Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.856
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Cercasi rating su misura per le Pmi
di Chiara Bussi
Il Sole 24 Ore
Lunedì 7 marzo 2011

C'è una zona d'ombra che il rating non riesce a individuare per valutare il profilo di rischio delle Pmi. La stella polare che guida le banche e consente di passare le imprese ai raggi X per decidere se e a quali condizioni aprire i rubinetti, non basta per intercettare la traiettoria dei "piccoli" che cercano di cogliere la ripresa.
Se ne sono accorte le banche, che stanno lavorando alla ricerca di nuovi modelli di valutazione. E lo chiedono a gran voce anche le imprese. L'ultima conferma arriva da un progetto-pilota realizzato dalla società di consulenza Alétheia e già applicato in uno dei maggiori gruppi bancari. Una sorta di stress test su un campione di 500 piccole e medie imprese per mettere a confronto il rating tradizionale con un nuovo modello basato sulla valutazione "esperienziale" dei progetti dell'azienda.
I risultati parlano chiaro: nel 27% dei casi i giudizi ottenuti con il nuovo modello sono stati peggiori delle valutazioni automatiche espresse dal rating, mentre nel 17% dei casi sono stati migliori. Per il 56% delle Pmi sotto esame, invece, il voto è rimasto invariato. «Il rating - spiega il presidente di Athéleia, Franco Rebuffo - mostra il posizionamento dell'azienda, ma non racconta il suo percorso di sviluppo: si basa su una serie di dati di cui il bilancio annuale è l'estrema sintesi, che richiedono tempo per la loro rielaborazione: esiste così uno scarto temporale, una sorta di blackout che non consente di cogliere la situazione in divenire». Occorre dunque «integrare un modello tradizionale basato su un algoritmo con un'istantanea sull'esperienza dell'azienda», dice Rebuffo, che illustrerà il suo progetto nel corso di un convegno dedicato al tema del «Credito alle imprese in tempi di instabilità», domani nella sede di Assolombarda a Milano.
Nelle banche è già iniziato il percorso alla ricerca di nuove costellazioni per farsi guidare alla scoperta delle Pmi e dare maggior voce agli aspetti qualitativi del rating. Così, oltre al classico foglio excel con l'algoritmo che riassume i dati di bilancio, è sempre più frequente un questionario sui rischi del business e viene dato un maggiore peso al giudizio del gestore che rappresenta l'interfaccia della banca con l'azienda. Intesa Sanpaolo, dice Carlo Berselli, responsabile della direzione marketing imprese, «ha realizzato modelli di rating con componenti che assumono pesi differenti a seconda delle dimensioni della controparte: ciò comporta, che per quelle piccole e piccolissime, che non presentano bilanci particolarmente strutturati, il rapporto e il giudizio del gestore è un elemento di particolare rilievo. Così, al di là del bilancio, per considerare l'erogazione del credito prendiamo in considerazione anche i piani di sviluppo, i progetti, il livello di innovazione, il management, oltre alla capitalizzazione e alla struttura finanziaria. Ma sono importanti anche le storie dell'azienda e la relazione e la conoscenza che sviluppano la fiducia».
La classificazione dei rischi della galassia del credito cooperativo, afferma il direttore generale di Federcasse, Sergio Gatti, «punta a evitare la spersonalizzazione del processo del credito, soprattutto per le Pmi ed è fondato su una profonda conoscenza delle strutture socio-economiche locali e sull'intensità delle relazioni con la clientela».
Le imprese riconoscono gli sforzi del sistema bancario e si interrogano sulla necessità di un nuovo linguaggio tra i due attori in scena. «Il contesto economico attuale - spiega il presidente di Assolombarda, Alberto Meomartini - rende indispensabile un atteggiamento particolarmente attento alla selezione del credito, ma questa selezione dev'essere intelligente». Il mondo imprenditoriale, prosegue il presidente di Assolombarda, «talvolta soffre di rapporti discontinui con il settore bancario: serve un linguaggio comune e una buona dose di elasticità». Negli ultimi due anni a livello nazionale, così come in Lombardia, sono stati fatti «importanti passi avanti per ridurre le asimmetrie tra i due mondi e uniformare il linguaggio». Tra questi, Meomartini cita lo sportello "Più trasparenza e più fiducia" creato da Assolombarda per aiutare le Pmi a presentarsi in modo diverso davanti alle banche sottolineando gli aspetti qualitativi dell'impresa. «È un percorso continuativo - precisa - che non si esaurisce qui ed è fortemente ancorato al territorio».
I lavori sono in corso, dunque, ma per gli esperti che seguono da vicino il mondo dei "piccoli" serve uno slancio aggiuntivo. Per Stefano Manzocchi, direttore della Luiss Lab of European Economics, «la tendenza in atto è un segnale importante, ma al di là delle dichiarazioni d'intenti le banche devono dimostrare che vogliono davvero "sporcarsi le mani" con le Pmi. Devono saper valutare meglio i progetti dei "piccoli" lungo due direttrici: il capitale umano e la gestione da un lato e i mercati di riferimento dall'altro». Per farlo è però necessario un salto culturale, conclude Paolo Preti, docente di organizzazione delle Pmi all'Università Bocconi di Milano: «Il rapporto personale tra banca e impresa non deve essere limitato alle senzazioni e alle intuizioni, non servono burocrati, ma operatori dotati di cultura imprenditoriale che sappiano valutare l'impresa al di là dei numeri».

* * *

Il confronto
Giudizio più severo: 27%
Percentuale di imprese che con il nuovo modello di valutazione ha registrato un peggiormanento del merito di credito.
Upgrading: 17% Percentuale di imprese che con il nuovo metodo di valutazione hanno registrato risultati migliori rispetto al rating tradizionale.
Giudizio invariato: 56%
Percentuale di imprese che hanno registrato lo stesso giudizio sul merito di credito con il rating tradizionale e il nuovo modello.

Gli strumenti
01. Il rating
Il rating è un indicatore sintetico del rischio in un intervallo di tempo definito ed è determinato da un modello di valutazione. Serve a verificare la capacità di un'azienda di generare risorse adeguate a soddisfare il servizio di debito e le modalità con cui vengono generate. Per la formulazione vengono esaminate la redditività, la sostenibilità economica del debito finanziario e la gestione del circolante. Viene periodicamente controllato e aggiornato (almeno una volta all'anno).
Il sistema di determinazione del rating si articola nei seguenti moduli:
- quantitativo: dati di bilancio, dati provenienti dalla centrale di rischio e comportamentali interni;
- questionario qualitativo: rischi di business, settore e posizionamento, il settore, il management ed il gruppo;
- giudizio del gestore.
02. I nuovi modelli
I nuovi modelli in discussione o già attuati puntano ad attribuire un maggiore peso alla componente qualitativa del rating, al rapporto personale tra banca e impresa o a focalizzarsi maggiormente sulla valutazione dei progetti dell'azienda e sul possibile impatto sul business.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Una società di capitali può essere nominata...
Categorie al fotofinish sul Gdpr
Privacy, rischi da valutare subito
Fatturazione elettronica obbligatoria, l'allarme dei...
Perché i commercialisti non ci saranno più
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Whistleblowing, tutte le incognite per chi denuncia un...
La lenta marcia dei minibond ma con i Pir potrebbero...
OK ai commercialisti specialisti
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
«Ridurre scadenze e adempimenti così si semplifica la...
Vigilanza, non scordiamoci della Consob
7 cose da fare per rilanciare la tua carriera
Moneta digitale, meno evasori e costi ma in Italia gira...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Pir, non solo bonus ma anche costi; costruire una rendita...
Bollette più leggere, arriva l'energy manager
L'ufficio è più bello se gli impiegati aiutano i designer
Dai condoni dimenticati un tesoretto da 20 miliardi
Piccole imprese: come tirarsi fuori dai debiti con 6 consigli...
Fari puntati sulla responsabilità
Mifid II, mercati più trasparenti con la "governance" della...
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Consulenti finanziari autonomi al via
Il prelievo dal conto senza indicazione del beneficiario è...
È pignorabile una polizza?
Cet1 delle banche italiane: la classifica 2017
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Banche italiane più sicure: la classifica
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
Crediti deteriorati: cosa sono i Non Performing Loans (Npl)?
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
L'ape regina in ufficio: è vero che le donne sono più...
Terzo settore, riforma in 42 passi
Money transfer, banche e giganti web a caccia di un...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
La carica degli avvocati nei cda
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)