Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano: già a quota tredici
di Luigi Dell'Olio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 19 giugno 2017

Spac a quota tredici. E ora arriva la spinta dei Pir. La prossima Spac porterà la firma di Equita e Private Equity Partners. Sarà il frutto della joint-venture siglata tra l'investment bank e la società d'investimento fondata da Fabio Sattin e Giovanni Campolo con l'obiettivo di dar vita a progetti congiunti nel private capital. Finora sono 13 le Special Purpose Acquisition Company sbarcate a Piazza Affari, con un'accelerazione negli ultimi mesi che sta a evidenziare l'interesse del mercato per questo strumento che consente alle imprese italiane di accedere al mercato dei capitali, evitando così di finire in mani straniere. «Si tratta di veicoli di investimento contenenti esclusivamente cassa, costituiti appositamente per raccogliere capitale da impiegare poi per operazioni di fusione o acquisizione di aziende da accompagnare al listino», spiega Simone Strocchi, che è il presidente dell'associazione di settore Aispac, nonché l'antesignano di questo mercato, avendo quotato nel giugno 2011 Made In Italy 1, con una raccolta di 50 milioni di euro. «Una volta individuata la società target, avviene l'acquisizione per cui la Spac e l'azienda si fondano e quest'ultima risulta già quotata». Questo significa che, nel momento in cui avviene la raccolta del veicolo finanziario, chi decide di investire sull'iniziativa diventandone azionista, non ha visibilità sull'azienda che verrà acquisita, né un'idea di massima dei possibili ritorni, ma ha la possibilità di recedere, ricevendo il rimborso della propria liquidità se deciderà di non aderire all'operazione che verrà presentata. Ecco perché tra i fondatori di queste realtà ci sono spesso nomi e apprezzati dalla comunità finanziaria. «L'aspetto professionale è fondamentale», spiega Strocchi, con un passato in realtà come il gruppo Intesa e Banca Commerciale Italiana e poi fondatore di Electa, che si occupa tra le altre cose di consulenza per fusioni e acquisizioni. Nella prima esperienza è stato affiancato da Matteo Carlotti (già Chase Capital Partners Italia), che poi ha quotato anche GreenItaly1, e Luca Giacometti (con una lunga esperienza come advisor del private equity). Made In Italy ha poi acquisito la minoranza dell'azienda It Sesa, con quest'ultima che ha proseguito il cammino a Piazza Affari e oggi capitalizza poco meno di 400 milioni di euro. «Lo sbarco in Borsa ha consentito all'azienda di risolvere tematiche di avvicendamento azionario e di reperire capitali che sono stati reinvestiti per la crescita sia interna, che attraverso acquisizioni di partecipazioni in altre aziende che svolgono business complementare», aggiunge Stocchi. Che ricorda come il percorso di crescita abbia consentito a Sesa di passare in due anni sullo Star, il listino di Borsa Italiana dedicato alle medie aziende con elevati requisiti. Il successo di questa prima iniziativa ha spinto la costituzione di altre Spac, tutte messe in piedi dalla fine del 2014 in avanti. Come Space, promossa da Sergio Erede (numero uno dello studio legale BonelliErede) e Gianni Mion (già ad di Edizione, la holding della famiglia Benetton e attuale presidente della Popolare di Vicenza), replicata poi altre due volte (Space 2 e Space 3). Mentre Attilio Arietti (con una lunga consulenza nell'm&A) e Giovanni Cavallini (a lungo a capo di Interpum) hanno fin qui promosso due versioni di Industrial Stars of Italy, alle quali si aggiunge l'evoluzione di Ipo Challenger (lanciata da Strocchi ed Electa), Spac dinamica alimentata dal fondo Ipo Club, lanciato da Azimut proprio per sostenere una serie di questi veicoli. «Tutte soluzioni», conclude l'esperto, «che consentono di «reperire capitali per la crescita, senza i vincoli tipici del private equity». Il riferimento è al fatto che nei deal con i fondi in genere viene previsto il diritto del fondo a vendere la propria quota trascinando il 100% del capitale, mentre nel caso delle Spac «gli investitori possono gestire in tempi diversi l'exit in Borsa e l'imprenditore può ottenere iniezioni di liquidità senza essere chiamato alla vendita a termine».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Generi cassa oppure bruci cassa?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Fari puntati sulla responsabilità
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
Robo-advisory per small e mid cap
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Sinai: «Attenti agli eccessi del liberismo»
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Banche italiane più sicure: la classifica
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Startup: gli incubatori non sono investitori, ma formatori...
Atlante riapre la raccolta per salvare le tre Casse
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Crediti deteriorati: cosa sono i Non Performing Loans (Npl)?
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
Professioni, l'equo compenso agli avvocati scatena...
Le incognite che vede la Bce
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Reddito e ruolo sociale la crisi degli avvocati
Aziende, la crisi dei giovani manager
I padroni stranieri del debito pubblico: 800 miliardi di euro...
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
Fondi pensione, patrimonio triplicato in 10 anni di riforma
«Un impiego part time in banca, per i consulenti una...
Banche e assicurazioni hanno ancora dei vantaggi sui...
Dal Mise precisazioni ai revisori legali sulle cooperative
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
Attenti a quei cinque Unicorni, startup che voleranno a...
Banche, la via crucis del credito: la rete di errori da Mps...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
E gli istituti prenotano 50 miliardi di euro, è ossigeno che...
Co-Ceo, quando a comandare sono in due
Tagliare con intelligenza. I nuovi manager che fanno...
Unicorni, le start-up che valgono 647 miliardi
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)