Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
di Ada Lazzari
Settembre 2017

Pubblicato sul sito www.linkedin.com in data 27 settembre 2017.

* * *

Le tematiche del controllo di gestione stanno tornando di grande attualità, complice la crisi ,non tanto congiunturale quanto strutturale, che ha colpito anche il nostro paese dal 2008.
Lo scenario economico in cui le aziende italiane si sono trovate e si trovano ad operare ,caratterizzato da forti pressioni competitive, ha imposto al controllo di gestione una evoluzione sia nei contenuti e processi, sia nella strumentazione.
E' necessario superare in modo definitivo il significato "negativo" di controllo, sinonimo di ispezione, a favore di un ruolo proattivo che vede il controller quale partner nella definizione degli obiettivi, nel fissarne i target, e nel programmare le azioni da intraprendere.
Dal ruolo ispettivo ad un ruolo di supporto nella gestione del business.

Dal puro controllo ex-post ad un controllo strategico
Ai tradizionali strumenti di pianificazione e controllo, ad esempio la contabilità analitica per centri di costo, il budget, il calcolo del costo del venduto, si è aggiunto un set di sistemi e metodologie innovative che vanno oltre il concetto di efficienza introdotto da Robert Anthony, fondatore della teoria Management Control.
Il controllo di gestione ha dovuto evolversi, ampliando il proprio dizionario.
L'affermarsi di un cliente più esigente, attento alla qualità, con richieste di tempi di consegna sempre più stretti, di prodotti altamente differenziati o personalizzati, ha comportato per le aziende il dover affrontare e gestire una sostanziale crescita della complessità.
Il controllo di gestione ha dovuto adeguarsi, attrezzarsi per gestire l'aumento della complessità.
Calcolare la redditività rimane un punto cruciale di analisi, ma non è più sufficiente, è necessario indagare le cause, le determinanti dei risultati conseguiti per poterli gestire ed influenzare.
I tradizionali concetti di efficacia ed efficienza nell'impiego delle risorse si arricchiscono dell'esigenza di indagare le cause del costo delle risorse.
Il dizionario del controllo di gestione si correda dell'innovativo strumento Activity Based Costing, che, analizzando il reale consumo di risorse da parte delle attività aziendali, finisce per indagare le cause dei costi, per conoscere non solo come si spende, ma perché e per chi si spende.
L'Activity Based Costing non è solo uno strumento per calcolare il costo di prodotto in maniera più puntuale, ma è uno strumento di gestione strategica come parte integrante in un percorso di cost management o meglio identificato come Strategic Cost Management.
Una gestione aziendale attenta ai costi dovrebbe essere un comportamento aziendale ordinario, ma così non è stato e l'esigenza di razionalizzare e ottimizzare l'impiego delle risorse è entrato nel dizionario gestionale quando è diventato sempre più difficile agire sul lato dei ricavi.
Fare Strategic Cost Management significa intervenire in profondità sulle modalità di impiego delle risorse, consapevoli che anche un modesto risparmio dei costi può avere un impatto sul risultato economico equiparabile ad un ragguardevole incremento del fatturato.
Strategic cost management che non deve essere associato ai progetti di mero taglio dei costi, cost cutting o cost killing.
L'attuale sistema competitivo, che la letteratura ha identificato "ipercompetizione", impone alle aziende in modo sempre più deciso di dotarsi di piani strategici conclamati, di strumenti gestionali in grado di verificare l'attuazione dei piani.
Nel vocabolario del controllo di gestione è stato introdotto il concetto di Comportamento Organizzativo, ovvero sia il riconoscimento di come le scelte a livello di organizzazione aziendale influenzino il raggiungimento degli obiettivi.
Accanto ai tradizionali indici economico finanziari si sono sviluppati sistemi di misurazione e controllo delle performance per valutare i risultati della struttura organizzativa che ci si è dati.
Le misure segnalano che cosa è importante per l'azienda e progettare un sistema di performance influenza in modo sostanziale i piani operativi.
Esistono diversi modelli di indicatori che sono andati ad alimentare il dizionario del controlling.
Il modello basato sull'individuazione dei Fattori Critici di Successo (FCS) o Critical Success Factors (CSF), in base al quale si identificano le aree critiche di business, nelle quali l'azienda deve funzionare perfettamente se vuole raggiungere gli obiettivi prefissati, da cui derivare gli indicatori strategici.
Il modello composto dai Key Performance Indicators (KPI), un insieme di indicatori di impostazione più operativa focalizzato ad individuare le prestazioni critiche dei processi aziendali.
La Balanced Scorecard, quale sintesi dei metodi precedenti, è un sistema di misurazione delle performance (scorecard) basato sul bilanciamento (balanced) di 4 classi di indicatori, ciascuna orientata ad una specifica prospettiva di analisi: l'area finanziaria, il cliente, l'area produttiva e la crescita.
La sopravvivenza dell'azienda è legata alla capacità di creare valore nel tempo e la turbolenza ambientale in cui le aziende si trovano ad operare ha portato nuovi fabbisogni informativi per meglio rappresentare e comprendere i processi di creazione di valore e le sue fonti, dando così visibilità anche alle risorse intangibili. Il dizionario gestionale si arricchisce della teoria del Report Integrato, o Integreted Reporting-IR.
Il comportamento organizzativo finalizzato alla creazione di valore è alla base della lean enterprise che altro non è se non un paradigma organizzativo alternativo a quello tradizionale.
Da cui la Lean Accounting, parte integrante della lean management e risposta del controllo di gestione alla necessità di uno strumento in grado di evidenziare gli impatti economico-finanziari dei risultati conseguiti dalla lean transformation.
Dall'attività di controllo di tipo feedback, controllare i costi sostenuti, ad un criterio di tipo feedforward, per cui i costi non vengono subiti, ma anticipati, gestiti già nella fase di ideazione del prodotto.
Dal cost controll al Target Costing, una metodologia gestionale che impegna tecniche e strumenti per la definizione di un costo-obiettivo di prodotto coerente con la marginalità attesa e il valore percepito dal cliente. Il Target Costing è la risposta del controlling per coniugare i bisogni del cliente e la naturale necessità dell'azienda di creare profitto.
Lean Accounting e Target Costing si fondano sulla necessità di cambiare prospettiva, orientandosi sempre più verso il mercato, il cliente.
Anche la finanza subisce un cambio di prospettiva; dalla finanza "che segue", i soldi in qualche modo si trovano, alla finanza strategica che impone di valutare ex-ante l'impatto finanziario delle scelte aziendali.
Al calcolo del break even tradizionale si affianca il calcolo del break even finanziario; si parla di crescita finanziariamente sostenibile finalizzata al calcolo del punto di non ritorno, per anticipare il pericolo di situazioni spesso irreversibili.
I nuovi vocaboli del dizionario del controllo di gestione di certo non si esauriscono qui.
Il controllo di gestione è un'attività dinamica, perché dinamico è l'ambiente in cui operano le aziende.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Terzo settore, riforma in 42 passi
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Npl, la riscossa di Unicredit: ora ha il portafoglio crediti più...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
Fondi pensione, patrimonio triplicato in 10 anni di riforma
La fattura si sconta sul web. Al galoppo le aziende fintech
Come riconoscere la solidità di una banca
Belpaese, solo il 37% "comprende" la finanza
«Troppo poche le cartolarizzazioni così le banche bruciano...
Pir, ci vogliono più Pmi di qualità
Nuove regole europee sulla privacy: servono 45mila esperti
Assicurazioni, il direttore finanziario diventa strategico
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Attenti a quei cinque Unicorni, startup che voleranno a...
Reati penali societari in forte aumento e lo studio legale...
Export e innovazione, la ricetta vincente delle magnifiche...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Tagliare con intelligenza. I nuovi manager che fanno...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
La volatilità delle Borse e i dubbi delle matricole
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
I manager che piacciono al private equity
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)