Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.872
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Gli errori della regolamentazione bancaria
di Amar Bhidé (docente presso la Fletcher School of Law and Diplomacy della Tufts University)
Il Sole 24 Ore
Lunedì 4 luglio 2011

Immaginate che le discussioni sollevate dal disastro Hindenburg fossero incentrate sugli estintori e sui paracadute di cui avrebbero dovuto disporre i dirigibili, invece che sui difetti di progettazione che avrebbero potuto innescare l'ignizione. Sfortunatamente, gli odierni dibattiti sulla riforma bancaria sono su questa lunghezza d'onda.
Modificare la gigantesca industria bancaria dovrebbe essere l'obiettivo prioritario della riforma. Una volta si era soliti pensare che i banchieri conoscessero ogni mutuatario e valutassero i prestiti caso per caso. Ora, invece, le banche usano modelli evocati da fantomatici maghi finanziari per produrre in serie classi di credito e prodotti derivati. La standardizzazione favorisce la crescita delle megabanche; a differenza degli errati giudizi formulati dai funzionari responsabili dei prestiti, i modelli difettosi di questi maxi sistemi hanno avuto conseguenze disastrose.
Le proposte radicali, volte a rilanciare un sistema robusto e avanzate dal governatore della Banca d'Inghilterra Mervyn King, sono state soffocate dalle accese discussioni sulle eventuali misure che nulla fanno per porre rimedio ai principali difetti del moderno sistema bancario.
Si consideri il dibattito apparentemente acceso sui livelli adeguati di capitale delle banche. I regulator hanno proposto corposi aumenti: uno studio della Banca d'Inghilterra suggeriva, ad esempio, un incremento più che triplicato del capitale.
I banchieri, che potrebbero temere per i propri bonus, pensano che l'aumento dei requisiti patrimoniali li spingerà a ridurre i prestiti, impedendo in tal modo la crescita economia. La realtà è ben diversa.
Il principio di regolamentazione del capitale bancario sembra sensato. In qualsiasi attività l'indebitamento aumenta il rischio: non si va in bancarotta se non si hanno debiti. Un forte indebitamento incoraggia altresì proprietari e manager a rischiare tutto, perché sono i creditori ad assumersi gran parte del rischio al ribasso. I prestatori prudenti cercano pertanto di limitare sia i livelli di debito contratti dalle aziende sia di contenerne i corrispettivi rischi.
I creditori non sono però incentivati a imporre duri limiti alle banche. Dal momento che il ritiro massiccio di depositi bancari può scatenare un caos generale, i governi garantiscono esplicitamente depositi assicurati e implicitamente tutti gli altri debiti delle megabanche. I governi che garantiscono le passività bancarie, invece, devono richiedere che i banchieri esercitino una maggiore prudenza rispetto a quanto già non facciano.
Eppure incentrarsi soprattutto sui livelli di indebitamento delle banche tralasciando altri atteggiamenti ben più avventati è un pessimo modo di agire.
Una volta la regolamentazione bancaria, come i prestiti, era decentralizzata e fondata su valutazioni dal basso verso l'alto, concentrate sulla rischiosità del singole debitore. I regulator prendevano perlopiù in esame i singoli prestiti piuttosto che i rapporti capitale-asset. Un tipico esame condotto sulle banche includeva la valutazione di ogni singolo prestito commerciale e di un ampio numero di prestiti personali. L'adeguatezza patrimoniale era oggetto di giudizio: gli esaminatori calcolavano l'adeguato livello di buffer di una banca, tenendo conto dei suoi specifici rischi.
I regulator hanno poi preferito emanare editti che imponessero alle banche di mantenere uno specifico buffer, ossia un cuscinetto di emergenza in grado di assorbire le potenziali perdite. Tale vincolo presuppone che asset ed esposizioni bancarie possano essere calcolati accuratamente. In realtà, i bilanci delle megabanche sono pura fantasia o pia illusione.
Il problema va oltre l'intenzionale disorientamento. J.P. Morgan e Deutsche Bank hanno pagato ingenti somme di denaro per sistemare accuse che vanno dalla corruzione ed esecuzioni illegali al favoreggiamento in evasione fiscale. Escludere la connivenza degli alti dirigenti solleva una domanda allarmante: forse Jamie Dimon, stimato Ceo di J.P. Morgan, non conosce le esposizioni implicate nei derivati della sua banca pari a 80 miliardi di dollari, come Tony Hayward, sfortunato ex direttore generale di BP, non conosceva i pericoli legati all'infausta piattaforma petrolifera nel Golfo del Messico?
L'ignoranza sui rischi effettivi rende surreali i dibattiti sulla giusta formula per i buffer di capitale. L'uso di regole meccaniche per determinare l'adeguatezza patrimoniale ha altresì inavvertitamente incoraggiato l'imprudenza sistemica.
I limiti sui livelli di indebitamento che rendono difficile guadagnare un'adeguata redditività sul capitale proprio incoraggiano le banche a farsi carico di prestiti più rischiosi ad elevato margine di profitto - e indurre le banche a detenere maggiore capitale per le categorie di asset presumibilmente più rischiose - aggrava il problema. Secondo le regole della Commissione di Basilea, concordate a livello internazionale e attuate prima del crack del 2008, i requisiti patrimoniali per i prestiti commerciali erano, ad esempio, cinque volte superiori rispetto a quelli previsti per i titoli garantiti da mutui ipotecari (Mbs) che avevano rating AA o AAA.
Le banche hanno ovviamente evitato di concedere i tradizionali prestiti commerciali (che dovevano essere garantiti da maggiore capitale) e si sono fatte carico dei titoli garantiti da mutui ipotecari AA o AAA ad altissimo rendimento, e quindi i più rischiosi che potessero trovare. Il sistema bancario globale e l'economia erano pertanto vulnerabili agli errori delle tre principali agenzie di rating e ai loro difettosi modelli di rischio.
Incoraggiare le banche a convertire i prestiti contabilizzati in titoli ha altresì contribuito a ridurre il generale livello di cautela nell'estensione del credito. Le strategie per eludere le regole di Basilea hanno inoltre reso più complessa e difficile la gestione e la supervisione delle banche.
Migliori requisiti patrimoniali, e quindi migliori regole di Basilea, non sono la giusta risposta. La rigida uniformità top-down è essenziale per specificare pesi e misure ed emettere valute e monete. I prestiti e la regolamentazione bancaria, invece, devono conoscere le realtà locali, dal momento che in un'economia dinamica, non controllata rigidamente, ogni mutuatario, ogni prestito e ogni banca è diversa (sebbene alcune linee guida possano essere d'aiuto). L'approccio top-down apparentemente oggettivo ignora la natura idiosincratica del rischio e presume che un mutuo ipotecario sia uguale all'altro.
Non possiamo più permetterci di affidarci ad esami vecchio stile destinati a megabanche che si fanno carico di rischi standardizzati. E dal momento che azionisti o finanzieri d'assalto non possono imporre uno snellimento delle operazioni, i governi devono richiedere a tali banche di liberarsi delle attività che non si riescono a gestire o regolare e di valutare i prestiti caso per caso. Considerati i profitti e i bonus alle stelle, le megabanche non abbandoneranno facilmente i propri modelli di business; ma, a meno che ciò non avvenga, sarebbe una pura follia puntare solo su regole top-down.

Traduzione di Simona Polverino.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Il differimento dei termini per l'approvazione del bilancio...
Bancarotta fraudolenta distrattiva per il pagamento del...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Più tempo per la formazione
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
Troppi lacci frenano il credito in Europa
L'allerta salva azienda chiede competenze forti
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Tasso variabile, finita l'età dell'oro: dietro l'angolo la...
OK ai commercialisti specialisti
Commercialisti, la svolta
Dopo 10 mesi di terremoto le banche di San Marino...
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Le banche centrali spiazzate di fronte all'enigma Bitcoin
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
L'ufficio è più bello se gli impiegati aiutano i designer
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Fari puntati sulla responsabilità
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Anche Unionfidi Piemonte in liquidazione, ecco perché...
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Atlante riapre la raccolta per salvare le tre Casse
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)