Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila miliardi di dollari
di Ettore Livini
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 23 ottobre 2017

Non solo profitti ma pure opere di bene. La grande finanza - dopo aver causato un paio di crac che hanno mandato in fumo i risparmi di milioni di persone - si fa l'esame di coscienza e lancia la crociata per cambiare il mondo (questa volta, si spera, in meglio) sfoderando l'arma finale: i soldi. Regole precise e un regista, almeno per ora, non ci sono. C'è chi non compra più azioni di aziende che estraggono petrolio e combustibili fossili, chi ha messo del tutto off-limits i titoli di tabacco, armi e azzardo. Altri provano a cambiare il "nemico" da dentro. Obbligando le imprese di cui sono soci a ripudiare lavoro minorile e precariato a sospendere l'uso degli antibiotici negli allevamenti o a tagliare gli stipendi faraonici dei loro manager.
Una conversione ideale che sta iniziando a prendere i contorni dello tsunami: gli "investimenti etici" - fatti con una mano sul portafoglio e l'altra sul cuore - di fondi, banche, e grandi istituzioni sono balzati nel 2016 del 25% alla strabiliante cifra di 22.800 miliardi di dollari. La battaglia, visto l'arsenale messo in campo, sta iniziando a funzionare: i finanziamenti ai big del petrolio - compresi quelli in Borsa - sono calati nel 2016 di 86 miliardi (-22%). E la diserzione di un alleato così prezioso, gli azionisti di peso, ha convinto molti dei re degli idrocarburi ad accelerare la conversione verso l'energia rinnovabile. Sul mercato, del resto, il linguaggio del denaro è quello che si capisce meglio.
E la spinta etica di azionisti che spesso controllano quote importanti del capitale (o che non lo comprano per scelta) è difficile da ignorare.
Blackrock, uno dei colossi del risparmio mondiale, ha messo l'attenzione ai cambiamenti climatici tra le 5 priorità di scelta di un investimento. E con Vanguard, un altro big del settore, ha messo sotto pressione i cda dei big petroliferi Usa riuscendo a imporre standard ecologici molto più rigorosi. Gli uragani Irma e Harvey hanno convinto gran parte dei fondi pensione Usa a mettersi attorno a un tavolo per capire cosa potevano fare per far sentire la loro voce nella lotta ai cambiamenti climatici. E il conclave ha partorito una lettera spedita alle banche americane in cui si chiede a tutte di denunciare quante azioni del settore petrolifero hanno in portafoglio, minacciando di snobbare le più esposte. Un gruppo di fondi con 8 trilioni in portafoglio ha lanciato la "Workforce disclosure initiative", inviando a decine di grandi imprese mondiali un questionario di 22 pagine sulle condizioni di lavoro dei loro dipendenti, con domande su precariato, differenza stipendi tra uomini e donne e sicurezza nelle fabbriche.
Queste forme di moral suasion "finanziaria" danno buoni frutti: l'80% delle aziende alimentari Usa passate ai raggi X dagli ispettori di fondi e banche azioniste per verificare l'abuso di antibiotici in stalla ha accettato di ridurne e monitorarne l'utilizzo. Chi non si adegua rischia di pagare un prezzo salato: sette grandi fondi pensione europei hanno venduto i titoli Ryanair contestandone le cattive relazioni industriali con i dipendenti. E la loro ritirata è stato uno dei detonatori fondamentali per far scoppiare la guerra con i piloti che ha mandato a picco i titoli in Borsa (-20% in un paio di mesi). L'onda lunga degli investimenti responsabili - in attesa di decidere delle norme condivise - non sembra destinata ad arrestarsi. Tutti e 500 i grandi fondi sovrani e pensione mondiali intervistati in un sondaggio recentissimo da Schroder hanno ammesso che il mercato, spinto dalle scelte dei singoli investitori, è in forte crescita.
«Le aziende che snobberanno questo fenomeno se ne pentiranno», ha vaticinato Mick Carney, governatore della Bank of England. Il fondo pensione pubblico giapponese - il più grande del mondo con 1.300 miliardi gestiti - ha creato tre fondi etici ad hoc con 9 miliardi in portafoglio preannunciando che si tratta solo di un primao passo. La riassicurazione elvetica Swiss Re ha deciso di utilizzare come benchmark (parametro di confronto) delle sue performance gli indici che raccolgono solo aziende socialmente responsabili. La stessa Chiesa inglese ha creato un "Climate change ranking" che utilizza per decidere su quali aziende orientare i suoi - tantissimi - fondi. I nuovi improbabili paladini dell'etica mondiale hanno solo un timore: che le opere di bene, alla fine, vadano a detrimento dei profitti. La cosa per cui, in fondo, li paga chi affida loro i suoi risparmi. Secondo il rapporto di Schroder il 44% teme che investire con la testa e il cuore oltre che con il portafoglio possa diminuire la performance finanziaria dei loro patrimoni. Certezze sul tema non ce ne sono. Un paio di anni fa la London School of economics aveva certificato in uno studio che i "titoli del peccato" (alcol, azzardo e tabacco su tutti) rendono nel lungo termine di più del resto del mercato. Il Vice Fund - il nome dice da solo dove investe - ha regolarmente fatto meglio sui listini Usa del rivale Ave Maria Catholic Value.
Il vento però, complice anche il boom di capitali freschi arrivato sul fronte etico, sta ora girando. L'indice azionario Msci - quello che include solo le grandi aziende "eticamente responsabili" - ha fatto meglio di quello "generico" dello 0,39% l'anno dal 2012 ad oggi. Sui mercati emergenti le 417 aziende "verdi" hanno dato ritorni superiori del 60% rispetto al resto del listino negli ultimi 10 anni. Il mercato dei Green bond è lievitato dai 12 miliardi del 2012 ai 123 previsti quest'anno. E le aziende stanno interiorizzando il new normal: la bontà, oltre a regalare il paradiso, oggi fa pure salire di più i titoli in Borsa.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Procedure d'allerta con incognita i «parametri finanziari»
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Bancarotta, estesa la non punibilità
Commercialisti, la svolta
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Ma il gig worker guadagna spiccioli
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Banche italiane più sicure: la classifica
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Come nascondere i soldi in banca
Terzo settore, riforma in 42 passi
Le incognite che vede la Bce
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Come avere successo nella vita: cinque strategie mentali...
La santa alleanza per industria 4.0, più competitività meno...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)