Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.692
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

E' giusto che lo Stato salvi Mps
di Marcello Esposito
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 12 dicembre 2016

Gettare la spugna non è un atto di codardia sportiva. Può consentire al pugile di salvare la vita e magari preservare una seconda chanche per il futuro. Nel caso di Mps si è aspettato anche troppo e ha fatto bene la Banca Centrale Europea ad evitare un inutile prolungamento dell'agonia. Un mese in più non sarebbe servito a nulla e avrebbe al contrario peggiorato una situazione che appariva già totalmente compromessa la scorsa estate, con la pubblicazione dei risultati dello stress test condotto dall'Eba. Quanto sarebbe costato alla Tesoreria del Mps ottenere finanziamenti interbancari sufficienti per compensare i deflussi della clientela privata e chiudere l'anno con livelli di liquidità minimamente accettabili? In una banca, ancor di più che in altre imprese economiche, la dimensione temporale è centrale nella funzione di produzione e quindi per definire le modalità e i costi di un intervento esterno di salvataggio.
Nell'intermediazione tra risparmio e investimento, le banche trasformano la dimensione del tempo e della liquidità. La sola base su cui può appoggiarsi la leva finanziaria è la fiducia dei clienti nella solidità della banca. Se essa viene meno, la leva finanziaria agisce al contrario, i flussi si invertono e la banca collassa. Meglio quindi intervenire subito, in maniera radicale, piuttosto che rischiare di doverlo fare dopo, quando le possibilità di un recupero "industriale" sono azzerate. Mps non può essere lasciata fallire, con buona pace di chi nei talk-show urla contro gli aiuti alle banche. Salvare Mps con l'intervento pubblico, come le quattro banche regionali e le due venete, vuol dire salvare i risparmiatori e le aziende che hanno i loro conti lì. Una soluzione di mercato abborracciata sarebbe stata peggio, perché solo la presenza dell'azionista pubblico può restaurare la fiducia dei clienti nella Banca ed evitare che l'emorragia di liquidità trasformi rapidamente il Montepaschi in una gigantesca e irrecuperabile "bad bank". E non bisognava certo aspettare l'esito del Referendum costituzionale per avere più di un dubbio sulla soluzione di mercato.
Basta ricordare le condizioni che erano state poste dai "privati" per garantire l'aumento di capitale: Mps avrebbe dovuto vendere tutti i suoi crediti in sofferenza ad un prezzo del 50% più elevato rispetto a quello di mercato e gli obbligazionisti subordinati avrebbero dovuto accettare in massa la conversione in azioni. Per non parlare del nocciolo duro del nuovo azionariato, quegli investitori istituzionali che avrebbero dovuto giudicare, in base alla durata del governo in carica, la redditività di un investimento così rilevante come quello nella banca più antica del mondo. Un'altra motivazione a favore di un intervento immediato sta nelle favorevoli condizioni di mercato, per come determinate dalle dinamiche del debito pubblico e dall'ombrello offerto dalla Bce con l'estensione del QE fino a tutto il 2017. Il salvataggio di Mps non rappresenta un pericolo per la tenuta dei conti pubblici italiani, se non viene caricato di significati meta-politici che non ha e che non deve avere. I 15 miliardi di euro che dovrebbero essere necessari per ricapitalizzare Mps e ripulirla dai crediti in sofferenza non rappresentano un problema in sè: alla notizia della decisione della Bce di non concedere più tempo a Mps, la variazione dello spread dei Btp sui Bund è stata indistinguibile dal semplice rumore statistico che ne caratterizza la serie storica. Ma non sarà sempre così.
Il 2017 si presenta come un anno politicamente impegnativo per l'Europa. Tutti e tre i maggiori paesi dell'Eurozona, Italia compresa, affronteranno passaggi elettorali delicatissimi, dove i partiti tradizionali si scontreranno con forze populiste e anti-europeiste. E tutto questo avverrà con una Amministrazione americana che si spera non mostri le preferenze geopolitiche rivelate durante la campagna per le Presidenziali. Meglio, decisamente meglio evitare qualunque rischio di strumentalizzazione politica di una crisi bancaria, che ne renderebbe la soluzione ancor più difficile di quanto già non sia. Ed intervenire quando i mercati sanno di avere ancora per 12 mesi la Bce pronta ad acquistare quasi 800 miliardi di obbligazioni, di cui quasi un centinaio attribuibili all'Italia. Le regole, introdotte con la Banking Union, della "condivisione dell'onere" di un salvataggio pubblico prevedono (almeno) l'azzeramento degli azionisti e degli obbligazionisti subordinati prima che lo Stato intervenga. I risparmiatori retail a cui è stata collocata un'obbligazione subordinata senza che fossero consapevoli del rischio potranno chiedere un ristoro totale o parziale della perdita subita. E a ben pensarci, se i rimborsi sono limitati a chi effettivamente era inconsapevole, non è poi così sbagliato che il contribuente intervenga. È una questione di responsabilità e la politica con la "p" minuscola non c'entra nulla. Le authority che dovevano vigilare sulla solidità della banca e sulla correttezza del processo di collocamente hanno fallito nel caso di Mps. Ma quelle authority non vengono da Marte, sono le stesse che ci hanno salvato, come risparmiatori, da altre situazioni forse ancora più pericolose e comunque sono espressione della comunità a cui come contribuenti apparteniamo. La politica con la "p" maiuscola, piuttosto che recriminare sul passato, dovrebbe quindi concentrarsi sul futuro per capire cosa fare per evitare che situazioni simili si ripetano. Le occasioni e gli stimoli, anche di origine europea, non dovrebbero mancare. Magari iniziando a chiedersi se e come stiamo recependo la MiFID 2, la direttiva europea che dovrebbe aumentare le tutele a favore dei risparmiatori.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Equo compenso per gli avvocati
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
L'Italia torna ad attrarre gli investimenti esteri, balzo del...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
Banche e imprese, un rapporto in salita
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Banche alla prova del Tltro. Il grande rischio: perché i...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Il ragno della finanza
I capitali all'estero verso il rientro. Sanzioni ridotte, ma le...
Ogni giorno nascono 4 start up tech
La Borsa "alternativa" snobbata in autunno ma ora l'Aim...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Proteggere il risparmio dovere della democrazia
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Papa: «Npl, ogni anno si svalutano del 10%»
Private equity, la ritirata degli speculatori
Il pasticcio della riforma delle Popolari e la stretta via per...
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
Manager, tre anni di magra le retribuzioni restano al palo
Credito, resta forte la dipendenza dalle banche
Intesa Sanpaolo guadagna 500 milioni con i fondi della...
Nuove regole per le banche, aiuto per le Pmi
I nodi irrisolti che pesano sulle banche a Piazza Affari
Formazione, via al rush finale
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)