Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per valutare una banca
di Livio Spadaro
Settembre 2017

Pubblicato sul sito www.money.it in data 10 maggio 2016.

* * *

Quante volte sui giornali o in televisione si è sentito parlare del Cet1 ratio quando l'argomento sono le banche? Molti si chiedono cosa sia questo indice patrimoniale la cui sigla nasconde il ben più lungo significato di Common Equity Tier 1ratio - il parametro principale a cui le banche, investitori e risparmiatori fanno riferimento per valutare la solidità di una banca.
La BCE - come vedremo - istituisce valori soglia di Cet1 per ogni banca e per ogni Paese, anche se in linea generale il valore minimo indicato è quello dell'8%.
Il Common Equity Tier 1 da solo non è indice di solidità patrimoniale ma va inserito in un contesto valutativo di un istituto di credito di cui si parlerà nel dettaglio.
Ecco cos'è il Cet1 ratio, come viene calcolato e quale uso farne in sede di valutazione di una banca.
Cet1 ratio sempre più famoso tra bail-in, Atlante e decreto salva-banche
Il Cet1 ratio sta diventando sempre più famoso tra risparmiatori e investitori soprattutto dopo il fallimento delle 4 banche italiane interessate dal decreto salva-banche.
La costituzione del fondo Atlante poi, voluta dal governo per aiutare le banche più in difficoltà, ha riportato l'attenzione sul sistema bancario italiano che appare sempre meno solido.
Con l'introduzione a gennaio del bail-in è ormai d'obbligo saper valutare l'istituto di credito in cui versare i risparmi ed il Cet1 ratio in questo senso ci dà una mano.
Cet1 ratio: cos'è?
L'acronimo Cet1 ratio sta in realtà per Common Tier Equity 1 ratio ed è il maggiore indice di solidità di una banca. Questo rapporto, espresso in percentuale, viene calcolato rapportando il capitale ordinario versato (Tier 1) con le attività ponderate per il rischio.
Cosa significa in sintesi questo rapporto? In sostanza il Cet1 ratio ci dice con quali risorse l'istituto oggetto di valutazione riesce a garantire i prestiti concessi ai clienti ed i rischi rappresentati dai crediti deteriorati (o non performing loans).
Cet1 ratio: in Italia la BCE ha indicato come soglia minima il 10,5%
La BCE e le autorità europee hanno deciso che tale indice non può essere inferiore all'8% in tutti gli Stati, pena il commissariamento della banca come avvenuto in Italia con banca Etruria per fare un esempio.
Ad ogni Paese membro dell'UE è stato assegnato un Cet1 ratio minimo per i propri istituti e all'Italia è stato designato un 10,5% in linea generale. Si parla di linea generale poiché la BCE, tramite il meccanismo unico di vigilanza, decide di volta in volta il target di Cet1 per ogni istituto di credito.
Come viene regolato ogni singolo Cet1? La BCE periodicamente svolge gli Srep test (acronimo di Supervisor Review and Evaluation Process) che le banche devono superare. Superata la fase di test, la BCE indica all'istituto di credito interessato il target di Cet1 ratio da raggiungere in un certo periodo di tempo.
Cet1 ratio: è possibile monitorarlo?
Il Cet1 ratio è monitorabile? La risposta è sì. Ogni banca nel bilancio di esercizio, così come nei report finanziari infrannuali pubblica il Cet1 ratio rilevato in un certo periodo di tempo.
Tendenzialmente, gli istituti fanno leva proprio su questo indicatore per farsi pubblicità in quanto, come descritto in precedenza, rappresenta un indicatore di solidità dell'istituto.
Cet1 ratio: da solo non basta, ecco cos'altro controllare
Il Cet1 da solo non è sufficiente per rilevare la solidità della banca. In Italia vi sono istituti che presentano Cet1 ratio normali che non riflettono però l'ammontare di crediti deteriorati posseduti dalla banca che potrebbero mettere a rischio la normale gestione dell'attività.
È bene quindi non limitarsi esclusivamente alla visione del Cet1 ratio per valutare un istituto di credito ma è consigliabile dare un'occhiata di volta in volta alle relazioni finanziarie infrannuali e al bilancio d'esercizio. Nel particolare, si deve monitorare:
- la qualità degli impieghi;
- la redditività;
- il valore del capitale;
- notizie riguardanti la banca.
La qualità degli impieghi è da monitorare poiché inversamente proporzionale all'incidenza dei crediti deteriorati sul totale dei crediti. La redditività invece suggerisce la capacità della banca di creare valore sia per gli azionisti che per i risparmiatori.
Il capitale più alto è e meglio è poiché indice non solo della capacità della banca di erogare prestiti e mutui ma anche di porsi a garanzia dei depositari. Infine, le notizie vanno monitorate costantemente in quanto va valutata sempre la capacità del management e il sentiment del mercato verso l'istituto oggetto di studio.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere garanzie ai confidi?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Più tempo per la formazione
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Piazza Affari, ecco i compensi dei manager
Ma il gig worker guadagna spiccioli
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
La persona torna al centro, la tecnologia fa da supporto...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
Robo-advisory per small e mid cap
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Sinai: «Attenti agli eccessi del liberismo»
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Consulenti finanziari autonomi al via
È pignorabile una polizza?
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Banche italiane più sicure: la classifica
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Riforma dei confidi in salita
Le incognite che vede la Bce
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
Italia, ottime idee ma poche risorse. Così i brevetti non...
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)