Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Franchising e nuovi negozi, il commercio tradizionale lancia la sfida ad Amazon
di Christian Benna
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 25 settembre 2017

Altro che e-commerce e grandi mall. Il "nuovo" protagonista del commercio moderno è il "vecchio" negozio sotto casa. E non solo negli Usa, dove i big dello shopping online, mentre fanno strage di centri commerciali e di big della distribuzione, sbarca offline e nei centri cittadini americani: primo tra tutti il colosso Amazon con le librerie fisiche e le catene del bio Wholefoods. Il ritorno alla bottega di prossimità come nuovo trend di mercato è emerso con forza nel corso del Summit sul Retail promosso da E&Y e Confimprese che si è tenuto giovedì e venerdì a Stresa. Perché riguarda anche e soprattutto il nostro paese dove, nei prossimi tre mesi, le imprese, perlopiù espressione del Made in Italy, prevedono 500 nuove aperture di negozi in franchising, per 4mila posti di lavoro, che si concentreranno proprio nei centri storici e nelle aree ad alta densità abitativa. La rivincita del negozio di prossimità non è un vero ritorno al passato, alle botteghe tuttofare di una volta. Perché a ingranare la marcia delle attività commerciali sotto casa ci sono nuovi grandi player. Ci sono i brand che diventano insegna (i ristoranti Barilla, le caffè pasticcerie Illy, le cioccolaterie Lindt, gli articoli da collezione Thun); i big del retail che si fanno "piccoli" e si avvicinano al consumatore (da Ikea a Carrefour e Coop fino ai big dell'elettronica), e i nuovi marchi del Made in Italy sviluppati anche nel segno del franchising, come Yamamay, Carpisa, Camomilla, Rosso Pomodoro, EcorNaturasì. L'88% dei retailer italiani ha sviluppato un canale online.
Si capisce: due consumatori su tre si informano in rete prima di fare un acquisto. Ma 9 connazionali su 10 si recano a fare shopping nel punto vendita. Perciò la scommessa per il futuro è vincere la sfida, sul fronte dei costi e dell'offerta, dell'ultimo miglio con l'e-commerce: negozio sotto casa contro la consegna direttamente a domicilio. Tanto più che i dati Confimprese Lab-Nielsen relativi ai primi 7 mesi del 2017 confermano una flessione del canale dei grandi centri commerciali, che arretra dell'1,16% sul periodo precedente e del 2,54% nel solo mese di luglio sul 2016. «Il commercio moderno che Confimprese rappresenta – ha detto Mario Resca, presidente Confimprese, 300 marchi commerciali, 30 mila punti vendita e 600 mila addetti – sia pure nelle oggettive difficoltà di una recessione che qualcuno ha etichettato come peggiore della crisi del 1929, dà dimostrazione di sapere tenere la barra dritta e di non lasciarsi fiaccare dall'instabilità ancora persistente dei mercati. Prevediamo una crescita del giro d'affari a fine anno del 3,2% a parità di perimetro e del 5,2% considerando le nuove aperture. Nel primo caso i ricavi dovrebbero raggiungere i 148,5 miliardi, mentre con il perimetro allargato si potrebbe arrivare a 150 miliardi. Il settore è dinamico, pronto a cogliere le innovazioni della digital disruption intesa come un'opportunità per registrare maggiori volumi di vendita e battute di cassa. Le nostre imprese sono aperte alla sfida digitale, grazie alla messa a punto di sistemi click & collect per comprare online e ritirare in negozio e di nuove piattaforme e-commerce che integrano virtualmente il magazzino dell'online e del fisico». Il quadro che è emerso nel Summit di Stresa è che l'Italia sembra fare storia a sé nel panorama incerto della grande distribuzione. Il retail nazionale, seppur reduce da anni di incassi magri a causa della lunga recessione, è un comparto in salute che genera, nei 750 mila esercizi attivi, 920 miliardi di euro di giro d'affari (150 miliardi arrivano dal franchising), e che per i prossimi due anni, crescerà di tre punti percentuali. Ma il carrello della spesa non è più quello del periodo pre-crisi, abbondante e pensato per rifornire le dispense di una famiglia per almeno una settimana. Gli scaffali della Gdo, non a caso, soffrono non poco. Ma tornano a riempirsi quelli dei negozi di prossimità. Certo i piccoli negozi continuano a tirare la cinghia. Negli ultimi 10 anni, stando a dati Istat, il commercio ha perso 90 mila attività, nel complesso ci sono sempre meno negozi (-11%), tanti abbassano le serrande e non vengono sostituiti. E qui che grande distribuzione e franchising cercano nuovi spazi. Le categorie che trainano il settore sono il food e il fashion: le catene in franchising hanno in agenda per i prossimi mesi circa 260 nuove aperture, la metà del totale. Tra i brand più dinamici nel food si segnalano il gruppo friulano Cigierre, che entro dicembre ha messo a budget 24 punti vendita a marchio Old Wild West, Shi's, Wiener Haus, Pizzikotto e Romeo in tutta Italia, 26 aperture per la Piadineria e poi ancora, tra le aziende in maggiore fermento nel fashion, si conferma il gruppo Pianoforte Holding (Yamamay, Carpisa, Jaked), prevede 66 nuovi esercizi commerciali. Sono 15 le aperture per Camomilla Italia. Continua anche l'espansione del gruppo varesino di ottica Nau! che apre 6 nuovi punti vendita e impiegherà 30 persone in totale.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Personalizzazione del logo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Procedure d'allerta con incognita i «parametri finanziari»
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Bancarotta, estesa la non punibilità
Commercialisti, la svolta
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Ma il gig worker guadagna spiccioli
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Banche italiane più sicure: la classifica
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Come nascondere i soldi in banca
Terzo settore, riforma in 42 passi
Le incognite che vede la Bce
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Come avere successo nella vita: cinque strategie mentali...
La santa alleanza per industria 4.0, più competitività meno...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)