Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Commercialisti, la svolta
di Marino Longoni
Italia Oggi
Lunedì 6 novembre 2017

La professione di dottore commercialista è a un punto critico. Sono numerosi gli elementi che testimoniano che qualcosa, di importante, sta cambiando. In particolare: l'evoluzione delle tecnologie informatiche, le dinamiche politiche e giuridiche soprattutto in tema di lotta all'evasione, gli andamenti demografici della professione. Se c'era bisogno di una conferma questa è arrivata con il sondaggio Italia Oggi/MG Research, che sarà presentato oggi, alla prima giornata del Forum nazionale dei commercialisti che si svolgerà a Milano.
Dalle risposte dei professionisti emerge che la principale criticità avvertita dalla categoria è l'aumento degli oneri burocratici, amministrativi e fiscali. Alla faccia della semplificazione fiscale, che viene sbandierata dai governi di turno a ogni occasione da almeno quindici anni.
Un altro elemento interessante è relativo alla tipologia di studio: il 78% dei commercialisti lavora in uno studio con titolare unico e solo il 19,2% in uno studio associato. Rara (sempre sotto il 10%) la presenza di altri professionisti, consulenti del lavoro o avvocati. Anche la tipologia della clientela, nella maggior parte dei casi composta da piccole imprese o da clienti privati, denuncia una relativa fragilità della professione, che si troverà a breve ad affrontare sfide non indifferenti: su queste pagine più volte si è anticipata l'intenzione dei responsabili del ministero dell'economia e dell'Agenzia delle entrate di andare in tempi brevi verso l'obbligo di fatturazione elettronica anche tra i privati, ora è arrivata la conferma, con la bozza di legge di bilancio 2018, che lo introduce a partire dal primo gennaio 2019. E non si tratta solo di un adempimento burocratico in più, che dovrà essere gestito, al solito, in tempi piuttosto brevi e senza che nessuno si preoccupi di prevedere e trovare le soluzioni ai mille problemi che si evidenzieranno solo a partire dalla sua entrata in vigore. Il direttore dell'Agenzia delle entrate Ernesto Ruffini ha già dichiarato che la disponibilità di questi dati metterà la sua struttura in grado di realizzare sia le dichiarazioni (Iva e dei redditi) precompilate per le Pmi, sia la contabilità e persino i modelli di pagamento precompilati. E' solo questione di tempo, ma la volontà politica è chiara. La conseguenza è che una serie di adempimenti che danno da mangiare alla fascia bassa della professione di commercialista, sarà tolta dal mercato. Soffriranno soprattutto i piccoli studi, più numerosi al Sud e nelle isole. Sopravviverà chi riuscirà a capire per tempo l'evoluzione del mercato e a trovare modalità di adattamento efficaci. E qui cominciano i problemi. Dal sondaggio di Italia Oggi/MG Research emerge infatti che tra le misure che i professionisti stanno pensando di adottare per migliorare la loro posizione sul mercato, la più gettonata è la diversificazione della clientela (quasi il 15% delle preferenze). Al secondo posto, con un distacco notevole, la crescita degli investimenti in software (6,5%) e al terzo posto ancora la diversificazione dei servizi erogati (6,2%). Al contrario, il presidente del Consiglio nazionale dell'ordine dei commercialisti, Massimo Miani, che certamente ha ben chiara la situazione della sua categoria e gli scenari politici che si trova davanti, sostiene che la soluzione è quella della specializzazione: solo attraverso un progressivo affinamento delle proprie competenze in settori ad alta profittabilità e dove ancora non c'è molta concorrenza, il professionista può sperare di non essere inghiottito dalla palude delle dichiarazioni-contabilità, che tra pochi anni si ridurrà, ben che vada, alla apposizione di un visto di conformità su un lavoro già precompilato dall'Agenzia delle entrate. Questi gli scenari di partenza: nei tre giorni di dibattito che si aprono oggi all'Hotel Melià di Milano, l'obiettivo di tracciare una rotta verso la professione del futuro.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Borsa e crowdfunding: così il credito è alternativo
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
Troppi lacci frenano il credito in Europa
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Piccolo è ancora bello purché però sia 4.0
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
Il factoring corre più veloce della ripresa
La punta di diamante dell'inganno bancario
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
Mettersi in proprio: idee e segreti. Lavoro autonomo o...
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
Anche Unionfidi Piemonte in liquidazione, ecco perché...
Robo-advisory per small e mid cap
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Il prelievo dal conto senza indicazione del beneficiario è...
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
È pignorabile una polizza?
Cet1 delle banche italiane: la classifica 2017
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
E se i lavoratori avessero il cartellino come i calciatori?
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Quando, e perché, gli esseri umani iniziarono a usare il...
Terzo settore, riforma in 42 passi
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Da Torino a Pescara, i confidi al capolinea si moltiplicano
La valenza politica della risorsa risparmio, in cerca di...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)