Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Ecco le banche «too big to fail»
di Alessandro Merli
Il Sole 24 Ore
Sabato 5 novembre 2011

Diciassette banche europee, fra cui l'italiana Unicredit, fanno parte dell'elenco di una trentina di istituti globali ai quali il G-20, riunito a Cannes, ha chiesto di raccogliere capitale addizionale per far fronte agli eventuali costi di un loro fallimento.
Le 29 banche dovranno avere un "cuscinetto" di capitale ordinario in più, compreso fra l'1% e il 2,5% dell'attivo a seconda della loro importanza, rispetto a quanto richiesto agli altri istituti di credito dalla regole di Basilea. Si tratta di una lista, compilata dal Financial Stability Board, di banche che hanno un'importanza sistemica globale, le cosiddette G-Sifi (le Global Systemically important financial institution), il cui fallimento quindi potrebbe mettere in pericolo l'intero sistema finanziario internazionale.
Imponendo requisiti di capitale addizionali, composti interamente da capitale ordinario, si vuole aumentare la capacità di assorbimento delle perdite e quindi evitare che i costi di un eventuale salvataggio, o di un fallimento, ricadano sui contribuenti, ha commentato il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi, alla sua ultima riunione alla guida dell'Fsb. A causa del suo nuovo impegno alla Bce, l'ex governatore della Banca d'Italia ha lasciato ieri la poltrona dell'Fsb al capo della Banca centrale canadese, Mark Carney, che sarà affiancato, come vicepresidente dal numero uno della Banca nazionale svizzera, Philipp Hildebrand. A quest'ultimo è assegnato un compito importante, di riferire al Fondo monetario sulle vulnerabilità del sistema finanziario che possono avere un impatto sull'economia.
L'Fsb è composto dalle autorità di regolamentazione e vigilanza dei maggiori Paesi. Draghi si era insediato alla presidenza nel 2006 e ha promosso l'allargamento dell'Fsb, originariamente un organismo creato dal G-7 dopo la crisi asiatica di fine anni 90, ai più importanti Paesi emergenti ed ha avuto dal G-20 nel 2009, dopo la crisi seguita al collasso di Lehman, il mandato a guidare la riforma delle regole della finanza globale.
L'applicazione del capitale addizionale dovrà avvenire in modo progressivo a partire dal 2016, per essere completata entro il gennaio 2019. La lista verrà riesaminata annualmente dall'Fsb. Per ora ne fanno parte otto banche americane, fra cui tutte le grandi di Wall Street, come J.P. Morgan, Goldman Sachs e Bank of America, quattro asiatiche, di cui tre giapponesi, e 17 banche europee, di cui dieci dell'area euro. Le più grandi banche globali dovranno anche predisporre entro fine 2012 dei piani dettagliati per un fallimento ordinato e saranno sottoposte a una vigilanza più stringente. Dato che si tratta di istituzioni che operano su scala globale, verrà migliorata la collaborazione fra le autorità del loro Paese d'origine e degli altri mercati in cui sono presenti.
Il Financial Stability Board ha avanzato inoltre una serie di proposte per la regolamentazione del sistema bancario ombra, quelle istituzioni che operano come banche ma che finora sono sfuggite ai controlli e quindi, ha detto Draghi, devono essere sottoposti alle stesse regole delle banche. Queste istituzioni sono considerate fra le responsabili della crisi finanziaria degli ultimi anni. Verranno sottoposte a controlli i loro rapporti con le banche, ma verrà anche allargato il perimetro della regolamentazione.
L'altra preoccupazione dell'Fsb, avallata dai leader del G-20, riguarda l'uniformità delle regole fra i diversi Paesi. «Questo è essenziale per l'efficacia delle regole - ha affermato Draghi - per evitare l'arbitraggio regolamentare», cioè che le istituzioni finanziarie vadano alla ricerca dei Paesi dove le regole sono meno severe. L'Fsb eserciterà quindi un monitoraggio, che riguarderà l'applicazione di Basilea 3, le norme sulle Sifi, quelle sui derivati over-the-counter, e i compensi dei banchieri.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Imprese familiari fatturato in crescita, ma visione "a breve"
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
OK ai commercialisti specialisti
Il factoring corre più veloce della ripresa
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
Pir, non solo bonus ma anche costi; costruire una rendita...
Accenture: «Il capitale umano è la vera risorsa dell'Italia»
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
La riforma congelata delle banche popolari. Amber attacca...
Mettersi in proprio: idee e segreti. Lavoro autonomo o...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Società 50-50: come superare il problema
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'ape regina in ufficio: è vero che le donne sono più...
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
«Lo Stato ci dà troppi oneri», la rivolta dei commercialisti
Aziende, la crisi dei giovani manager
Italia, ottime idee ma poche risorse. Così i brevetti non...
I padroni stranieri del debito pubblico: 800 miliardi di euro...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Fondi pensione, patrimonio triplicato in 10 anni di riforma
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)