Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

E se i lavoratori avessero il cartellino come i calciatori?
di Luca Foresti
pagine web Econopoly - Il Sole 24 Ore
Venerdì 11 agosto 2017

Cosa succederebbe nel mercato del lavoro se i lavoratori avessero il cartellino come i calciatori? Se le aziende dovessero "comprarli" da altre aziende? Se le aziende dovessero/potessero scrivere a bilancio il valore della propria squadra? E dovessero aumentarne il valore nel tempo (ad esempio con formazione)?
Partiamo da tre presupposti:

1 - Il capitale umano si presenta nel bilancio delle aziende o come costi (spese di personale) o come debiti (TFR).
2 - A partire dal 1970 circa gli aumenti di produttività non vengono più distribuiti in maniera equa tra lavoratori e capitale, ma vengono largamente tradotti in aumento dei profitti.
3 - Le aziende non investono più in formazione e crescita dei propri dipendenti.

Queste tre affermazioni hanno una radice comune. Le persone, che – insieme al capitale finanziario e alle materie prime – sono i fattori necessari per la crescita dell'economia e che sono certamente il più importante dei tre fattori, non sono considerate un capitale per le aziende. O non lo sono considerate abbastanza.
Ci sono alcune eccezioni.
Ad esempio i calciatori. Le squadre hanno nel loro stato patrimoniale i calciatori secondo il loro valore di mercato. Sono un asset che può essere compra-venduto nel mercato delle squadre di calcio.
Se un giovane viene fatto crescere e diventa un calciatore più forte, il suo valore aumenta e la squadra ha quindi guadagnato da quell'investimento. Far giocare un giovane promettente rappresenta quindi un interesse economico diretto per la squadra.
Altro esempio significativo sono gli amministratori delegati delle aziende. Quando vengono assunti o licenziati il valore dell'azienda cresce o diminuisce a seconda della fiducia che i mercati ripongono in quel cambiamento. C'è quindi una variazione di capitale a seguito di una variazione di persone.
Oggi nel mondo dell'high-tech è invalso l'uso di acquistare start-up perché dentro ci sono persone di valore e quindi la cifra pagata è largamente legata alla valutazione che chi compra fa delle persone che ci lavorano
Questi esempi vedono i "lavoratori" pagati molto perché sono considerati tipici mercati "winner take almost all", ovvero dove piccole differenze di valore sono valutate moltissimo.
La domanda interessante che ci si potrebbe porre è quindi: cosa succederebbe se introducessimo i "cartellini" anche per i lavoratori? Ovvero se oltre a un contratto in cui vengono definite retribuzione ed eventuali bonus, come oggi, esistesse anche un vincolo patrimonializzato tra lavoratore e azienda, che può essere venduto tra aziende?
Il primo aspetto di una tale prospettiva è percepito in modo fastidioso dalla maggior parte delle persone, perché ogni similitudine tra un lavoratore e una proprietà aziendale sa di mercificazione umana e quindi viene rigettata dallo stomaco, ancor prima che dalla testa delle persone. Ma proviamo a giocare fino in fondo con questa idea e vediamo cosa ne viene fuori.
Innanzitutto le aziende potrebbero inserire nel proprio stato patrimoniale il valore dei lavoratori. Il che significa che formandoli e aumentandone il valore l'azienda otterrebbe oltre ai miglioramenti nel conto economico, come già avviene oggi, anche un aumento di valore patrimoniale.
I lavoratori bravi, che migliorano continuamente, a un certo punto, come succede nelle squadre di calcio, sarebbero spinti dalle piccole aziende alle grandi aziende proprio dai loro attuali "proprietari", perché in quel modo otterrebbero un plusvalore rilevante per la piccola azienda nel suo equilibrio di bilancio. Esisterebbe un certo equilibrio tra valore del cartellino e stipendio e laddove un lavoratore imparasse abilità particolari che creano molto valore per l'azienda, questa sarebbe di fatto "costretta" a riconoscerne una parte consistente al lavoratore.
I disoccupati avrebbero un vantaggio competitivo rispetto a chi lavora, perché il loro cartellino sarebbe gratis, sarebbero dei "free-lance". In particolare i giovani in entrata nel mercato sarebbero molto appetibili perché verrebbero visti come investimenti dalle prime aziende che li impiegano. Anche i disoccupati 50enni che hanno abilità interessanti avrebbero un vantaggio rispetto ad oggi, perché potrebbero essere assunti dalle aziende gratuitamente laddove loro coetanei che lavorano presso altre aziende richiederebbero investimenti.
Licenziare una persona senza venderla a un'altra azienda equivarrebbe azzerare il suo valore nello stato patrimoniale e quindi aumenterebbe le perdite. Fare licenziamenti di massa produrrebbe una perdita massiccia, a meno che le persone licenziate non fossero già a valore zero nello stato patrimoniale.
Come nel caso del calcio il valore dipenderebbe dall'età. Più ci si avvicina alla pensione e minore sarebbe il valore, perché minori gli anni di produttività davanti. Ma questo produrrebbe per assurdo una maggiore impiegabilità delle persone più avanti con l'età, che potrebbero portare grandi aumenti di produttività con bassi investimenti. Come succede con le squadre di provincia che arruolano per gli ultimi anni di carriera grandi campioni che fanno da guida per i giovani che si stanno formando.
Probabilmente il mercato del lavoro convergerebbe su contratti a tempo determinato, come succede per i calciatori. Prima della scadenza del contratto l'azienda dovrebbe decidere se tenere il lavoratore o azzerarne il suo valore a bilancio e lasciarlo andare. Si instaurerebbe quindi una sottile trattativa continua tra le due parti, che probabilmente sposterebbe l'asticella del potere un po' più nella direzione dei lavoratori rispetto ad oggi. Le aziende sarebbero costrette a considerare il capitale umano e la sua gestione come un elemento centrale del proprio business. Dovrebbe offrire piani di formazione per attrarre i migliori e dovrebbe offrire una promessa di successo ai lavoratori per far si che decidano di andare a lavorare in quell'azienda, anche come investimento nel proprio valore futuro.
Alla fine il valore di una persona dovrebbe essere calcolabile come il flusso di cassa futuro di valore creato portato al tempo presente, come un asset finanziario. E qui nascono interessanti elementi tecnici che rendono una persona diversa da un capitale finanziario. Il più importante dei quali è che le stesse persone possono produrre valori completamente diversi a seconda dell'azienda in cui lavorano. Il secondo elemento interessante è la previsione di crescita sulle performance che la persona potrà avere. Le aziende che sono delle ottime scuole di formazione avranno quindi un grande vantaggio competitivo perché trasformeranno in media i propri lavoratori da asset a buon mercato a asset di grande valore.
I lavoratori, che oggi si vedono "giudicati" sul piano economico dal loro stipendio, un domani lo sarebbero secondo un secondo parametro: il loro valore di mercato.
Se vogliamo cambiare le tre affermazioni con cui ho aperto questo post dobbiamo cominciare a ragionare in modo diverso sul mondo del lavoro.
E la direzione deve essere quella di mantenere democrazie liberali ma invertendo la rotta tra capitale e lavoro: dobbiamo creare sistemi che ridiano ai lavoratori molto del potere che negli ultimi 50 anni hanno perduto.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Terzo settore, riforma in 42 passi
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Npl, la riscossa di Unicredit: ora ha il portafoglio crediti più...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
Fondi pensione, patrimonio triplicato in 10 anni di riforma
La fattura si sconta sul web. Al galoppo le aziende fintech
Come riconoscere la solidità di una banca
Belpaese, solo il 37% "comprende" la finanza
«Troppo poche le cartolarizzazioni così le banche bruciano...
Pir, ci vogliono più Pmi di qualità
Nuove regole europee sulla privacy: servono 45mila esperti
Assicurazioni, il direttore finanziario diventa strategico
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Attenti a quei cinque Unicorni, startup che voleranno a...
Reati penali societari in forte aumento e lo studio legale...
Export e innovazione, la ricetta vincente delle magnifiche...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Tagliare con intelligenza. I nuovi manager che fanno...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
La volatilità delle Borse e i dubbi delle matricole
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
I manager che piacciono al private equity
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)