Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.692
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Così il promotore diventa consulente finanziario: «Più trasparenza e qualità»
di Sibilla Di Palma
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 1 febbraio 2016

«Con il nuovo albo unico ci sarà una valorizzazione della nostra professione: il cambio della denominazione da promotori a consulenti rispecchia un percorso che la categoria ha già intrapreso almeno negli ultimi due decenni». A parlare è Maurizio Bufi, presidente Anasf (Associazione nazionale promotori finanziari): dopo anni di attesa, e di polemiche, lo scorso 22 dicembre con l'approvazione della Legge di Stabilità 2016 l'albo dei promotori finanziari è stato trasformato in un albo unico per tutti i soggetti che erogano consulenza finanziaria. Riunendo di fatto sotto lo stesso tetto i promotori che diventano consulenti finanziari abilitati all'offerta fuori sede con un mandato di gestione da parte di una banca-rete, i consulenti fee only o a parcella e le società di consulenza finanziaria (categorie, queste ultime, che possono offrire consulenza ai clienti, ma non collocare i prodotti). Il testo prevede inoltre l'apertura agli agenti di assicurazione persone fisiche iscritti nel Rui (Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi) che potranno accedere al nuovo Albo nella sezione dei consulenti finanziari abilitati all'offerta fuori sede, su richiesta e alla condizione di aver sostenuto una "prova valutativa semplificata". In base alla nuova normativa, inoltre, l'attuale Organismo per la tenuta dell'albo dei promotori finanziari (Apf) non sarà più solo responsabile della gestione dell'albo, ma anche delle funzioni di vigilanza e dell'attività sanzionatoria sugli iscritti (compiti che nel caso dei promotori finanziari spettavano alla Consob). «Noi ci siamo dotati di un albo dal 1992, per cui siamo soggetti censiti e vigilati, lo stesso non si può dire per i consulenti fee only che, non essendo dotati di un proprio albo, non sono mai stati censiti, né sono mai stati soggetti a vigilanza». Ricomprendendo anche questi ultimi, l'approvazione dell'albo unico rappresenta dunque, secondo Bufi, «un ulteriore passo in avanti in direzione di una maggiore regolamentazione e trasparenza in un settore sempre più importante per i risparmi delle famiglie». Restano però alcune questioni che continuano a scaldare gli animi: in primis il tema della denominazione dei consulenti fee only. Come richiesto dall'Anasf, questi ultimi diventano consulenti finanziari autonomi: viene eliminato, dunque, l'aggettivo "indipendente" voluto invece fortemente dai consulenti a parcella. Un cambio di nome che, secondo Cesare Armellini, presidente dell'associazione di categoria Nafop, avrà l'effetto di confondere i risparmiatori, andando contro quanto prescritto in termini di trasparenza da Mifid 2 (la cui entrata in vigore quasi certamente dovrebbe slittare al 2018). Polemica ritenuta infondata da Bufi secondo il quale in base alla direttiva «l'aggettivo indipendente è da riferire alla modalità di prestazione del servizio e non al soggetto che la eroga. La caratteristica di indipendenza non può pertanto dirsi di appannaggio di una sola categoria di consulenti». Mentre è corretto «che i consulenti fee only vengano definiti autonomi in quanto la loro attività di consulenza non è collegata ad alcun soggetto abilitato». Per il presidente Anasf, infine, il cambio di denominazione ufficiale in consulenti introdotto con la nuova normativa rispecchia in maniera più completa l'attuale ruolo dei promotori finanziari, frutto di un percorso intrapreso da tempo, «ossia di consulenti che nell'ambito della prestazione del servizio di consulenza alla clientela, offrono anche il collocamento di strumenti finanziari». Come dimostra l'offerta di prodotti e servizi che le reti hanno messo a disposizione del mercato negli ultimi anni, in grado di coprire una gamma di esigenze molto ampia (da quelle di liquidità con i conti correnti a quelle di previdenza integrativa, con i fondi pensione, fino al mondo degli investimenti). «Vantiamo un'offerta diversificata per stile di gestione, per tipo di prodotto e per case di investimento all'insegna del concetto di architettura aperta (insieme di più convenzioni con società prodotto, ndr)». Sulla scia di una domanda di consulenza crescente da parte dei risparmiatori che oggi devono fronteggiare maggiore volatilità e incertezza rispetto al passato, considerato il calo dei rendimenti obbligazionari (in primis dei titoli di Stato) sui quali la maggior parte degli investitori italiani era abituato a puntare. Che porta a considerare scelte di investimento che offrono maggiori guadagni, ma sono anche più rischiose, come dimostra il recente caso delle obbligazioni bancarie subordinate. «Un quadro che spinge a disincentivare il fai da te e a ricorrere sempre più spesso agli operatori qualificati del settore», conclude Bufi. Come rilevato anche dagli ultimi dati di Assoreti che parlano di un momento d'oro per le reti di promozione finanziaria. Con la raccolta netta che, nei primi undici mesi del 2015, si è attestata a 24,96 miliardi di euro (a fronte dei 23,7 miliardi dell'intero 2014).

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Equo compenso per gli avvocati
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
L'Italia torna ad attrarre gli investimenti esteri, balzo del...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
Banche e imprese, un rapporto in salita
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Banche alla prova del Tltro. Il grande rischio: perché i...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Il ragno della finanza
I capitali all'estero verso il rientro. Sanzioni ridotte, ma le...
Ogni giorno nascono 4 start up tech
La Borsa "alternativa" snobbata in autunno ma ora l'Aim...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Proteggere il risparmio dovere della democrazia
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Papa: «Npl, ogni anno si svalutano del 10%»
Private equity, la ritirata degli speculatori
Il pasticcio della riforma delle Popolari e la stretta via per...
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
Manager, tre anni di magra le retribuzioni restano al palo
Credito, resta forte la dipendenza dalle banche
Intesa Sanpaolo guadagna 500 milioni con i fondi della...
Nuove regole per le banche, aiuto per le Pmi
I nodi irrisolti che pesano sulle banche a Piazza Affari
Formazione, via al rush finale
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)