne aveva mai trovato uno nero.
La scoperta del primo cigno nero ha dimostrato, però, la falsità di questa credenza.
Un'altra teoria afferma che il termine deriva dal poeta latino Giovenale, che ha scritto: «rara avis in terris nigroque simillima cygno» - «uccello raro sulla terra, quasi come un cigno nero».
In entrambi i casi la caratteristica del cigno nero è la rarità, l'«impatto» estremo e prevedibilità solamente retrospettiva.
E negli anni sono stati molti i cigni neri che hanno cambiato il mondo, pesando enormemente sull'andamento dei mercati finanziari.
Tenendo presente l'alto impatto dei cigni neri sui mercati finanziari, esaminiamo motivi ed evoluzioni di nove eventi inaspettati con forte impatto sulle valutazioni.

1) La crisi in Asia del 1997
La crisi finanziaria che ha colpito l'Asia nel 1997 ha scatenato un crollo dei mercati mondiali per una perdita del 60%. Una serie di svalutazioni iniziarono a susseguirsi a partire da luglio 1997 attraverso l'Asia orientale e sud-orientale sulla scia del crollo del baht thailandese, dovuto alla decisione del governo di non ancorare più la moneta al dollaro statunitense. Nel grafico seguente è riportato l'andamento della rupia indonesiana contro il dollaro USA tra il 2 luglio 1997 (giorno della svalutazione del baht) e il 21 maggio 1998 (giorno delle dimissioni di Suharto, l'allora presidente indonesiano).

Clicca per ingrandire


2) La bolla delle dot-com
L'esplosione della bolla della dot-com ha visto il Nasdaq crollare da 5.046,86 a 1.114,11 punti, per un crollo del 78%. I prezzi delle azioni erano aumentati ad una velocità irreale e un'improvvisa mole di ordini sell su molti giganti tecnologici hanno mandato a picco i mercati azionari, creando una forte ondata di panic sell.
Alla fine del 2001 la bolla delle società dot-com si era sgonfiata, facendo così svanire migliaia di miliardi di dollari in capitale investito. Guardando il grafico sottostante, notiamo come l'indice Nasdaq sia salito alla fine degli anni '90 per poi screndere bruscamente a causa della bolla dot-com.

Clicca per ingrandire

3) L'11 settembre 2001
Le vendite che hanno paralizzato Wall Street l'11 settembre 2001 hanno portato il Dow Jones ad una perdita repentina del 14%. In quei momenti le torri gemelle del World Trade Center di New York venivano colpite da due aerei dirottati. La prima settimana di scambi dopo il doloroso attentato è stata la peggiore nella storia del NYSE. In quei giorni sono stati bruciati circa 1.400 miliardi di dollari.

4) La crisi finanziaria mondiale del 2008
La crisi finanziaria globale esplosa nel settembre 2008 ha bruciato 10 miliardi di dollari di capitalizzazione e ha visto il tracollo della Lehman Brothers. Il grafico che segue mostra il mercato dei subprime tra il 1997 e il 2007:

Clicca per ingrandire


La crisi finanziaria indotta dai mutui subprime è considerata la crisi finanziaria peggiore dopo la Grande Depressione. Il grafico seguente mostra i prezzi dei credit default swap di alcuni paesi europei dal gennaio 2010 al marzo 2014.

Clicca per ingrandire

5) La crisi del debito in Europa
Dopo la crisi finanziaria mondiale del 2008, i paesi finanziariamente più forti come la Germania non sono riusciti più a finanziare i paesi indeboliti dagli alti livelli di debiti. I paesi più deboli finanziariamente come la Grecia (con un debito/PIL del 146,2%), il Portogallo (debito/PIL del 96,2%), l'Irlanda (debito/PIL dell'86,8%) e la Spagna (debito/PIL del 60,1%) hanno avuto bisogno di un'operazione di salvataggio.
Vi era il timore che se uno o più membri dell'UE avessero lasciato l'Euro e fossero andati in default sul debito, questo avrebbe portato al tracollo l'intero sistema bancario mondiale. Nel grafico seguente sono indicati i credit default swap di alcuni paesi europei dal giugno 2010 al settembre 2011. Sull'asse il livello 1000 indica un costo di $1m di debito a 5 anni.

Clicca per ingrandire

6) Il disastro nucleare di Fukushima e lo tsunami dell'11 marzo 2011
Il disastro nella centrale nucleare Daiichi a Fukushima è stato dovuto ad un incidente energetico causato dallo tsunami a seguito del terremoto di Tohoku (magnitudo 8,9) dell'11 marzo 2011. Il Dow Jones ha perso il 2,4%, il DAX il 4% e il Nikkei il 16%.

7) Il crollo del prezzo del petrolio
La crisi petrolifera, iniziata a giugno 2014, ha portato i prezzi del petrolio al di sotto della metà del loro valore, da $110 a $50 al barile.

8) Il Black Monday di agosto 2015
L'8 agosto 2015 il mercato azionario di Shanghai è crollato dell'8,5% in un'unica sessione e del 30% nelle settimane successive.
Il ribasso del prezzo del petrolio ha provocato forti danni alle nazioni esportatrici di materie prime, compresi gli esportatori di prodotti di manifattura come la Cina. Data la grandezza degli esportatori di petrolio, il commercio mondiale è collassato. Con i bassi prezzi per i prestiti in Cina, l'eccessiva speculazione delle società cinesi che utilizzano soldi in prestito per giocare in borsa era impressionante. L'importo di denaro investito ha presto superato il tasso di crescita delle società, quindi il governo cinese ha deciso di svalutare lo yuan, ma non ha fatto altro che peggiorare la situazione, causando un'ondata di panic sell, portando così ad un nuovo Black Monday.

9) Il referendum Brexit
Al risveglio dei mercati il 24 giugno 2016, alla notizia della vittoria del Sì all'uscita del Regno Unito dall'UE, la sterlina è scesa ai minimi di 31 anni contro il dollaro.

Clicca per ingrandire

La teoria del cigno nero
La teoria del cigno nero si riferisce agli eventi inaspettati di grande entità e al loro conseguente ruolo dominante nella storia. Tali eventi, considerati unici, svolgono un ruolo importante e ampiamente collettivo, in contrasto con il normale flusso degli eventi.
Speculare sulla reazione del mondo dopo l'impatto di un evento relativamente improbabile ma potenzialmente distruttivo - come il referendum Brexit o la vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti - è il pane quotidiano di molti. Più le persone discutono di uno scenario improbabile, più sembra plausibile (anche se non è così). Degli studi hanno dimostrato come le persone pensino che gli eventi non plausibili siano più probabili se ne si discute: più se ne parla, meno lo scenario sembra impossibile.
Nassim Taleb, che ha sviluppato la teoria del cigno nero, afferma che esistono due tipi di eventi rari: quelli di cui si parla (fanno parte del dibattito pubblico, spesso riportati anche in televisione) e quelli di cui nessuno parla (perché si allontanano dai modelli standard e creano vergogna ai commentatori).
Ci sono molti esempi della prima tipologia di cigno nero: nel settembre 2014 tutti parlavano della possibilità di un referendum scozzese sull'indipendenza. Alla fine di luglio 2014, alcuni modelli statistici davano la possibilità di secessione anche al 50%, ma meno di un mese dopo, per gli stessi modelli, la stessa possibilità era scesa al 5%.
Due anni fa l'argomento sulla bocca di tutti era l'uscita della Grecia dall'Unione Europea: la probabilità che questo evento storico avvenisse aveva raggiunto il 50% dopo che i cittadini greci avevano deciso - in un referendum - di respingere le proposte di riforma dell'UE, rifiutando l'erogazione di nuovi aiuti finanziari aggiuntivi. Poi, quando il governo greco si è arreso ed ha accettato l'accordo - che prevedeva una serie di riforme in cambio di un altro prestito - era chiaro che il referendum era stato uno strumento negoziale inefficace, portando la probabilità che la Grecia uscisse dall'UE solo al 10%.

Conclusioni
Come dice Taleb, il nostro mondo «è dominato da ciò che è estremo, sconosciuto o molto improbabile, quindi dobbiamo usare gli eventi rari come punto di partenza, non come eccezione da nascondere sotto il tappeto».
Predire un cigno nero è quasi impossibile, perché se si potesse prevedere, allora non sarebbe affatto un cigno nero.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere credito alla banca?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Società 50-50: come superare il problema
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Banche italiane più sicure: la classifica
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
L'ape regina in ufficio: è vero che le donne sono più...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
La carica degli avvocati nei cda
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
I padroni stranieri del debito pubblico: 800 miliardi di euro...
Da Torino a Pescara, i confidi al capolinea si moltiplicano
Fabbriche all'estero, dietrofront grazie al robot si torna...
Come riconoscere la solidità di una banca
Banche e assicurazioni hanno ancora dei vantaggi sui...
Banche venete, scontro sugli indennizzi
Belpaese, solo il 37% "comprende" la finanza
I titoli atipici di Bagnasco, Cultrera e Sgarlata. L'Italia...
L'Italia del credito si ritira da Sud e Isole, dopo la crisi...
«Troppo poche le cartolarizzazioni così le banche bruciano...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Crowdfunding aperto anche alle Srl e sulle piattaforme...
Nuove regole europee sulla privacy: servono 45mila esperti
Mercato sofferenze bancarie ai nastri di partenza, 60...
Dal Mise precisazioni ai revisori legali sulle cooperative
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
Attenti a quei cinque Unicorni, startup che voleranno a...
Npl, ora la battaglia si sposta sulle sofferenze con ipoteca
E gli istituti prenotano 50 miliardi di euro, è ossigeno che...
Co-Ceo, quando a comandare sono in due
Banche alla prova del Tltro. Il grande rischio: perché i...
I capitali all'estero verso il rientro. Sanzioni ridotte, ma le...
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
Capitali, strategie e liti in famiglia: l'anno zero della...
I manager che piacciono al private equity
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)