Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.614
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Dalle grida alla giungla elettronica il business corre al nanosecondo
di Mariano Mangia
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 13 ottobre 2014

Trading e tecnologia, un binomio indissolubile. La tecnologia ha decretato la sparizione o quasi delle borse fisiche, dei sistemi di asta alle grida dove gli operatori letteralmente urlavano le loro proposte di acquisto o di vendita, a favore delle contrattazioni elettroniche. Il primo sforzo della tecnologia è stato dunque quello di creare piattaforme telematiche per gli scambi e di connettere queste piattaforme con broker e banche. Connettere assicurando sicurezza e, soprattutto, velocità. All'inizio del nuovo millennio un ordine impiegava secondi per raggiungere la borsa. Le reti a fibra ottica hanno consentito di ridurre questo tempo nell'ordine dei millisecondi, oggi si misura in nanosecondi, grazie alle più veloci reti a microonde, alle reti millimetriche e più recentemente, visto che questi sistemi di trasmissione e, in particolare, le loro antenne paraboliche, sono vulnerabili a pioggia, vento e perfino agli stormi di uccelli, alle reti laser. Ma la tecnologia ha soprattutto consentito di far partecipare direttamente all'attività di negoziazione l'utente finale, il risparmiatore al dettaglio. Il primo tentativo di collegare un cliente a un broker azionario risale al 1982. Il servizio si chiamava Naico-Net e consentiva agli utenti di inviare gli ordini, tramite Pc o telex, a una società di brokeraggio, la North American Investment Corp. Il costo era piuttosto salato, ma nella pubblicità compariva per la prima volta l'espressione "Fate trading online".
E' stato però l'avvento di internet a segnare la svolta. Si ritiene che la prima società ad aver eseguito una negoziazione online sia stata, nel 1994, la K. Aufhaser & Co, poi rilevata da Ameritrade; negli anni successivi società come E-Trade e Ameritrade iniziarono a offrire servizi di negoziazione online a commissioni inferiori a quelle di un broker tradizionale, per poi essere seguite da altri "discount" broker e via via dagli operatori tradizionali che affiancavano l'online ai canali tradizionali, lo sportello dedicato, il "borsino" delle nostre banche, e il telefono. Oggi, tutte le principali banche includono nell'operatività di home-banking la possibilità di impartire ordini di compravendita dal computer di casa, mentre per gli investitori che effettuano un maggior numero di operazioni, i "trader", sono state sviluppate da operatori bancari e broker indipendenti, piattaforme di negoziazione online più sofisticate ed evolute. Anche qui, i progressi della tecnologia hanno consentito di ampliare l'universo investibile, di arricchire di contenuti queste piattaforme, di migliorarne la fruibilità. Dalle azioni del mercato domestico si è passati alle borse azionarie di tutto il mondo; si sono poi aggiunte le obbligazioni, le materie prime e, più recentemente, i mercati valutari. Si può investire in strumenti finanziari innovativi, come opzioni e future, certificati di investimento, covered warrant o i Cfd, contratti derivati nei quali le parti scambiano la differenza di prezzo che matura su un titolo azionario, un indice o una qualsivoglia altra attività finanziaria. La novità più recente è rappresentata dalle opzioni binarie, strumenti che consentono di guadagnare un importo prefissato o di perdere il prezzo pagato, a seconda se l'attività sottostante sale o scende, se tocca o meno un certo prezzo o in base ad altre condizioni "binarie". I broker non si limitano a verificare e veicolare gli ordini di compravendita sul mercato di negoziazione, o, nello smart order-routing, a cercare il mercato dove eseguire l'ordine al miglior prezzo. In alcuni casi offrono alla clientela più sofisticata, il Direct Market Access, l'accesso diretto al mercato, il poter inserire ordini di acquisto e di vendita direttamente nel book della borsa. Crescono, poi, numero e qualità dei servizi offerti a supporto dell'operatività. L'utente può contare su alert, che segnalano il superamento di soglie di prezzo, e su sistemi di stop loss, la chiusura automatica di una posizione al raggiungimento di un prezzo prefissato. Quotazioni, grafici, analisi e indicazioni operative consentono di seguire in tempo reale i propri investimenti e di valutare le opportunità di acquisto o di vendita. La clientela più sofisticata può arricchire la piattaforma base con pacchetti aggiuntivi che consentono, ad esempio, di valutare e testare strategie in opzioni, di fare trading direttamente dai grafici o di collegare grafici a un sistema di trading e di testarne a ritroso l'efficacia. Non c'è neanche il rischio di perdersi tra le varie schermate, perché sempre più piattaforme consentono di comporre a proprio piacimento, in una sorta di mosaico, le informazioni e i dati da visualizzare. Gli ultimi sviluppi della tecnologia, infine, stanno cambiando le modalità di utilizzo del trading online. Grazie alle app sviluppate dagli operatori, oggi è possibile verificare attraverso uno smartphone o un tablet l'andamento delle quotazioni e operare sui mercati, anche se si è fuori casa, in vacanza o in viaggio per lavoro, in molti casi senza dover rinunciare ad alcuna delle funzionalità offerte dalla piattaforma online.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Assicurazioni, il direttore finanziario diventa strategico
Le matricole di Piazza Affari crescono e battono gli indici
Npl, ora la battaglia si sposta sulle sofferenze con ipoteca
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Cuneo fiscale, chi guadagna con il taglio
Reati penali societari in forte aumento e lo studio legale...
Professionisti, in calo le iscrizioni dei giovani
La lezione di Bob Kennedy. Al di là del Pil c'è la realtà
Banche alla prova del Tltro. Il grande rischio: perché i...
Revisori legali, continua il braccio di ferro
Superstipendi dei manager: gli azionisti vogliono una stretta
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Stipendi, ecco chi paga di più
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Cfo, la sfida tecnologica sui big data
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Così Mani pulite ha trasformato il diritto penale...
I dirigenti senza lavoro sono 10 mila e le Pmi continuano...
Bail-in banche, fondi e Sicav si salvano ma ora spunta un...
La sfida: intercettare i desideri dei talenti
«Gli apocalittici hanno torto. Ecco perché»
«Che stamo a fa'...» e fu storia
Aiuto, si è ristretta Piazza Affari. La fuga dei big affossa...
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
Banche: nel 2016 bruciati risparmi per 15,6 miliardi di...
Poste, il risparmio tradito da quattro fondi immobiliari
Droni, trattori senza pilota e software: l'agricoltura 4.0...
Finanza, ancora questa sconosciuta. Gli italiani i meno...
Formazione, via al rush finale
Prendi l'arte e mettila negli uffici così aumenta la...
Banche, il rischio di indebolire i gruppi forti per salvare i...
Le figure dirigenziali che trovano sempre lavoro
La carica delle sofferenze: 66 miliardi sul mercato
Fare business responsabile. Il ruolo degli imprenditori
Se l'azienda non paga il Tfr è possibile chiederlo all'Inps?
Sanzioni più severe per i revisori contabili
Banche d'affari e commerciali, una separazione voluta dal...
«Bene le norme sul recupero crediti ma più equilibrio...
Credito parallelo, una chimera: mercato specializzato cercasi
Pressing sulle banche, la Svizzera non è più l'America
Azioni, obbligazioni e quotazioni grandi portafogli a rischio...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)