Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue parte dalle tre Authority
di Marco Frojo
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 9 ottobre 2017

Pochi giorni prima del voto tedesco, un'incognita non da poco sulla strada che dovrà prendere l'integrazione europea, la Commissione europea ha presentato le sue proposte di riforma delle tre autorità finanziarie comunitarie. Se adottate dal Parlamento e dal Consiglio, i progetti messi a punto dall'esecutivo guidato da Jean-Claude Juncker rappresenteranno un passo importante nel completamento di quel Mercato unico dei capitali che costituisce uno dei pilastri su cui si dovrebbe reggere l'Unione Europea del futuro. Le tre autorità di supervisione coinvolte nel programma di riforma sono l'Eba, l'Autorità bancaria europea, che è guidata dall'italiano Andrea Enria e ha sede a Londra, città da cui dovrà essere trasferita per effetto della Brexit, l'Eiopa, l'Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali, con sede a Francoforte, guidata dal portoghese Gabriel Bernardino, e l'Esma, l'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati che si trova a Parigi ed è retta dall'olandese Steven Maijoor. Tutte e tre costituiscono il sistema europeo di supervisione finanziario (Esfs) che è stato varato dall'esecutivo europeo di Manuel Barroso nel 2010 all'indomani dello scoppio della crisi finanziaria nel 2008. La revisione delle loro competenze, a pochi anni dalla loro costituzione, ha l'obiettivo di accentrare le competenze in materia di sorveglianza ed eliminare così le molte discrezionalità nazionali che sono emerse dal loro attuale funzionamento, oltre alla necessità di ampliare il loro campo d'azione alle novità del Fintech che, nel 2010, non avevano la diffusione che hanno oggi. Una delle più importanti novità è però rappresentata dal fatto che le risorse per il funzionamento di queste autorità non saranno più esclusivamente pubbliche come avviene ora - sono in parte a carico bilancio comunitario e in parte degli Stati nazionali - ma vedrà anche l'intervento dei privati, ovvero delle società finanziarie stesse. I cambiamenti più significativi riguarderanno l'Esma che, secondo le proposte avanzate, sarà responsabile dell'autorizzazione e della supervisione dei cosiddetti "benchmarks", gli indicatori usati per dare un prezzo agli strumenti finanziari e misurare il reddito di fondi di investimento. L'autorità guidata oggi Maijoor dovrà poi approvare tutti i prospetti provenienti da società non europee e da alcune società europee; autorizzerà e sorveglierà alcuni fondi di investimento con un marchio comunitario, allo scopo di creare un vero e proprio mercato unico per questi strumenti finanziari e coordineerà le indagini relative agli abusi di mercato. L'Esma avrà inoltre il diritto di agire laddove "determinati ordini, transazioni o comportamenti danno origine a sospetti fondati" di operazioni che hanno implicazioni o effetti transfrontalieri per l'integrità dei mercati finanziari o la stabilità finanziaria nell'Ue.
Per questo motivo l'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati raccoglierà i dati sulle transazioni di strumenti finanziari (azioni, obbligazioni, fondi d'investimento, etc.) direttamente dagli operatori del mercato. L'Eiopa sarà invece messa nella condizione di coordinare meglio l'autorizzazione dei modelli che le compagnie di assicurazione utilizzano per calcolare i requisiti di solvibilità sul capitale. Questo, secondo la Commissione Ue, "contribuirà a superare la frammentazione e garantire una migliore e più integrata supervisione dei grandi gruppi assicurativi transfrontalieri". A tutte e tre le autorità verrà inoltre chiesta l'opinione in casi specifici, ovvero quando un soggetto di un mercato finanziario intenderà esternalizzare "in modo significativo", oppure delegare o trasferire i rischi a Paesi extra-Ue, volendo però mantenere il passaporto Ue.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Procedure d'allerta con incognita i «parametri finanziari»
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Bancarotta, estesa la non punibilità
Commercialisti, la svolta
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Ma il gig worker guadagna spiccioli
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Banche italiane più sicure: la classifica
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Come nascondere i soldi in banca
Terzo settore, riforma in 42 passi
Le incognite che vede la Bce
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Come avere successo nella vita: cinque strategie mentali...
La santa alleanza per industria 4.0, più competitività meno...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)