Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Fondi alle piccole imprese: scossa ai fondi di garanzia per battere il credit crunch
di Eugenio Occorsio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 26 maggio 2014

Una pioggia di finanziamenti: più di 10 miliardi in garanzie, corrispondenti a oltre 60 miliardi di finanziamenti, disponibili nel triennio per le piccole imprese. E forse più, fra rafforzamento del Fondo di garanzia per le Pmi, creazione di una sezione speciale per i progetti di R&D e di un fondo specifico per i mutui casa, rifinanziamento della legge Sabatini, potenziamento delle garanzie Sace. Si moltiplicano gli interventi pubblici per sconfiggere il credit crunch, quantificato dalla Bce in 88 miliardi nei soli ultimi due anni. E le banche rispondono positivamente: «Il miglioramento delle garanzie parziali ha il duplice vantaggio di mitigare la pesante rischiosità media del credito alle Pmi e di temperare gli assorbimenti di capitale grazie alla ponderazione zero (il mancato obbligo di iscrivere al passivo patrimoniale le somme garantite che sono fra il 50 e l'80%, ndr)», conferma Roberto Nicastro, direttore generale di Unicredit. «Il tutto spinge il sistema creditizio a incrementare il finanziamento dell'economia reale. Certo, c'è anche una questione di domanda: il nostro +150% nei mutui casa dei primi quattro mesi del 2014 rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, è sicuramente un segnale di riavvio dell'economia. Ogni ripresa parte dalle famiglie. Anche sul fronte dei finanziamenti alle imprese c'è qualche buon segnale quantomeno di stabilizzazione del monte crediti». Vediamo allora gli strumenti disponibili.
Fondo centrale di garanzia crediti per le Pmi. Istituito con una legge del 1996, solo ora grazie alla "ponderazione zero" è diventato uno strumento decisivo. Nel primo trimestre 2014 è stato un boom: le domande sono quasi raddoppiate (+91,8%) arrivando a 21.572 per 2,8 miliardi di importo. Quelle accolte sono cresciute del 79,5% con garanzie erogate di 1,7 miliardi. Conferisce garanzie dirette alle banche e controgaranzie ai Confidi. È un fondo rotativo, appena rifinanziato dal Cipe per 600 milioni: oggi dispone di 3,3 miliardi di garanzie da assegnare e ragionevolmente manterrà una buona disponibilità nel 2015 visto che per l'anno prossimo è stato già rafforzato per altri 750 milioni, e altrettanti per il 2016. «Con l'effetto-leva significa che il sistema bancario potrà finanziare le piccole imprese per 60 miliardi nel prossimo triennio», spiega Nicastro. «Le Pmi sono cruciali sia per il contributo all'economia sia per la salute del sistema bancario: i crediti problematici sono purtroppo cresciuti alla cifra record di 280 miliardi, oltre il 15% del totale, e di questi la componente maggioritaria è quella delle Pmi. Ecco quindi la necessità di garanzie parziali per attenuare una rischiosità altrimenti insostenibile». Un'altra novità di quest'anno sarà l'estensione delle garanzie ai "portafogli" derivanti dalla cartolarizzazione di debiti che le banche potranno fare creando titoli da immettere sul mercato, emissione che sarà appunto garantita.
Nuovi fondi. Sono in dirittura d'arrivo i regolamenti attuativi per una nuova sezione del Fondo di 100 milioni per l'attivazione di progetti di ricerca che saranno co-finanziati dalla Bei con 500 milioni. Altrettanto avanzato l'avvio del fondo "prima casa": 200 milioni di dotazione per ciascuno degli anni 2014, 2015 e 2016. Su tutto vigila una taskforce chiamata "Finanza per la crescita" coordinata dalle segreterie tecniche dei ministeri per l'Economia (guidata da Fabrizio Pagani) e dello Sviluppo (Stefano Firpo).
Legge Sabatini. E' ancora più antica visto che risale al 1974. Nel marzo 2014 è rinata con la "nuova Sabatini": assegna contributi stavolta agli interessi sui finanziamenti bancari per le piccole imprese in impianti, macchinari, beni strumenti, tecnologie digitali. Conta su una dotazione pluriennale di 2,5 miliardi, per la maggior parte di derivazione comunitaria. È coordinata dallo stesso ministero dello Sviluppo, che si appoggia per la provvista alla Cassa Depositi e Prestiti, insieme all'Abi.
Fondi Sace. Da qualche anno la società pubblica affianca alla storica attività di assicurazione dei crediti all'export quella di garanzie agli investimenti particolarmente mirati all'export e all'internazionalizzazione. Anche qui è valida la "sterilizzazione" della parte garantita dal calcolo dei coefficienti patrimoniali delle banche previsti da Basilea III. Spiega Alessandra Ricci, che della Sace è direttore corporate and investment finance: «Ci siamo dimostrati un partner efficace nel facilitare l'accesso al credito delle imprese, soprattutto Pmi, sostenendole lungo tutte le fasi dei loro percorsi di crescita all'estero. Dal 2008 abbiamo emesso garanzie per 56 miliardi, impegno che si è mantenuto stabile malgrado la crisi in virtù del nostro ruolo anticiclico». Nel 2013 le garanzie sono state di 8,7 miliardi contro gli 8,5 del 2012 e i 10,4 del 2011, e per quest'anno è previsto un incremento anche per l'ulteriore ampliamento a strumenti di finanziamento alternativi al credito bancario come i minibond, nonché il sostegno a imprese straniere che devono saldare forniture italiane.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Più tempo per la formazione
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Il factoring corre più veloce della ripresa
Vigilanza, non scordiamoci della Consob
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Robo-advisory per small e mid cap
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
Il big bang, dieci anni dopo. Che cosa è cambiato a Wall...
Terzo settore, riforma in 42 passi
Il risparmio gestito corre ma non basta
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Aziende, la crisi dei giovani manager
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)