Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove procedure
di Giorgio Pogliotti e Claudio Tucci
Il Sole 24 Ore
Venerdì 8 dicembre 2017

La prima vera deroga al jobs act riguarda gli ammortizzatori sociali. Dal 2018, secondo la legge di Bilancio all'esame della Camera, ci saranno tre opzioni per gestire le situazioni di crisi. Per le imprese di rilevanza economica strategica, con più di 100 dipendenti, scattano fino a 12 mesi in più di cassa integrazione straordinaria in presenza di un programma di riorganizzazione che preveda investimenti complessi non attuabili nei canonici 24 mesi di durata attuale. La seconda opzione riguarda le imprese delle 12 aree di crisi complessa: anche in questo caso ci potrà essere un prolungamento di 12 mesi per Cigs e mobilità. La terza novità, per evitare i licenziamenti collettivi, consente di anticipare su base volontaria e con accordo con il sindacato l'assegno di ricollocazione (da 250 a 5mila euro) ad una quota di lavoratori in Cigs per essere accompagnati verso un nuovo lavoro entro 12 mesi (attualmente bisogna essere disoccupati da almeno 4 mesi).
Con 200 milioni nel biennio fino a 12 mesi di Cigs in più
Con le novità contenute nella legge di Bilancio, si cerca di porre rimedio alle più stringenti regole sugli ammortizzatori sociali contenute nel Jobs act, considerando anche che è stata abolita la mobilità. Il primo ammorbidimento delle regole riguarda le aziende di rilevanza economica strategica: l'allungamento della Cigs varrà per il 2018 e il 2019 e sarà finanziato con 100 milioni per ciascuno degli anni, provenienti dal Fondo sociale per l'occupazione. Possono proseguire la Cigs per 12 mesi in caso di riorganizzazione o prorogarla di 6 mesi in caso di crisi aziendale.
La proroga "ponte" dell'ammortizzatore straordinario potrà scattare se il programma di riorganizzazione aziendale prevede «investimenti complessi» non attuabili nel tetto massimo di 24 mesi di Cigs; o se sono in pista «piani di recupero occupazionale», compresi gli interventi di ricollocazione degli esuberi. Nel caso ci sia bisogno di «interventi correttivi complessi» (finalizzati, comunque, a garantire continuità dell'attività aziendale e salvaguardia dell'occupazione) si potrà autorizzare un "prosieguo" di Cigs fino a un massimo di sei mensilità. Per ottenere 12 o 6 mesi aggiuntivi di cassa straordinaria l'impresa dovrà presentare piani di gestione che prevedano «specifiche azioni di politiche attive» concordati con le regioni interessate.
Faro acceso su 29 aziende con 8.359 lavoratoriin Cigs
La relazione tecnica alla legge di Bilancio fa riferimento ad una platea di 29 aziende interessate, con almeno 101 dipendenti, che presentano complessità occupazionali ed hanno esaurito, o stanno per esaurire, i limiti massimi di utilizzo dell'ammortizzatore sociale. Sono coinvolti 8.359 lavoratori sospesi in Cigs a zero ore. Per l'operatività della norma il ministero del Lavoro sta verificando se pubblicare una circolare applicativa o ricorrere ad un decreto ministeriale con criteri generali, trattandosi di risorse erogate "a rubinetto", fino ad esaurimento del fondo occupazione. Se l'azienda ha i requisiti presenta la domanda, poi serve un accordo in sede governativa.
Proroga della Cigs per le 12 aree di crisi complessa
Per le 12 aree di crisi complessa si utilizzeranno le risorse non spese. Per le richieste di ottenere la proroga di 1 anno della Cigs e della mobilità nel 2016 sono stati stanziati 216 milioni con richieste per 167 milioni, e 117 milioni sono stati assegnati per il 2017. «Sia per la proroga della Cigs per le aree di crisi complessa che per le aziende strategie si può anticipare l'assegno di ricollocazione con vantaggio sia per il lavoratore che per l'impresa», spiega il presidente di Anpal, Maurizio Del Conte.
Politiche attive per esuberi delle aziende in crisi
La terza novità è che il personale in Cigs delle aziende in crisi potrà accedere all'assegno di ricollocazione senza aspettare di essere licenziato, con un vantaggio per entrambe le parti. La procedura prevede il ricorso allo strumento della conciliazione che protegge l'impresa da possibili contenziosi, inoltre l'indennità è defiscalizzata per i primi nove mesi. «Il lavoratore avrà il 50% della cassa residua - spiega Del Conte - ipotizzando che venga ricollocato dopo 6 mesi, potendo beneficare ancora di 18 mesi di Cigs, si metterà in tasca l'equivalente di 9 mensilità di Cigs. In più il lavoratore prenderà lo stipendio dalla nuova impresa che, a sua volta beneficerà dell'agevolazione fiscale già prevista per chi assume dalle liste di mobilità, ovvero dello sgravio contributivo di 18 mesi al 50% per chi assume i ricollocati. Il vantaggio va anche al vecchio datore di lavoro che ha interesse a smaltire la lista lavoratori in esubero prima di arrivare ai licenziamenti collettivi».
Come funziona l'assegno di ricollocazione per i lavoratori in Cigs
L'assegno ricollocazione viene pagato al centro per l'impiego o all'agenzia privata accreditata solo a ricollocazione effettuata, e va da 500 euro (250 euro al Sud sotto i 3 mesi di assunzione) a 5mila euro (alla stipula di un contratto di almeno 12 mesi), a seconda della complessità della situazione. Con la novità introdotta dalla legge di Bilancio, nel frattempo il lavoratore prende la Cigs e viene coinvolto attivamente nella ricerca del nuovo posto di lavoro (un tutor lo segue nella profilazione, nella compilazione del Cv). Sono disponibili 200 milioni per il 2018, finanziati in larga parte dal raddoppio del contributo a carico dell'azienda per i licenziamenti collettivi.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Bancarotta, estesa la non punibilità
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Pagamento in contanti: quando si rischia
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
Le incognite che vede la Bce
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)