Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
a cura del sito web laleggepertutti.it
Aprile 2016

Pubblicato sul sito www.laleggepertutti.it in data 20 aprile 2016.

* * *

Effettuare un prelievo dal conto corrente in banca o alle poste è un'operazione estremamente semplice, cui peraltro la legge non pone alcun limite o vincolo. Tuttavia, è bene conoscere alcune regole di prudenza, sia per dipanare una serie di dubbi e di "leggende metropolitane" che circolano in merito, sia per evitare possibili problemi con il fisco. Risponderemo, quindi, ad alcune delle domande più frequenti che vengono puntualmente fatte sull'argomento.

È possibile prelevare al di sopra di 3000 euro?
In Italia non esiste un limite di importo che può essere prelevato dal conto corrente. Non è corretto, quindi, sostenere che si possa prelevare più di tremila euro a condizione che ciò avvenga a più riprese. In un'unica operazione, il correntista potrebbe anche prelevare più di 3.000 euro.
Come noto, la legge di Stabilità 2016 ha elevato il tetto del contante da 1.000 a 3.000 euro: fino a 2.999,99 euro si può utilizzare il denaro cash mentre, al di sopra di tale soglia, bisogna valersi di strumenti tracciabili come il bonifico o il pagamento con carte di credito o di debito (bancomat). Questo limite però vale solo per gli spostamenti di denaro tra soggetti diversi (anche se appartenenti allo stesso nucleo familiare). Non vale, invece, nel caso di prelievi o versamenti dal e sul conto corrente, in quanto il denaro non passa di proprietà ma resta sempre nella titolarità del correntista (che prima ne aveva affidato solo la custodia alla banca o alla posta).
Concludendo, il correntista può prelevare, in un colpo solo, anche tutto l'ammontare di denaro depositato in conto, benché sia superiore a 3.000 euro. Il dipendente allo sportello non può impedire tali operazioni. Ci risulta, tuttavia, che spesso, nella pratica, i dipendenti della banca o delle poste frappongano una serie di ostacoli, avvisando il correntista che, qualora superi la soglia di 3.000 euro, scatta una segnalazione per riciclaggio di denaro. Nulla di più falso.
È vero che, per gli importi superiori a 12.500 euro vi è il divieto di trasferire somme di denaro senza un intermediario abilitato (come appunto la banca), il che è richiesto dalla normativa sull'antiriciclaggio. Oltre a ciò, è anche vero che per prelievi di consistenti somme di denaro, la banca è tenuta solo a chiedere al correntista l'uso che egli intende fare di tale denaro e, laddove l'operazione dovesse risultare sospetta, dovrebbe segnalarlo all'UIF (unità di informazione finanziaria) che, a sua volta, potrebbe (nei casi più gravi) segnalarlo alla Procura della Repubblica per le indagini. Insomma, l'eventualità è remota e, soprattutto, confinata ai casi più torbidi.

Con quale frequenza è possibile prelevare dal conto?
La risposta alla prima domanda implica anche una risposta a quest'altra: se non vi sono limiti al prelievo di contanti, non ve ne sono neanche alla frequenza del prelievo, che ben potrebbe avvenire giornalmente, settimanalmente, mensilmente o anche più volte nell'arco della stessa giornata (salvo, in caso di utilizzo del bancomat, il limite imposto alla carta per ragioni di sicurezza).

Che problemi possono sorgere se prelevo somme elevate?
L'unico problema che potrebbe sorgere, per chi preleva consistenti somme di denaro – a prescindere, quindi, dal limite di tracciabilità di 3.000 euro – è quello di un controllo fiscale. Come abbiamo infatti spiegato in Il prelievo dal conto senza indicazione del beneficiario è evasione, potrebbe capitare (e con gli imprenditori è molto frequente) che l'Agenzia delle Entrate chieda giustificazione circa la destinazione del denaro e, se il contribuente non la fornisce, potrebbe subire un accertamento per evasione fiscale. Infatti, il prelievo di consistenti somme di denaro si presume essere effettuato ad uso investimento e, in quanto tale, suscettibile di procurare altro reddito: la mancata tracciabilità di tale spostamento è dunque una presunzione di "nero". Certo, questa regola non si applica al prelievo di poche centinaia di euro effettuate per fare la spesa, anche se la frequenza del prelievo è piuttosto costante (due o tre volte a settimana). Non esistendo, in merito, una norma o una regola generale, l'opportunità di un accertamento va valutata caso per caso, sulla base del reddito del contribuente e del tenore di vita da questi sostenuto.
Ecco perché, a prescindere dal superamento della soglia di utilizzo del denaro contante (che come detto non è di ostacolo al prelievo dal conto), è sempre consigliabile – quando il denaro debba essere destinato a uno specifico acquisto – effettuare un bonifico o pagamenti con assegno o carta di credito.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Stampa il piano di ammortamento mutuo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Più tempo per la formazione
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Piazza Affari, ecco i compensi dei manager
Ma il gig worker guadagna spiccioli
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
La persona torna al centro, la tecnologia fa da supporto...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
Robo-advisory per small e mid cap
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Sinai: «Attenti agli eccessi del liberismo»
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Consulenti finanziari autonomi al via
È pignorabile una polizza?
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Banche italiane più sicure: la classifica
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Riforma dei confidi in salita
Le incognite che vede la Bce
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
Italia, ottime idee ma poche risorse. Così i brevetti non...
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)