Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.628
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Credito, resta forte la dipendenza dalle banche
di Sibilla Di Palma
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 19 dicembre 2016

Nonostante tutto, le imprese italiane restano ancora fortemente dipendenti dalle banche. Negli ultimi tempi molto si è detto a proposito della maggiore resistenza degli istituti di credito a concedere prestiti (sia per la mole di crediti deteriorati accumulata, sia per le nuove regole comunitarie sui requisiti di capitale) rispetto al pre-crisi e sono stati introdotti nuovi strumenti legislativi per favorire la diversificazione delle fonti di finanziamento, ma la situazione di fondo resta a grandi linee la stessa. Secondo uno studio realizzato dal Centro Studi di Unimpresa, sui 750,5 miliardi di euro erogati alle aziende a giugno, 510,8 miliardi (68,07%) provenivano dalle banche, 94,8 miliardi (12,64%) da altri intermediari, 37,8 miliardi (5,04%) da enti pubblici, 12,3 miliardi (1,64%) da altri privati e 94,6 miliardi (12,61%) da soggetti esteri. Una composizione che è sostanzialmente rimasta invariata rispetto allo stesso mese dello scorso anno. «I dati mostrano una dipendenza troppo marcata delle imprese italiane dalle banche — sottolinea Claudio Pucci, vicepresidente dell'associazione — In altri paesi la ripartizione delle fonti di finanziamento è caratterizzata da un maggior equilibrio, mentre questo forte legame indebolisce la capacità delle aziende del nostro Paese di andare a trovare capitali per investire e crescere». Un tema più volte evidenziato anche dal Fondo Monetario Internazionale, che ha definito la dipendenza delle aziende italiane dal credito bancario "un problema serio". Anche perché le imprese continuano a doversi confrontare con le difficoltà di accesso al credito. Secondo l'indagine di Unimpresa, le erogazioni di nuovi finanziamenti lo scorso giugno hanno visto un calo di 1,5 miliardi (-0,21%) rispetto allo stesso periodo del 2015. In particolare, le banche hanno tagliato 1,02 miliardi (-0,20%), gli altri intermediari hanno ridotto i crediti per 745 milioni (-0,78%) e i soggetti privati hanno sforbiciato i finanziamenti per 1,4 miliardi (-10,32%). Va però detto che lo scenario non è immobile. Ci sono nuovi strumenti normativi e un interesse crescente delle imprese verso la diversificazione nei finanziamenti. Un esempio arriva dai minibond, strumenti che consentono anche alle società non quotate di emettere dei titoli di debito a favore di investitori qualificati secondo regole e facilitazioni fiscali in passato previste solo per le realtà quotate. Per dare qualche numero, secondo il "Minibond Scoreboard: Market Trends", a fine ottobre i titoli presenti sull'ExtraMOT Pro (il listino dedicato di Piazza Affari) sono arrivati a quota 201, con 23 nuove emissioni solo negli ultimi tre mesi, per la stragrande maggioranza a opera di aziende con un fatturato inferiore ai 50 milioni di euro. Intanto comincia a prendere piede l'Aim Italia, il listino di Piazza Affari riservato alle Pmi, con procedure di ammissione e comunicazione semplificate (il che significa costi più bassi) rispetto al mercato principale. Attualmente le società quotate sono 79, un numero che continua a crescere di anno in anno (a fine 2014 erano 54), con una capitalizzazione che si aggira intorno ai 2 miliardi e mezzo di euro. E cresce, pur restando distante da altri Paesi europei, il mercato del private equity. L'associazione di settore Aifi segnala che nel primo semestre dell'anno gli investimenti sono cresciuti del 174% rispetto allo stesso periodo del 2015, a quota 4,9 miliardi di euro, a dimostrazione di una maggiore disponibilità degli imprenditori ad aprire il capitale a investitori istituzionali.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Banche e assicurazioni hanno ancora dei vantaggi sui...
La riscossa degli executive, più posti di lavoro entro il 2020
Mercato sofferenze bancarie ai nastri di partenza, 60...
Sempre meno, sempre più in rosso: per i confidi va...
Assicurazioni, il direttore finanziario diventa strategico
Le matricole di Piazza Affari crescono e battono gli indici
Vacchi: «Il distretto alla bolognese un modello di filiera...
L'export frenato da formato bonsai delle ditte
I manager che ricuciono gli strappi generazionali
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
I gioiellieri contro le banche. Scoppia la guerra dei diamanti
«Che stamo a fa'...» e fu storia
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
La governance passa anche dagli stipendi. Stipendi dei...
La banca non risponde
Consulenza automatizzata, si può fare. Così le banche...
Stipendi dei manager: quelli degli executive crescono più...
Le disuguaglianze frenano la crescita, ridurle rilancia il Pil
Popolari e Casse non quotate, seicentomila soci appesi...
«Abbiamo georeferenziato le nostre colture»
L'Uomo dei numeri anche nelle Pmi
Formazione, via al rush finale
Prendi l'arte e mettila negli uffici così aumenta la...
«Sui derivati nuovi rischi per gli istituti di credito»
I manager impuniti nelle grandi frodi delle corporation
Pmi in salute minacciate dalle crisi internazionali
Le figure dirigenziali che trovano sempre lavoro
Arriva il rating per le Pmi, il governo studia un nuovo...
Se l'azienda non paga il Tfr è possibile chiederlo all'Inps?
Revisioni contabili, battaglia campale per le Big Four della...
Revisori sotto il controllo del Mef
Popolare di Vicenza, nulli tutti i finanziamenti «baciati»
Imprese, l'arte di gestire il cambiamento
Lavoro, chi ha paura delle nuove tecnologie
Maxibonus ai manager: il tetto francese e i numeri italiani
Certificazione di qualità così cambiano i manager delle...
Revisione, i commercialisti all'attacco
Credito parallelo, una chimera: mercato specializzato cercasi
Titoli di Stato e banche, duello nella Ue
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)