Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Dopo 10 mesi di terremoto le banche di San Marino provano la svolta nel 2018
di Andrea Greco
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 6 novembre 2017

L'anno delle grandi purghe a San Marino sta per finire. In queste ore i clienti di Asset Banca, che il 27 ottobre aveva siglato il contratto per cedere in blocco attivi e passivi alla pubblica Cassa di Risparmio locale, sono convocati per la migrazione e il reintegro dell'operatività, congelata a inizio estate anche sui conti correnti. E' stato forse il passaggio più delicato, ma ora la strada sembra in discesa: il riassetto del sistema finanziario è imbastito, e il segretario alle finanze Simone Celli promette che la musica cambierà dal 2018, e sarà più allegra: «Sono sicuro che da gennaio avremo una svolta per San Marino, i segnali positivi ci sono e mi aspetto un anno di ripartenza». Non lo si sarebbe detto un anno fa, quando il sistema sembrava collassare, per i problemi di liquidità, quelli patrimoniali dopo le perdite su crediti, la moral suasion sempre più incalzante del Fondo monetario, che per la Rocca è l'istituzione internazionale di riferimento. Quando a fine 2016 Celli si è insediato per conto di una lista civica, dieci anni di recessione, oltre a mangiarsi il 30% del Pil, avevano fatto deflagrare i costumi da finanza allegra, per cui i 5 miliardi di euro di attivi sotto il Monte Titano erano fioriti in 2 miliardi di sofferenze (un terzo a carico del gruppo Delta). E Carisp, leader locale, non aveva fatto meglio dei più svelti marchi privati, con giri milionari di contanti agli sportelli, crediti verso l'Italia slegati da ogni corretta gestione, fidi facili contro garanzie irrisorie, e accantonamenti a neppure un quarto della somma. «Fin da subito abbiamo deciso di far emergere i problemi piuttosto che traslarli nel tempo, anche perché non era più sostenibile - racconta Celli -. Era una cosa da fare "ora o mai più", anche per l'esigenza di intervenire su un istituto ormai nazionalizzata, che quindi deve rispondere alla collettività». Oltre mezzo miliardo è costato alla Repubblica chiudere i buchi di Carisp: somma colossale per i numeri in ballo, che sarà ammortizzata negli anni e impegnerà le future generazioni: per fortuna il rapporto tra il debito sammarinese e gli 1,2 miliardi di Pil è solo al 22%.
Inoltre anni di pressioni e rilievi del Fmi, frammiste a inchieste giudiziarie su più fronti, rischiavano di bloccare il top al percorso di accreditamento con le istituzioni internazionali, tra cui l'Europa, partito anni fa. Così il repulisti 2017 ha finito per diventare un terremoto che ha scosso dalle fondamenta la politica, le istituzioni e le banche locali (vedi cronologia in tabella; ndr: non disponibile). Quello che ne uscendo è un sistema finanziario a due gambe: una Carisp sempre più pubblica con uomini e prassi nuovi, chiamati a ripristinare i profitti; e un pugno di banche private che con le loro forze dovranno ripulire i libri e rispondere al controllo qualità in corso. L'asset quality review della banca centrale locale è agli sgoccioli: siamo ai confronti finali e presumibilmente emergeranno carenze patrimoniali e sui presidi di controllo e di gestione; ma la Rocca non toglierà altre castagne dal fuoco ai privati. Le disavventure di questi anni hanno "alleggerito" il sistema finanziario locale, che pesava per un quarto del prodotto lordo e ora si aggira sul 15-18%. Ma Celli spera che le banche superstiti possano rivelarsi più sane e adatte alle sfide future. Quella principale sarebbe fare di San Marino un piccolo «hub finanziario», come spiega lo stesso responsabile del Tesoro: «Nel continuare la strada di trasparenza e accreditamento presa, guardiamo a un sistema competitivo e internazionalizzato, che sappia confrontarsi con il mercato dei capitali grazie a diversi fattori di competitività come la fiscalità leggera, la collocazione geografica al centro del Mediterraneo con cultura europea ma un rapporto di sola associazione rispetto all'Unione (in fase di negoziazione, ndr), una burocrazia snella e un'amministrazione attenta alle imprese». Uno snodo dove importare ed esportare professionalità che il governo vorrebbe concentrare su specifiche nicchie: «Stiamo studiando un quadro normativo incentivante per la tecnofinanza (Fintech) e per la finanza verde (trading energetico), puntiamo poi sul settore assicurazioni e riassicurazioni». Perché i propositi si concretizzino, tuttavia, bisogna prima mettere in bolla i conti pubblici, che la "manovra bancaria" del 2017 ha squilibrato. Nell'anno nuovo San Marino dovrà dotarsi di mezzi freschi liquidi, sia per il fabbisogno statale che per completare la ricapitalizzazione di Carisp. Si stima serviranno fino a 200 milioni, e Celli ha già iniziato il giro delle sette chiese tra Bruxelles e Washington. Il prestito potrebbe venire da un altro Stato, o da istituzioni sovranazionali tipo Fmi, Bers, Bei. Quel che conta è voltare pagina presto: «La ristrutturazione va chiusa celermente, altrimenti l'incertezza può diventare cronica e minare la fiducia e la credibilità degli attori».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Generi cassa oppure bruci cassa?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Bancarotta, estesa la non punibilità
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Pagamento in contanti: quando si rischia
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
Le incognite che vede la Bce
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)